Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Pace Invece della catastrofe

Alternativa

Invece della catastrofe

invece-della-catastrofe-webdi Margherita Furlan - 4 marzo 2013
Perché costruire un'alternativa è ormai indispensabile
La società del Mercato, in cui da tempo l’uomo tecnologico vive violando i processi evolutivi della Natura, di Gea, il Pianeta Terra, ha turbato l’Universo dando al denaro “un valore impermeabile a ogni norma morale”. L’uomo, divenuto servo felice nella società dello spettacolo e della menzogna sistematica, vive sul limitare di due epoche in cui il consumismo compulsivo è l’alfa e l’omega che obbliga consumatori e produttori a valori identificabili esclusivamente con le merci, inclusi affetti e passioni.
Solo “pochi saggi che gridano nel deserto” sostengono che la spaventosa anomalia impressa dalle ultime quattrocento generazioni genera un’impronta mortifera a un sistema economico che ignora le leggi della fisica. Sofferenza e ineguaglianza così generate possono essere eliminate solo da un’apocalisse, intesa nell’originario significato del termine greco, rivelazione. Infatti ”dovranno essere i molti e non i pochi a vedere” per evitare di andare a una catastrofe in cui “non avremo neanche più tempo per fare i bagagli o per predisporre le difese indispensabili.”

Invece della catastrofe pertanto vuole fondare le basi per organizzare una nuova architettura internazionale che riunifichi politica ed etica, governo e democrazia, mediante una gigantesca trasformazione delle menti, approntando una teoria della sopravvivenza umana nel mezzo della complessità di una crisi sistemica che ci attanaglia e porterà in guerra se non saremo pronti a creare un’alternativa di proporzioni immani ma ancora possibile per un obiettivo comune di salvezza, dal momento che “i gruppi dirigenti del pianeta sono prigionieri quando non complici della congiura del silenzio.”
Un nuovo soggetto politico è necessario e sarà possibile solo attraverso una grande battaglia culturale che produca un cambio netto della classe dirigente nella forma di un partito-alleanza di forze diverse con un programma minimo comune che richiederà organizzazione e guida molto forti e democraticamente condivise.
Il punto di partenza di un programma politico democratico di una società moderna, uno dei passaggi essenziali per affrontare la transizione di questa società che muore a un’altra società, è il sistema di comunicazione. Quest’ultimo si deve fondare sulla pluralità per non generare più quel “rumore di fondo” che impedisce l’ascolto di voci differenti e non omologate dalla società dello spettacolo. Essa ha operato una mutazione antropologica modificando la percezione dello spazio e del tempo, le emozioni, i pensieri e persino il modo di guardare, con il definitivo passaggio da homo legens a homo videns. In tale nuovo sistema le frequenze televisive devono essere interamente pubbliche e concesse temporaneamente sotto un controllo democratico permanente, sottratto a ogni controllo di lobby di partiti e d’interessi di parte. Inoltre, la pubblicità dev’essere rigorosamente delimitata e tassativamente esclusa da tutti i programmi per bambini. L’educazione delle perone non deve più essere manipolata in alcun modo, né tanto meno attraverso forme accattivanti che puntano solo all’audience, ottenendo il “massimo degrado”
L’alternativa alla catastrofe è attuare un sistema di difesa dei “territori”, includenti la nostra mente, la salute, il lavoro, la casa, l’acqua, l’energia, l’aria che respiriamo, costruendo insieme una nuova etica solidale della politica e riacquistando l’equilibrio di corpo e spirito.
Questo percorso potrà essere fatto solo con il passo dell’uomo – in quanto anche la tecnologia e la scienza sono sotto il dominio imperante del denaro – ma dovrà essere accelerato perchè il tempo è breve.

IL LIBRO
Autore Chiesa Giulietto
Prezzo di copertina € 17,50
Anno di pubblicazione 2013
Pagine 291
Editore Piemme

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa