Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Giulietto Chiesa torna in Estonia

Alternativa

Giulietto Chiesa torna in Estonia

chiesa-giulietto-euda alternativa -politica.it - 22 gennaio 2015
Giulietto Chiesa torna in Estonia il prossimo 23 Gennaio. Espulso il 15 dicembre dopo essere stato “fermato” dalla polizia estone, sotto accusa di essere “illegalmente sul territorio della Repubblica” in base a un decreto che non era stato reso pubblico.
Chiesa tornerà a Tallinn per tenervi una conferenza sullo stesso tema di quella che gli fu impedito di fare.

La sua espulsione aveva un termine di validità, scaduto il 13 gennaio 2015. Chiesa aveva dunque dichiarato che, scaduto il termine, avrebbe cercato di ritornare da dove era stato cacciato in violazione delle norme europee che consentono la piena e libera circolazione di un cittadino europeo sul territorio europeo. Ha pertanto accettato un nuovo invito, giuntogli dalla stessa associazione culturale, “Impressum” , che lo aveva invitato la volta precedente.

L’ex parlamentare europeo e noto giornalista italiano era stato successivamente definito – in una serie di comunicati del Ministero degl’Interni Estone che tentavano di spiegare i motivi della sua espulsione e carcerazione – volta a volta un “pericolo per la sicurezza nazionale dell’Estonia”, oppure un “sostenitore e giustificatore del genocidio del popolo di Estonia”.
Per questa seconda, infamante accusa, Giulietto Chiesa aveva annunciato sulla sua pagina Facebook che avrebbe chiamato il governo estone a rispondere dell’accusa di calunnia e diffamazione sia davanti a un tribunale estone, sia in sedi internazionali.

Il suo ritorno in Estonia avviene, tuttavia, dopo che Chiesa ha potuto raccogliere sufficienti elementi di giudizio per poter concludere che il Governo di Estonia non farà alcun gesto per impedirgli di entrare nel paese, e di restarvi nel rispetto delle sue leggi.
“Ritengo – ha dichiarato Chiesa – che, se così sarà, si tratterà di un gesto distensivo nei miei confronti ma anche un segno di rispetto verso le leggi europee. Cose entrambe che valuto molto positivamente”. E ha aggiunto che “ la mia presunta pericolosità nei confronti dello Stato Estone è cessata formalmente il 13 gennaio del 2015. E, poiché un tale giudizio era basato esclusivamente sulle mie opinioni, ne traggo la convinzione che le mie opinioni non sono più considerate oggi minacciose nei confronti dello Stato e del popolo estone, sebbene siano, nel frattempo, rimaste invariate”.

Giulietto Chiesa sarà accompagnato, nel suo ritorno in Estonia, dalla senatrice Paola De Pin, che ha voluto manifestargli in questo modo la sua solidarietà e, al tempo stesso, testimoniare la validità dei principi di rispetto dei diritti umani in tutto lo spazio europeo.

Tratto da: alternativa-politica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa