Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Rockefeller e la Terza Guerra Mondiale

Alternativa

Rockefeller e la Terza Guerra Mondiale

controllo mondoBisogna prendere sul serio quello che dicono
di Giulietto Chiesa

Steven Rockefeller, l'ultimo rampollo della dinastia, ha fatto - dai teleschermi di "Goodbye America" - questa dichiarazione. Ve la propongo, per la nostra comune riflessione:

  "La situazione attuale mi ricorda quella dell'inizio del XX secolo, alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. Ci sono due unioni di possenti Stati (USA e Europa da un lato, Russia, Cina, Iran dall'altro) che si propongono di dominare e non intendono arretrare l'una di fronte all'altra. Mai nella storia una situazione analoga si è conclusa in pace. Sono convinto che ci sarà una Terza Guerra Mondiale. La Russia odierna è del tutto differente dall'Unione Sovietica. Quest'ultima era composta di Repubbliche che potevano essere spinte alla separazione, spiegando loro che, separandosi, avrebbero vissuto meglio. Questo scenario non si è verificato. Parliamo con realismo. Le popolazioni di quelle repubbliche in maggioranza non vivono oggi meglio di prima. Io penso che, dunque, le tendenze separatisti in Russia saranno sconfitte. Bisogna mettersi d'accordo con i russi, oppure ci sarà la guerra. Io penso che mettersi d'accordo sarà impossibile".

Analisi sostanzialmente realistica (con qualche decisiva correzione da fare).
Il problema è "come" mettersi d'accordo. Poiché non corrisponde al vero che entrambe le coalizioni (potenziali) vogliono "dominare". E' vero invece che USA e Europa non intendono perdere il loro attuale dominio. E non capiscono che esso è condannato dai fatti, non dalle ambizioni di dominio dell'avversario.
Il pericolo è dunque nella incapacità dell'Occidente di "negoziare" il suo declino e accettare un mondo plurale.
Steven Rockfeller dovrebbe spiegarlo agli americani. Sempre che lui stesso lo abbia capito fino in fondo.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa