Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace G7 Taormina, Chiesa: "Incognita Trump. E Grecia sarà il primo disordine europeo"

Alternativa

G7 Taormina, Chiesa: "Incognita Trump. E Grecia sarà il primo disordine europeo"

chiesa giulietto web16di Stefano Ursi
Oggi si apre il G7 di Taormina, e sul tavolo sono moltissime le tematiche di strettissima attualità. Dalla questione migranti passando per la lotta al terrorismo, e la questione commerciale con lo spettro del protezionismo e l'accordo sul clima. Gli occhi sono puntati sui personaggi e su cosa porteranno all'attenzione del mondo. In particolare la figura di Donald Trump è quella più attesa. E sullo sfondo l'attentato a Papademos in Grecia e l'eco dello scontro, post-attentato di Manchester, fra le intelligence americana e inglese. IntelligoNews ha chiesto al giornalista ed esperto di geopolitica Giulietto Chiesa di provare a decriptare i significati profondi dell'incontro e gli scenari internazionali che si dipanano attorno ad esso: ''In ballo c'è l'interrogativo Trump. Che è venuto a chiedere impegno europeo in Siria''.

Il G7: rapporti di forza e cosa c'è realmente in ballo.
''In ballo c'è l'interrogativo di Trump: cos'è per l'Europa. Tutti si chiedevano cosa fosse e dunque dovevano ricollocarsi rispetto agli Stati Uniti guidati da un uomo che tutta Europa considera imprevedibile. Ora, però, mi pare che Trump abbia fatto una serie di correzioni importanti che hanno dissipato i dubbi degli europei, quindi, sostanzialmente, ci sarà una tranquillizzazione generale intorno alla prosecuzione della linea precedente, ovvero quella di Obama. Questo, mi pare, sarà il senso vero di della riunione, dunque non mi aspetto grandi novità se non il peggio, nel senso che Trump è venuto a chiedere agli europei di impegnarsi direttamente in Siria e dunque saremo davanti a problemi molto complessi per l'Europa, che dovrà attaccarsi al carro degli Usa, andando a rompersi la testa, assieme a loro e sotto il loro comando, in un ginepraio senza fine''.

Certo che affrontare temi di enorme importanza senza pezzi grossi dello scacchiere internazionale come Cina e Russia...
''Il G7 è l'Occidente e credo che resterà così com'è: l'Occidente contro il resto del mondo. E non penso ci sia da aspettarsi nessuna modifica di questo assetto''.

L'attentato a Papademos: c'è chi dice che c'è un tentativo di destabilizzare la Grecia. E' d'accordo?
''Credo che la Grecia sia sull'orlo della catastrofe vera e propria e prima o dopo dovrà avvenire una rivolta popolare. La Grecia è stata un esperimento politico voluto dall'Europa, e dalla Troika in particolare per verificare certe politiche, che nel Paese ellenico si sono rivelate catastrofiche; ormai sono passati alcuni anni e a questo punto nessuna soluzione è praticabile: si va verso il disordine e la Grecia sarà il primo vero disordine europeo''.

Cosa c'è realmente dietro allo scontro fra intelligence americana e inglese? Solo la scelta della pubblicazione di una foto appare blanda come motivazione.
''La faccenda di Manchester si rivela ancora una volta, per tutti noi, una 'false flag operation'. Ancora una volta coloro che hanno compiuto l'attentato erano conosciuti alla polizia britannica e dunque ai servizi segreti occidentali. È una prosecuzione dell'operazione libica: il padre dell'attentatore era un uomo al servizio dell'intelligence britannica. Chi organizza queste cose sono spezzoni di servizi segreti occidentali. La disputa è intorno al fatto che questi centri non sono coordinati fra loro e dunque può accadere che nella gestione del post-attentato terroristico ci siano valutazioni diverse e contraddittorie''.

Tratto daintelligonews.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa