Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Donald Trump finirà ''disabile''?

Alternativa

Donald Trump finirà ''disabile''?

trump marionetta c ap photoarielschalitdi Giulietto Chiesa
Lo “stato profondo numero 2” sta intensificando l’offensiva contro il presidente dello “stato profondo numero 1”, quello che ha vinto le elezioni presidenziali del 2016
Gli Stati Uniti sono nel pieno di uno scontro senza precedenti per rovesciare lo stato di cose presente ai vertici della classe dirigente del paese. Non è bastato il Russiagate, che è, per altro, tuttora in corso, sebbene sia ormai stato ampiamente dimostrato che la Russia non c'entrava per niente e che, come abbiamo già illustrato su queste pagine, si è trattato di un'operazione "coperta" per proteggere Hillary Clinton dalla disastrosa fuga di notizie sui suoi traffici personali, rovesciandone il contenuto nella pattumiera spionistica degli Stati Uniti.

Ora, partendo dall'esito tragico della manifestazione di Charlotteville,  si è messa in moto una serie di accuse oltragiose - oltre che gravissime - contro Donald Trump, descritto come un "irresponsabile", "incapace", "mentalmente disturbato" e chi ne può più ne metta.

Tutti i più importanti media americani, senza mezzi termini, avanzano l'"ipotesi" che al vertice della massima potenza mondiale ci sia una persona  che ha seri problemi di equilibrio mentale. Il Washington Post, uno dei media più aggressivi di questo schieramento, titolava nei giorni scorsi così: "È ormai tempo di parlare della salute mentale di Donald Trump", e l'esordio era fulminante: "Quanto è instabile e separato dalla realtà è il Presidente Trump? Siamo arrivati al punto che il paese ha il diritto e la necessità di sapere".
Da dove viene l'offensiva? Non solo dai democratici amici di Obama. Ormai è anche il partito repubblicano che abbandona colui che non è mai stato il suo candidato.  Insieme al Washington Post anche la CNN ha sparato ad alzo zero nella trasmissione di domenica scorsa intitolata "Reliable Sources" (Fonti Attendibili), condotta da Brian Stelters. "Se non è adatto a governare, che si fa?"  La domanda è inquietata e inquietante. Se lo sottoporranno a impeachment, quale sarà la reazione dei milioni di americani che lo hanno votato? Ma l'offensiva è ormai scatenata, Il presidente della Commissione Esteri di Capitol Hill, repubblicano del Tennessee ha dichiarato che il presidente "non è stato ancora in grado di dimostrare né il suo equilibrio, né la sua competenza".

Perfino più liquidatorio un altro senatore repubblicano, questa volta della California, Adam Shriff.  Donald Trump - ha detto - mostra segni di comportamenti scombinati e di instabilità che mettono in grande pericolo il paese". Basta guardare i  titoli  che si sono succeduti sulle pagine del Washington Post nel corso di una decina di giorni: "Ma Trump è proprio pazzo?; Donald Trump non sta bene"; "Caro Kim Yong Un, dai un'occhiata a Trump: è più pazzo di te".

E, mentre esperti dell'intelligence e del Pentagono se ne vanno, uomini d'affari influenti lo abbandonano, politici danzano bipartisanamente attorno al concetto che equivale a dire "come togliercelo di mezzo", sta per uscire un libro che raccoglie le opinioni di 27 noti psichiatri americani  intorno al "Pericoloso caso di Donald Trump". Fatto senza precedenti, che viola le regole dell'American Psychiatric Association, che vietano agli psichiatri di fornire pubblicamente opinioni professionali sui politici, figuriamoci su un presidente in carica.
E siamo solo alla metà del primo anno. Cosa potrà fare per arrivare fino in fondo al suo mandato è un mistero. Difficile pensare che gli basti mandare altre truppe in Afghanistan per accontentare il Pentagono. Purtroppo l'ipotesi più probabile è che gli serva, per tenersi in sella, qualche operazione più "rumorosa".  Anche perché non è l'unico che prende delle decisioni. I suoi servizi segreti gli sono nemici e non mancheranno di fargli  qualche scherzetto pesante, magari in Siria, o in Ucraina, o nel Mar Cinese Meridionale.  Con le conseguenze mondiali che si può immaginare.

Tratto da: sputniknews.com

Foto © AP Photo/ Ariel Schalit

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa