Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Riflessioni di fine anno 2013

Alternativa

Riflessioni di fine anno 2013

chiesa-giulietto-web5di Giulietto Chiesa - 1° gennaio 2014
Un po’ pessimistiche. Segnali preoccupanti si stanno moltiplicando. Visti tutti insieme non sembrano casuali e scollegati. C’è una logica. Penso che ci dicano che siamo in situazione di grande squilibrio. L’abbiamo creato noi. L’ha creato l’Uomo (e la Donna) distruggendo il ciclo di Gea. Le ultime dieci generazioni (delle circa 40.000 che ci hanno preceduto) hanno fatto un grosso guaio. Lo squilibrio è un insieme di squilibri, tutti interconnessi e tutti reciprocamente influenzantisi.

Il guasto concerne un meccanismo complesso. Intervenire su uno solo, o alcuni, degli squilibri, non sarà sufficiente. Sono il risultato di 5 miliardi di anni. Li abbiamo modificati in due secoli di sussulti violenti. Adesso gli effetti invadono tutte le sfere della nostra vita, la natura, la società, l’energia che ci è necessaria, la psicologia di tutti e di ciascuno. E 7 miliardi d’individui sono presi in un vortice immenso, al quale sembra non esserci riparo.
Le strutture economiche e sociali che abbiamo costruito appaiono sempre di più non solo instabili, ma fragili. Pochi conoscono come funzionano. Quando si rompono – e si rompono sempre più spesso – pochi, quasi nessuno, sanno come ripararle.
Chi comanda? Chi guida? Ci sono i potenti del mondo, che vivono ai piani alti di una torre vertiginosa. Nessuno li ha eletti, ma dispongono di tutto il potere. Il denaro li ha resi inattingibili, al punto che (alcuni di loro) si credono onnipotenti. Vedono, da lassù, una parte del futuro.
Vedono dunque, meglio di noi, la crisi che arriva al galoppo. Sanno che la torre in cui vivono è ormai come la cima di un vulcano. E cercano di chiuderne la bocca, con tutte le tecnologie di cui dispongono, cambiando il clima, creando nuove armi, puntandole contro la natura, accrescendo tutti gli squilibri. 
Come sciamani primitivi cercano qualche artificio, scommettono su qualche ricetta miracolosa. Che però non sanno trovare.
Là sotto vedono  le plebi infuriate, da loro stessi create, salire lungo i contrafforti e si preparano a combatterle. Possono vincere contro quelli che salgono, ma non potranno fermare l’eruzione del vulcano su cui siedono.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa