Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Ucraina fra i falchi e le colombe con gli artigli

Alternativa

Ucraina fra i falchi e le colombe con gli artigli

falchi-colombe-ucrainaGiulietto Chiesa sulle novità nella crisi ucraina: la dialettica fra i protettori USA, il controllo dei gasdotti, le esercitazioni NATO in Ucraina, la nuova Crimea
(sintesi del videoeditoriale per Pandora Tv)
Il premier di Kiev, Arseniy Yatsenyuk, ha fatto marcia indietro sulla legge linguistica sul bilinguismo. Ma il capo provvisorio dello Stato, Oleksandr Turchynov ha bloccato la revoca.


video-pandora-210314

Qualche osservazione in merito:
a) Qualcuno degli europei deve avere mandato segnali di prudenza ai "rivoluzionari nazisti" di Kiev.
b) Ma questi sono molto divisi tra di loro.
c) Il "Settore Destro" sta inviando bande armate e cecchini in numerose città dell'Ucraina sudorientale, a maggioranza russa e russofona. Dopo i due morti dell'altro ieri si registrano situazioni di alta tensione. Con i russi che stanno organizzando squadre di difesa.
Operazioni di provocazione, da far ricadere sui russi, sono nell'ordine delle cose. E' chiaro che le componenti ultra-nazionalistiche e naziste non si lasceranno disarmare, né frenare.


La Crimea è russa. Tempo fissato per il trapasso definitivo dei poteri è il 1° gennaio 2015.

Il resto dell'Ucraina è già diventato un protettorato americano-polacco.

Il dettato del FMI è già legge per l'Ucraina. Prima misura: privatizzare tutto.
Prima privatizzazione: la rete dei gasdotti ex sovietici. Primo pretendente all'acquisto: la Chevron Corporation. Così il rubinetto del gas russo passa nelle mani degli americani.

La Nato avanza, piazzando i suoi missili in Polonia, Romania, Repubbliche baltiche.
A Washington si dividono tra falchi e colombe (con gli artigli, beninteso).
I falchi vogliono subito l'Ucraina nella Nato. Ma c'è l'urgenza di "fermare Putin" (così dicono in Occidente, sebbene Vladimir Putin non abbia la minima intenzione di attaccare l'Ucraina).
Così le "colombe" (con gli artigli) studiano come applicare l'art. 5 del trattato della Nato (che prevede l'aiuto automatico degli alleati a un membro dell'Alleanza sotto minaccia). Sfortunatamente l'Ucraina non è ancora ufficialmente membro della Nato. Poco male, si applicherà il codicillo (che fu introdotto per fare la guerra contro la Yugoslavia, al tempo di Massimo D'Alema capo del governo italiano). Codicillo che permette alla Nato di condurre operazioni militari in risposta a non precisate minacce a opera di non precisati nemici.

Dunque i guai non sono affatto finiti. La crisi ucraina
Oggi Roger Cohen, sul New York Times scrive (ricordando come cominciò la prima guerra mondiale) : "L'impensabile diventa pensabile. Anzi bisogna cominciare a pensarlo".
21 marzo 2014

IL VIDEOEDITORIALE SU PANDORA TV: pandoratv.it

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa