Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Arma finale nucleare, Chiesa: ''Usa si preparano a usarla, Europa pagherà caro''

Alternativa

Arma finale nucleare, Chiesa: ''Usa si preparano a usarla, Europa pagherà caro''

bomba nucealre esplosadi Americo Mascarucci - Intervista
Russia prepara arma finale”: lo dice il Pentagono che annuncia contromosse sempre sul piano nucleare. Per Giulietto Chiesa giornalista esperto di scenari geopolitici intervistato da Lo Speciale non è la Russia a minacciare il mondo ma sono gli Usa che cercano ogni pretesto utile per riconfermare il loro primato. L’arma letale in mano a Mosca, secondo i vertici del Pentagono, sarebbe un drone-sottomarino delle dimensioni di un mini-sommergibile in grado di trasportare un singolo ordigno della potenza ‘monstre’ di 100 megatoni. Si chiamerebbe ‘Status-6 AUV’, nome in codice Kanyon.

“Russia prepara arma finale”. Lo dice il Pentagono che annuncia il rilancio del suo piano nucleare. Cosa sta succedendo? Forse l’espansione russa fa paura?
“Il Pentagono e la Cia dicono ormai cose fantasmagoriche prive di ogni connessione con la realtà. Cosa sia l’arma finale non lo sa nessuno, nemmeno loro. Dunque è un pretesto. Come è un pretesto l’espansione russa. Di quale espansione si parla? Territoriale? Non mi pare. Politica? Se questo vuole dire che il prestigio russo si è sicuramente esteso nel mondo, allora è semplicemente l’insofferenza americana per la perdita di prestigio internazionale”.

Siamo alla vigilia di uno scontro mondiale?
“Lo scivolamento verso il conflitto aperto è ormai evidente. Solo gli sciocchi europei, che stanno attaccati al carro di Washington, possono fingere di non vederlo. Gli Stati Uniti sono nel punto più basso del loro potere imperiale. E non accettano interlocutori alla pari. È come quando un giocatore di scacchi rovescia la scacchiera di fronte all’evidente sconfitta. Il problema, per tutti noi, è che questo giocatore perdente è iper-armato ed è diventato pazzo”.

Gli Usa stanno cercando forse una giustificazione per aprire la nuova era del nucleare?
“La minaccia di uno scontro nucleare è già aperta. Gridano al lupo al lupo perché si preparano a usarla, ma non sono ancora sicuri di poter infliggere un colpo nucleare senza ricevere una risposta altrettanto distruttiva. Quando riterranno di essere sicuri, allora la useranno”.

Siamo all’interno di una guerra fredda dove ognuno mostra i muscoli e le armi più potenti?
“Il termine “guerra fredda” non corrisponde già più alla situazione reale. La guerra fredda era quando la contrapposizione era ideologica. Adesso gli Stati Uniti si trovano di fronte potenze che non sono più disposte a farsi comandare da loro. Parlo di Cina, Russia, Iran, per esempio. Adesso lo scontro è senza via d’uscita, a meno che Washington non accetti di condividere il potere mondiale”.

Non è che alla fine la bomba atomica russa è come le famose armi chimiche di Saddam Hussein?
“Ripeto, l’arma finale non esiste. Sono gli Stati Uniti che la stanno costruendo proprio adesso: si chiama sistema antimissile balistico. Ed è quello che stanno facendo. L’accerchiamento della Russia, l’allargamento a est della Nato significa predisporre missili anti-missile nelle immediate vicinanze delle rampe di lancio russe. Questi saranno in grado di colpire i missili russi in partenza. Ma la Russia dispone della “triade” nucleare, di cui fanno parte i sommergibili nucleari strategici. Fino a che il Pentagono non avrà trovato il modo di individuarli tutti e distruggerli, un attimo prima di sferrare il colpo distruttivo contro la Russia, l’America sarà a rischio di ritorsione distruttiva totale. Quindi non attaccherà. Ma è proprio su questo crinale mortale che ci troviamo tutti. E aggiungo solo una cosa: i primi missili russi, in caso di attacco americano, cadranno sull’Europa. E l’Italia è il bersaglio principale. Questo per gli sciocchi che pensano che noi ci salveremo.

Tratto da: lospecialegiornale.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO TORTORA

IL CASO TORTORA

by Luca Steffenoni

A trent'anni dalla morte di Enzo TortoraUn legal...

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...


LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...

B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca