Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Disgelo tra India e Cina

Alternativa

Disgelo tra India e Cina

bandiera india cina c ap photo andy wongdi Giulietto Chiesa
India e Cina hanno deciso un “disimpegno veloce", ritirando le loro truppe dall’altopiano di Doklan, al confine himalayano nel triangolo tra Cina, India e Bhutan.
Si trattava del più serio momento di tensione tra i due giganti asiatici negli ultimi decenni. Per trovare l'ultimo episodio di vero e proprio confronto militare bisogna risalire al 1962, quando si verificarono scontri sanguinosi e di lunga durata. Doklan, formalmente territorio cinese, è stato teatro di ripetuti momenti di tensione, mai però sfociati in conflitto. Ma nel luglio scorso il confronto era improvvisamente esploso e ingenti movimenti di truppe si erano registrati, da ambo le parti dopo che il Buthan, alleato tradizionale di Nuova Delhi, aveva accusato la Cina di occupare parti del proprio territorio e di avere cominciato la costruzione di una strada al di fuori dei propri confini.

Naturalmente il ritorno al dialogo non cancella il problema, che non è solo territoriale, ma la svolta non è priva di importanza se vista all'interno della crescente tensione politico-diplomatica-militare nell'intera area del Pacifico, in connessione con la crisi tra Stati Uniti e Corea del Nord. Il ministro degli esteri indiano ha dato la notizia sottolineando che Pechino e New Delhi non hanno mai interrotto i negoziati diplomatici nel corso della crisi che durava da mesi. Il fatto è, però che entrambi i paesi sono parte - e parte di enorme rilievo - del gruppo denominato BRICS, dalle iniziali dei suoi partecipanti-fondatori: Brasile, Russia, India, Cina, Sud-Africa. Un conflitto tra Cina e India infliggerebbe un colpo drammatico alla nuova intesa, che coinvolge cinque paesi chiave di tre continenti.
Naturalmente i buoni uffici di Mosca devono avere consigliato le due capitali a mettere da parte problemi secondari. Tanto più che non è un mistero che Washington sta spingendo, dal canto proprio, diversi paesi asiatici (Giappone, Corea del Sud, Vientnam e India) verso una coalizione militare che si contrapponga alla Cina. Siamo di fronte, dunque a un'operazione dal significato globale, in cui agiscono grandi spinte contrapposte, economiche e militari. Nuova Delhi, in particolare, è di fronte a un bivio strategico in cui una delle due varianti è letteralmente opposta all'altra: o con l'Occidente o con l'Oriente.

Quest'ultima svolta avviene infatti alla vigilia del vertice del BRICS di Xiamen (previsto alla fine di questa settimana), durante il quale siederanno allo stesso tavolo anche i presidenti di Cina, Xi Jinping, e di India, Narendra Modi. Un incontro al quale Pechino conferisce grande importanza, prova ne sia che dalla Cina è venuto l'invito a parteciparvi ai massimi leader di Thailandia, Indonesia, Kazakhstan, Egitto e ad altri paesi non alllineati al "consenso washingtoniano". Senza dimenticare che l'Iran, dopo la grave delusione delle nuove sanzioni americane, continua la marcia di avvicinamento al progetto cino-russo. Per Pechino è la prima occasione per cominciare a discutere con gl'interlocutori più vicini, appunto il BRICS, i primi passi della realizzazione della nuova "Via della Seta", ovvero il progetto cinese "Una cintura, una via". Si tratta di connettere interessi diversi nel quadro di un gigantesco piano d'investimenti guidato dalla potenza economica e commerciale cinese. Ben più interessante che non un'alleanza militare in funzione anticinese. E l'India di Narendra Modi sembra incline a restare agganciata a questa prospettiva, che comprende la Russia come fornitore principale di armamenti.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © AP Photo - Andy Wong

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta