Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Alternativa Alternativa Saluto ad Azione Civile

Alternativa

Saluto ad Azione Civile

azione-civile-forza buone ideeGiulietto Chiesa: Ci accomuna l'intenzione di tessere una tela di alleanze, convergenze, intese, presso la "voragine dei non rappresentati".
Cari compagni e amici, avrei voluto assistere ai vostri lavori, ma devo accontentarmi di un saluto cordiale, da Mosca dove mi trovo attualmente. In questi mesi abbiamo già cominciato a lavorare insieme in diversi momenti, sia di lotta, sia di studio. Noi desideriamo continuare e intensificare. C'è un motivo fondamentale che ci accomuna, e che ho potuto verificare in ripetuti incontri con Antonio Ingroia, ultimo dei quali nei due importanti giorni di Sofia: è l'intenzione comune di tessere una tela di alleanze, convergenze, intese, in quella che io chiamo la "voragine dei non rappresentati". Cioè fuori, rigorosamente fuori, da tutti i partiti.

Come sapete Alternativa si propone come organizzazione che si guarda intorno a 360 gradi, e non si propone il compito di ricostituire la sinistra. Noi stessi riteniamo non utile questa prospettiva, la consideriamo limitativa, non praticabile e arretrata. I valori della Costituzione irrealizzata sono i nostri, ma oggi ricostituire la sinistra significa rivolgersi a una piccola parte del corpo sociale.

Al contrario la crisi sociale, economica, morale della società sconvolge le vite di milioni - che non sono di sinistra, che non hanno mai fatto parte della sinistra, né l'hanno mai votata; soprattutto della stragrande maggioranza della gioventù, che della sinistra non conosce nulla, non avendola mai incontrata, e quel poco che conosce, (dai media) lo considera giustamente repellente. Naturalmente noi siamo aperti al dialogo con tutti, e pensiamo che sia necessario costruire un nuovo soggetto politico che rappresenti una maniglia cui possano aggrapparsi milioni di non rappresentanti e di senza diritti, milioni che cercano lavoro, milioni che non vedono alcuna prospettiva. Una grande alleanza democratica e popolare che deve andare molto oltre i confini della sinistra e che ci permetta di affrontare una inevitabile transizione - del resto già in atto - dalla società capitalistico-finanziaria, che muore per autosoffocamento, verso una società dell'equilibrio tra l'Uomo e gli ecosistemi nei quali l'uomo è immerso, anche se se ne è dimenticato. Questo è il quadro di riferimento che noi proponiamo alla vostra riflessione e su cui pensiamo si possa camminare insieme.

Senza dimenticare il fattore tempo. La crisi arriva a grande velocità e richiede decisioni rapide e coraggiose. La Grande Alleanza Democratica e Popolare richiederà tempo per essere costruita, mentre incombono, urgenti, le scadenze per consentire a milioni di persone di "passare a nuttata". Noi pensiamo, in questo contesto, che si debba fare ogni sforzo per non passare la mano, per non andare disarmati a subire altre sconfitte là dove si decideranno questioni cruciali.

Penso alle prossime elezioni europee. Io credo che l'ipotesi di una "lista civica nazionale" - che porti nel Parlamento Europeo rappresentanti delle istanze popolari - sia un compito non impossibile. Difficile, difficilissimo, ma non impossibile, se si potesse partire da e con la forza elettorale del Movimento Cinque Stelle. Senza fermarci a questo, naturalmente, ed estendendo la tessitura. Per questo Alternativa - a differenza di tutte le sinistre - ha mantenuto e sviluppato il dialogo in quella direzione. Ci fosse stato questo dialogo, che la sinistra è stata incapace perfino di concepire, forse le manifestazioni del 12 e del 19 non sarebbero state due, ma una sola, molto più grande.

Siamo interessati a conoscere le vostre decisioni in merito. Su questo e sui tanti punti su cui ancora non abbiamo cominciato a discutere e agire insieme. Siamo, al momento, due realtà ancora piccole. Ma, se potremo muoverci in modo coordinato, saremo in condizione di influire sui processi in corso. A nome di tutta Alternativa, vi invio gli auguri di buon lavoro.

Giulietto Chiesa - 1° dicembre 2013

Tratto da: megachip.globalist.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa