Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Filosofia Politica Berlusconi torna?

Alternativa

Berlusconi torna?

berlusconi silvio cravatta c imagoeconomicadi Giulietto Chiesa
Venticinque anni dopo quel 18 gennaio 1994 Silvio Berlusconi torna in campo per riportare Forza Italia in vetta alla popolarità degl'italiani. Ma attorno a lui tutti vedono il vuoto. E probabilmente anche lui lo vede. C'è solo una spiegazione per questa decisione: restare in posizione per difendere gl'interessi delle sue aziende. Ma i numeri, non solo quelli dei sondaggi, lo avvertono: potrebbe essere una catastrofe definitiva. Le tv gli dedicano grande spazio - ed è questo, comunque, ciò che lui desidera - ma è una rievocazione dei suoi fasti lontani, una specie di curiosità per un evento palesemente fuori tempo. Anzi, fuori tempo massimo. Lui annuncia che si presenterà in tutte e cinque le circoscrizioni per le europee, ma non potrà farlo come capolista perché le "quote rosa" obbligatorie glielo impediscono. E poi lo scontro diretto con Matteo Salvini potrebbe rivelarsi fatale. Il capo e padrone della Lega sarà il mattatore di maggio - lo dicono tutti i sondaggi e tutti i commenti - e Silvio rischia di fare la fine del toro nell'arena.

Qualcuno ha scritto, e detto, che Silvio "vale un 5% in più, anche da solo". E non è escluso che ci sia in Italia, per davvero, un 5% di suoi fan che crederà in lui fino alla fine dei suoi giorni. È quella destra conservatrice "per bene" che non può soffrire l'irruenza e i tratti plebei di Salvini, e che ha un'idea romantica dell'imprenditore di successo che si è "fatto da sé". Ma che, pur essendo "populismo di destra" aborre il populismo tout court ed è incline alle nostalgie per il buon tempo antico (appunto antico di 25 anni) delle tv di Mediaset.

Dunque, se Berlusconi si porta un 5%, bisognerà vedere a cosa si aggiunge. Il partito, secondo i sondaggi di Alessandra Ghisleri, viaggia attorno a un realistico 8%. Con Silvio potrebbe arrivare al 10%, ma non è detto. La fuga verso la Lega di molti elettori è già da tempo in corso. Corre voce che perfino il suo pupillo Toti, Governatore della Regione Liguria, sarebbe in procinto di emigrare altrove portandosi dietro una decina tra deputati e senatori di Forza Italia. A rimpinguare le forze ci sarebbe solo la speranza nella crisi del Movimento Cinque Stelle, nelle sue componenti di destra. Ma è davvero una speranza flebile. Del resto tutta la frantumata opposizione spera di raccogliere una parte del M5S non appena i suoi elettori usciranno delusi - è l'aspettativa in primo luogo del PD - dal fallimento pratico del reddito di cittadinanza. La partita presenta molti ostacoli pratici oltre che politici. Forza Italia e Lega si presentano al voto come alleate nelle elezioni regionali di Sardegna e di Abruzzo. Sarà un modo per dissimulare la debolezza di Forza Italia, sotto l'ombrello di una Lega in ascesa. Ma appare evidente che l'unica possibilità di qualche modesto successo alle europee è legata all'apertura di una dura polemica tra Lega e Forza Italia. Ma questo collocherebbe Berlusconi nel campo dell'ortodossia europeista, cioè completamente tagliato fuori dall'onda che porta Salvini all'offensiva contro Bruxelles. Infine c'è la palla di ferro al piede di Silvio rappresentata dall'assenza di un "delfino" dotato di un qualche carisma. L'attuale presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, non ne ha da vendere nemmeno un po' e pare che sia stato proprio lui a chiedere a Berlusconi di spendersi ancora una volta per salvare baracca e burattini. Berlusconi non ha mai amato avere accanto a sé un "numero due". Gianni Letta è stato una spalla potente, ma di quelle che non brillano e preferiscono stare nell'ombra. Anche lui, quanto a carisma agli occhi del popolo, è inesistente. Resta, per questo ultimo tentativo di Berlusconi, la sua energia belluina e il suo disprezzo delle leggi della natura e perfino di quelle della politica.

Tratto da: sputniknews.com

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa