Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Ci si prepara a una guerra ''orrendamente devastante''?

Alternativa

Ci si prepara a una guerra ''orrendamente devastante''?

navi guerra gchiesadi Giulietto Chiesa
Gli eventi nel mare d’Azov, nelle immediate vicinanze del Ponte di Kerch, che funziona perfettamente nonostante le previsioni catastrofiche di Kiev, hanno attirato i titoli di tutti i media occidentali verso un’area marittima su cui nessuno ha mai soffermato la sua attenzione.

Il mainstream - che ignora platealmente, per esempio, la sanguinosa guerra nello Yemen - è diventato improvvisamente attentissimo sulla sorte dei marinai ucraini, in discrete condizioni fisiche, catturati dalla marina militare russa.

Siamo di fronte a una delle infinite "stranezze" che stanno accentuando la "dissociazione cognitiva" di milioni di lettori/spettatori dei giornali e delle tv occidentali. I quali non riescono più a spiegarsi come mai quello che viene raccontato loro non corrisponde più, quasi per niente, alla logica e al buon senso.

Ne è esempio fulgido il fatto che nessun giornale europeo, ma anche nessun giornale americano, ha riportato una notizia che - se fosse stata riferita al grande pubblico - avrebbe provocato sconcerto e terrore. In questo caso ha funzionato un criterio diverso da quello della menzogna. Ha funzionato il criterio del silenzio, che è ben più micidiale della menzogna, in quanto impedisce ogni possibile contestazione, reazione, emozione. La paura, infatti, nasce solo insieme al timore.

Sta di fatto che pochi giorni fa, mentre era in preparazione il fantastico "venerdì nero" globale dei saldi di fine stagione, una commissione bipartisan del Congresso degli Stati Uniti ha varato un voluminoso rapporto a sostegno delle richieste del Pentagono che preludono a una gigantesca guerra degli Stati Uniti contro la Russia, o la Cina, o contro entrambe.

Va notato che si è trattato di una commissione "bipartisan", cioè formata da esponenti repubblicani e democratici. Tutti concordi ugualmente nell'accettare la proposta di ulteriori enormi investimenti militari in preparazione, appunto, di una tale guerra. Qualcuno potrebbe pensare che si tratti delle abituali manovre lobbyistiche per trovare una spiegazione decente ai favori che i legislatori americani concedono ai loro finanziatori militari.

Ma non è di questo che si tratta, per meglio dire non solo di questo. Il fatto è che la nuova dottrina della Strategia per la Sicurezza Nazionale del Pentagono rappresenta una svolta radicale rispetto alle teorie in vigore fino a ieri. Ora, dice il documento del Pentagono, "il centro focale primario non sarà più il terrorismo ma la competizione tra le grandi potenze". È stata questa l'autostrada attraverso cui è transitato il più imponente aumento delle spese militari americane mai verificatosi negli ultimi 70 anni.

Cioè gli Stati Uniti affermano che è in corso la preparazione per una guerra "imminente", che "coinvolgerà l'intera società" e che avrà effetti "devastanti" sulla popolazione americana. Il discorso è esplicito: "sarebbe poco saggio e irresponsabile non attendersi che i nemici cerchino di debilitare le forze mobili, quelle cyber, con ogni tipo di attacchi contro gli americani sulla loro terra, mentre cercano di sconfiggere il loro esercito all'estero". È lo scenario di qualche cosa molto simile alla terza guerra mondiale, che non sarà più combattuta tra eserciti, ma avrà come obiettivo l'annientamento della popolazione nemica.

Il documento si spinge a descrizioni di impressionante realismo sugli effetti militari e civili di una tale guerra, dove gli Stati Uniti "dovranno fronteggiare combattimenti di una difficoltà senza precedenti e perdite immense, inconfrontabilmente più grandi di ogni esperienza bellica già affrontata" e dove "non si può escludere nemmeno che la guerra potrebbe anche essere perduta". Non resta, di fronte a queste valutazioni, che porsi una domanda: ma non sarebbe più saggio lavorare per non farla, una guerra del genere? A quanto pare nessuno dei membri della commissione è stato in grado di porsela.

Tratto da: it.sputniknews.com

In foto: press service of border management of FSB of the Russian Federation in the Republic of Crimea

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa