Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Una inedita Crociata Araba sotto il comando di Israele

Alternativa

Una inedita Crociata Araba sotto il comando di Israele

cappello donald trumpdi Giulietto Chiesa
Com’è ormai evidente a tutti, la parabola di Trump, da Riyadh a Bruxelles a Sigonella, è stata un disastro politico-diplomatico

Com’è ormai evidente a tutti, la parabola di Trump, da Riyad a Bruxelles a Sigonella, è stata un disastro politico-diplomatico. Viene ora da chiedersi se un giorno gli storici potranno fare un parallelo perfetto con la “fuga” del 1974 in Medio Oriente di Richard Nixon (quattro mesi dopo la quale lo attese un vergognoso Watergate).
Cioè quanto tempo gli e si concederanno gli avversari interni prima di metterlo sulla graticola dell'impeachment. Quello che è avvenuto negli ultimi giorni di Maggio ha infatti del paradossale. I rapporti inter-occidentali ne escono profondamente lesionati. Ma anche stranamente modificati. La furibonda Merkel parla ora di necessità dell'Europa di "fare da sé". Il bellicoso Macron, appena uscito dal guscio, si fa avanti come protagonista nel rilancio della guerra contro Bashar al Assad, cioè nella provocazione contro la Russia. Come saranno regolati i rapporti interni alla Nato non lo sa nessuno, ma tutti sanno che non potranno essere come prima. Vale per tutti, Turchia compresa.
Donald Trump, dal canto suo, senza consultare nessuno degli alleati, ha inaugurato una nuova fase della politica americana in Medio Oriente che fa perno sull'Arabia Saudita e che si propone di riunire, sotto la benedizione di Washington, tutti e venti i paesi arabo-sunniti, con l'aggiunta di un'altra ventina di paesi musulmani, in una Nuova Crociata sunnita contro l'Iran. Ma è stato lui a cucinare una tale insalata, condita con 100 miliardi di dollari - che diventeranno almeno 350 in pochi anni - per armare la crociata?
Qualcuno ha parlato di una "Nato Araba", e ovviamente il nome non sarà questo. Ma il significato è proprio questo: una nuova alleanza contro quello che viene considerato (e qui si vede benissimo, in trasparenza, la mano di Tel Aviv) il nemico mortale, il diavolo sciita. L'operazione ha, figurativamente, le caratteristiche di un salto mortale doppio carpiato. Trump va a nominare, a capo di una coalizione "contro il terrorismo di Teheran", la testa del serpente che si chiama ISIS. Lo fa appena prima di avere invitato la Nato tutta intera a impegnarsi in un guerra contro il terrorismo, che viene indicato come nemico assoluto.
La Russia non viene qui nominata(ed è certamente un fatto significativo). Ma tra gli alleati Nato ce ne sono molti che ritengono piuttosto la Russia come il nemico assoluto. Certo più di Daesh. E poi chi bombarderanno, gli alleati della Nato? Macron, per esempio, riceve i "tagliagole moderati" della Siria e dichiara che il suo obiettivo è la testa di Bashar. Riassumendo (sempre che sia possibile): la "Nato araba" si prepara a colpire gli ahjatollah, con il plauso dell'America di Trump, mentre la Nato europea si prepara a colpire Bashar, senza il plauso di Trump?
Non esattamente. Stando ad ascoltare il generale Herbert MacMaster, il numero uno della Sicurezza Nazionale, la Crociata Araba dovrà colpire non solo Teheran ma anche Damasco. Il cielo del Medio Oriente rischia di diventare molto affollato. Troppo. Dunque occorrerà uno stato maggiore congiunto delle due coalizioni, quella vecchia e quella, nuova di zecca, inaugurata da Donald Trump e Riyadh. Quello che è del tutto evidente è che non ci sarà alcuna guerra (salvo quella di Mosca e Damasco) contro l'unico terrorismo attualmente esistente: quello - wahhabita - che, oltre a rimanere in Siria e in Iraq sotto la protezione dell'Occidente, mette le bombe in Europa. E il comando generale dell'Impero orienterà le due coalizioni contro la Russia e contro l'Iran.
Questo è quello che la squadra di Trump ha fino ad ora messo in piedi. Resta da vedere per quanto tempo questa squadra resterà al comando, essendo evidente che l'Europa che conta si è schierata contro di essa. Sarà utile tenere presente la possibilità che la "Crociata Araba", avendo acquisito una struttura permanente, essendosi dotata di un comando unificato, avendo le armi necessarie per diventare temibile (tutte cose nuove, che sono state decise a Riyadh), decida di procedere per la sua strada, seguendo le indicazioni di Tel Aviv, ormai divenuta Gerusalemme, e non quelle di Washington e di Bruxelles.

Fonte: sputniknews.com

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta