Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Odessa, il feudo di un guerrafondaio targato CIA

Alternativa

Odessa, il feudo di un guerrafondaio targato CIA

NEWS 244306di Giulietto Chiesa - 31 maggio 2015
Saakashvili, il georgiano americano che scatenò la guerra in Ossetia, è il neogovernatore di Odessa, al confine ucraino con la Transdnistria.
Il presidente ucraino Poroshenko ha nominato Mikheil Saakashvili governatore della Regione di Odessa. Che ora è dunque in mani sicure, cioè del Pentagono e della CIA.
Come ai tempi antichi in cui i potenti, dopo avere conquistato un territorio, nominavano reggenti stranieri alla testa delle nuove province.

Obiettivo dell'operazione (il più probabile): preparare il blocco totale della Repubblica di Transdnistria (oltre Dnestr).

newsextra 244305Se non sapete dov'è non cercatela sulla cartina: non è segnata, non è riconosciuta da nessuno, o quasi. Ma esiste.

Sta tra due nemici: la Repubblica di Moldova, attuale protettorato di Bruxelles, e la Repubblica di Ucraina, attuale protettorato di Washington.
Caratteristiche: capitale Tiraspol. Abitanti circa mezzo milione. Superficie 4163 chilometri quadrati. Lunghezza del territorio: circa 400 chilometri. Larghezza minima: 25 km. Composizione della popolazione: moldavi 31,9%; russi 30,4%;ucraini 28,8%.

I cittadini russi residenti sul territorio sono circa 155.000.
Esiste una base militare russa, con circa 1500 soldati e ufficiali. Per arrivarci bisogna passare attraverso uno dei due paesi ostili. Un aereo russo dovrebbe volare dal Mar Nero, per circa 70 km, sul territorio ucraino.
Kiev ha già piazzato diverse batterie missilistiche terra-aria nella regione ora dominata dal reggente Saakashvili.

Allacciare le cinture, prego.

Tratto da: megachip.globalist.it

In foto: Mikheil Saakashvili

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa