Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Le bombe moderate

Alternativa

Le bombe moderate

NEWS 255568di Giulietto Chiesa
Le bombe in Siria e le bombe in Afghanistan, la lettura occidentale e quella russa, tra ipocrisia e ironia.


MAINSTREAM IN PIENA CONFUSIONE
Prendi, ad esempio, il Pompiere della Sera. Stamani il suo titolo principale, quattro colonne a centro pagina, è dedicato al "Teologo Gay, caso mondiale". Ah, dunque sarebbe questo il "caso mondiale"?
La "Strage nell'ospedale attaccato dagli aerei USA" è due colonne di spalla, con un articolo di Venturini ("La sindrome del Vietnam") che va a pescare farfalle.
E infine l'editoriale di apertura, del solito Panebianco, intitolato, strabiliantemente: "Difendere Israele sarà reato?" Ipotesi del tutto impossibile, nei secoli dei secoli, essendo vero proprio il contrario: che chi critica Israele è immediatamente definito antisemita. E, nel caso dell'Olocausto, chi si permette di dire che Netanyhau lo usa come arma contundente corre il serio rischio di essere subito definito "negazionista", con tutti i rischi annessi e connessi.
E la Siria? Sparita dalla prima pagina. Non arrivano istruzioni chiare da Washington. Hic sunt leones.

PRECISIONE CHIRURGICA
All'inizio dell'intervento aereo russo, gli esponenti politici occidentali e i loro megafoni nelle principali redazioni giornalistiche hanno insistito sulla qualità delle bombe: in Siria, hanno strillato, Mosca non usa bombe a guida automatica: troppo imprecise, rispetto alle bombe intelligenti americane. Dobbiamo concludere che in Afghanistan lo standard automatico degli ordigni era settato alla voce "distruggere ospedale". Non era un errore. La deduzione sembra macabra, ma poi succede questo (lo riferisce l'ANSA): «Il ministero dell'Interno afghano sostiene che al momento del bombardamento nell'ospedale di Medici Senza Frontiere (MSF) ''si nascondevano 10-15 terroristi''. In una conferenza stampa a Kabul il portavoce del ministero, Siddiq Siddiqi, ha assicurato che ''tutti i terroristi sono stati uccisi, ma fra le vittime ci sono stati anche dottori''.»

TERRORISTI MODERATI
Intervista (quasi esclusiva) al portavoce militare del Cremlino: Come distinguete, bombardando in Siria, i terroristi normali dai terroristi moderati (quelli che sono stati armati e finanziati da Washington)?
Risposta: «Fin dall'inizio delle operazioni militari in Siria noi abbiamo preso in considerazione la questione. Noi usiamo, contro i normali terroristi, normali bombe. Invece, nel caso dei terroristi moderati noi usiamo esclusivamente bombe moderate. Noi siamo orientati in questo senso, cioè nel senso della giustizia.»
E, scusi, mi può dire in cosa le bombe moderate si differenziano dalle bombe normali?
Risposta: «Le nostre bombe normali si differenziano, rispetto alle bombe moderate, esattamente come i normali terroristi differiscono dai terroristi moderati. Le seconde sono infatti dipinte con colori diversi, decisamente dai toni più morbidi e piacevoli».
Noi, qui, non vogliamo fare propaganda a favore dei russi, non sia mai! Ma la differenza di civiltà è evidente. Gli americani bombardano gli ospedali e le case piene di terroristi, mescolati con i bambini, usando le stesse, identiche bombe.

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa