Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Patriarca a Papa: incontro storico e asimmetrico

Alternativa

Patriarca a Papa: incontro storico e asimmetrico

papa francesco patriarca kirilldi Giulietto Chiesa
Papa Francesco, capo della Chiesa Cattolica, Apostolica Romana e il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie s’incontrano a Cuba.

E' un evento non solo memorabile, ma senza precedenti storici. È' la prima volta che le due chiese cristiane si guardano negli occhi dopo secoli di feroci, più volte, contrapposizioni.

Basterebbe questo per fare dell'incontro di Cuba una notizia di prima pagina per tutto il mainstream mondiale. Per lo meno per quel mercato dei fatti che — pur nel vorticare dalla guerra informativa in corso — accomuna oriente (sub specie russa) e Occidente (tutto).

Invece questa grande notizia non è considerata tale in Occidente. E si spiega. Esso non è, infatti, soltanto occasione per ricordare, con mille dotti elezeviri,  che certo non mancheranno, anzi abbonderanno, le ferite che le due chiese si sono inferte reciprocamente nei secoli, e le cause — profonde — che produssero lo scisma.

Ma è soprattutto notizia di grande, eccezionale attualità. E di una attualità inconsueta, controcorrente, inattesa. E che va contro lo spirito dei tempi dell'attuale, forsennata corsa allo scontro. Per questo si preferirà tacerne il monito potente che questo incontro contiene in sé e ambisce diffondere.

Papa e Patriarca sono giunti a questa decisione — io credo — spinti dalla drammatica consepavolezza dei pericoli che incombono.

Pericoli di una terza guerra mondiale che entrambi hanno ripetutamente e separatamente annunciato.  Oggi hanno unito le forze per lanciare un messaggio congiunto. E la forza di un tale masseggio si misura con l'ampiezza dei secoli di separazione che entrambi hanno deciso di scavalcare con un solo balzo, con un solo gesto.

Papa Francesco ha già fatto capire, a più riprese, di non voler più identificare la Chiesa cattolica con l'Occidente e i suoi disvalori non più cristiani.  Vuole parlare, restando fedele alla missione evangelizzatrice della Chiesa, agli altri sei miliardi di popoli della Terra, con le loro culture, e le loro religioni, con i loro valori e le loro priorità, che non coincidono con quelli del ricco ma declinante Occidente. Il dialogo che predica, a tutto campo, abbraccia anche la Russia. Ed è questo che non piace a quelle forze occidentali che puntano a demolire la Russia e la sua unicità, a cominciare da quella spirituale: una forza  di cui la esangue Chiesa cattolica, che ha ereditato, potrebbe paradossalmente addirittura avvalersi nella battaglia contro il materialismo finanziario e consumista in cui annega l'Occidente.

Il Patriarca Kirill non si sarebbe accinto a questo passo se non dopo avere misurato la vastità simbolica dell'offerta. Questa, di Francesco, non è la Chiesa militante e aggressiva di Woitila; non è la Chiesa dottrinale e presuntuosa del potere temporale; non è  neppure la Chiesa conquistatrice di proseliti. E' semmai la Chiesa che chiede aiuto, anche per la propria purificazione dalle scorie pesanti delle idee geneticamente modificate delle banche multinazionali.

E questo incontro è asimmetrico in somma misura. Francesco va contro corrente in Occidente. Kirill va a Cuba a incontrarlo con il pieno accordo di Putin. Quella che stiamo osservando è anche la prova, politica, che non è la Russia a volere lo scontro. Che non è la Russia ad aggredire.

Entrambi non hanno missili atomici  a loro sostegno, non hanno la forza materiale. Non è importante sapere — come disse sprezzantemente Stalin di un altro Papa di Roma, nel contesto di una guerra fredda che cominciava — "di quante armate" rappresentano. Ma la forza spirituale ce l'hanno, eccome. E la stanno mettendo in campo contro la guerra, per la salvezza della civiltà umana. Hanno capito il pericolo, e per questo gridano al mondo di evitarlo.

Tratto da: it.sputniknews.com

Foto © AFP 2016/ Filippo Monteforte. Sputnik/Sergey Pyatakov

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa