Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Elezioni in Ucraina: Europa dove sei?

Alternativa

Elezioni in Ucraina: Europa dove sei?

di Giulietto Chiesa
Sono passati cinque anni da quel famoso Euromaidan che, partito come seconda “rivoluzione colorata ucraina”(dopo quella arancione, andata a male nel 2005), si trasformò in un colpo di stato vero e proprio. Sotto gli occhi e con il plauso dell’Unione Europea

Cinque anni in cui sono evaporati entusiasmi e promesse: entusiasmi (della maggioranza degli ucraini) per un futuro “europeo” del loro paese, e promesse dell’Occidente che Kiev sarebbe arrivata in Europa (e nella NATO) in tempi brevi, in un tripudio democratico e con il benessere generale garantito dal Fondo Monetario Internazionale.
Le cose sono andate molto diversamente. Il futuro europeo dell’Ucraina è al di là dell’orizzonte, sebbene il Presidente uscente Petro Poroshenko lo abbia collocato (ma è solo lui che lo dice) oltre il 2015. Il benessere non è arrivato, anche perché il FMI i soldi non li regala, ma li presta a un tasso d’interesse non proprio generoso, e poi li vuole indietro. E, per averli indietro, chiede al governo di Kiev di “fare le riforme”. Ma le riforme costano lacrime e sangue ai cittadini ucraini, che vivono ancora nell’illusione di un Occidente generoso e spendaccione. Quindi non si fanno. La NATO è arrivata, invece. È dietro l’angolo. Le piste degli aeroporti saranno riorientate verso il nord; sono arrivati gl’istruttori americani e tedeschi, anche armi nuove e più moderne, ma l’ordine di partire all’attacco tarda a venire. Nel frattempo si preparano le rampe di lancio dei nuovi missili antimissile americani, che non tarderanno ad arrivare. Ma, intanto, la Crimea è stata perduta per sempre, e il Donbass è divenuto due repubbliche che prima non c’erano e domani continueranno ad esistere. I tre candidati in lizza, quelli che pretendono di poter vincere, l’oligarca Petro Poroshenko, la pasionaria che aveva la treccia, Julia Timoshenko, e il cantante e attore Volodymir Zelensky, sanno bene che la partita vera si gioca a Washington, tra il deep state e il presidente Trump. Vincerà chi sarà sponsorizzato dal vincitore d’oltre oceano. L’Unione Europea conta quasi niente, anche perché le posizioni dei baltici e della Polonia sono molto diverse da quelle di Bruxelles, dove, tutto compreso, si comincia a capire che una “politica europea di buon vicinato” non necessariamente significa la conquista imperiale dei vicini. Euromaidan non ha funzionato. L’Ucraina è troppo grande per poter essere nutrita e rifornita energeticamente dall’Europa.

Adesso - si pensa a Bruxelles - sarebbe probabilmente più comodo riprendere se non il dialogo almeno la cooperazione economica con Mosca, e farla finita con le sanzioni. Tanto più che, dopo il ritiro USA dall’accordo con Teheran, gli europei rischiano seriamente di trovarsi “sanzionati” da Washington. Ma come si fa a normalizzare le relazioni con Mosca trascinando la palla al piede di una Ucraina che sta in piedi solo perché nutrita di dosi massicce di ostilità anti-russa? Ci vorrebbe un candidato (o una candidata) disposto a voltare pagina. O, quanto meno, a riesaminare il disastro di questi ultimi cinque anni.

Ma un tale candidato non c’è, né Bruxelles è riuscita a tirarne fuori uno decente dal suo cappello a cilindro magico. Come erano belli i tempi in cui Kiev se ne stava quieta in equilibrio tra est e ovest, prendendosi i vantaggi della buona disposizione dell’uno e dell’altro. Ma, per tornare a quei tempi, ci vorrebbe un’Europa convinta della necessità di conquistare finalmente la propria sovranità europea. E di farla valere nei confronti prima di tutto del Grande Fratello d’oltre oceano. E invece si è visto, con la visita di Xi Jinping, che l’Europa è ancora sotto la suggestione e il ricatto di Washington. Dove, nel pieno marasma che caratterizza le mosse del Presidente in carica, si assiste alla incredibile emanazione di “decreti” degli Stati Uniti che pretendono di dettare legge a tutto il pianeta. Come l’ultimo, che ha deciso di assegnare a Israele le siriane alture del Golan. Vittoria Nuland insegna ancora: “fuck the United Nations”. Così il prossimo presidente dell’Ucraina uscirà da una roulette truccata dove la pallina sarà gettata a Washington e atterrerà nella più grande incertezza in una buca senza numero.

Tratto da: sputniknews.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa