Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Odessa 2014, il pogrom nazista

Alternativa

Odessa 2014, il pogrom nazista

NEWS 263247di Giulietto Chiesa - Video
A tre anni dalla strage di Odessa l'inchiesta di Kiev non ha mosso un passo. Stupirsene sarebbe ingenuo: gli assassini non giudicano gli assassini.

Tre anni fa a Odessa la Casa dei Sindacati fu teatro di un massacro. Chi lo organizzò furono i nazisti che avevano preso violentemente il potere a Kiev nel febbraio. Ufficialmente furono 38 morti, tutti russi (in realtà molti di più). Uccisi ad uno ad uno. Lo scopo era quello di impaurire la popolazione di etnia russa di tutta l'Ucraina. Per impedirne l'insurrezione.



A tre anni di distanza l'inchiesta non ha mosso un passo. Stupirsene sarebbe ingenuità. Gli assassini non giudicano gli assassini. In Italia giornali e televisioni tacquero, o presentarono la vicenda in modo falsato, distorto, bugiardo, vuoi evitando di indicare gli evidenti e documentati colpevoli della violenza, vuoi rovesciando il vero in falso.

Si ricordano le inqualificabili notizie, pubblicate dal Corriere della Sera, da Repubblica, dalla Stampa. Il record assoluto della menzogna fu dell'Unità. Dei sette telegionali principali è meglio non parlare.



Pandoratv.it fu l'unica fonte d'informazione che diede le notizie vere e mostrò le inequivocabili immagini del pogrom. Ne siamo orgogliosi. Sono i nostri fiori sulle tombe delle vittime e su quella della democrazia europea, che continua, da morta, a intrattenere rapporti con i nazisti che governano l'Ucraina. Noi siamo dalla parte delle due Repubbliche del Donbass che ancora si battono per vivere.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta