Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Trattativa Stato-mafia, in appello il giudice sarà Angelo Pellino

Processo trattativa Stato-Mafia

Trattativa Stato-mafia, in appello il giudice sarà Angelo Pellino

montalto corte sentenza trattativadi Aaron Pettinari
A sostenere l'accusa Giuseppe Fici e Sergio Barbiera, già impegnati nel processo d'appello a Mannino

Ancora non si conosce la data della prima udienza d'appello del processo trattativa Stato-mafia ma è stato reso noto il nome del giudice che presiederà la Corte d'Assise d'appello, Angelo Pellino, e che avrà come giudice a latere Vittorio Anania. Come ha riportato oggi Il Fatto Quotidiano nei prossimi giorni partiranno i decreti di citazione delle parti e l'inizio del procedimento si prevede tra aprile e maggio. Il tempo di raccordarsi con il Dap per permettere a tutti gli imputati, mafiosi e non, di essere presenti per la prima udienza.
La scelta di Pellino sarebbe giunta per esclusione, secondo un criterio "automatico e ponderale” delle sezioni. Infatti l'alternativa sarebbe stata che a presiedere la Corte fosse il collega Mario Fontana, presidente della prima Corte d’Assise d’appello, ma quest'ultimo, aveva già giudicato Mario Mori al processo che lo vedeva imputato assieme al colonnello Mauro Obinu per la mancata cattura del capomafia corleonese Bernardo Provenzano. Un'assegnazione che non sarebbe stata incompatibile ma sicuramente poco opportuna, pertanto si è decisa l'assegnazione al collegio di Pellino.
Quest'ultimo si è occupato già in passato di processi importanti su delitti eccellenti come quello sull’omicidio di padre Pino Puglisi, dell’imprenditore anti-racket Libero Grassi, dell’ex militante di Dp Peppino Impastato, del cronista del Giornale di SiciliaMario Francese, del sociologo Mauro Rostagno. Non solo. Si è anche occupato della scomparsa del giornalista Mauro De Mauro, un processo in cui ha assolto Totò Riina dall'accusa di essere stato mandante di quel delitto.
In primo grado sono stati condannati il boss corleonese Leoluca Bagarella insieme al medico di fiducia di Totò Riina, Antonino Cinà. Per i due mafiosi sono state disposte rispettivamente pene a 28 e 12 anni. Condannati a 12 anni anche gli esponenti delle istituzioni: gli ufficiali del Ros Antonio Subranni e Mario Mori insieme all'ex politico di Forza Italia Marcello Dell'Utri. 8 anni, invece, per l’ex uomo del Raggruppamento operativo speciale Giuseppe De Donno.
Mori, Subranni e De Donno sono stati assolti unicamente per le condotte contestate commesse dopo il 1993. Il cofondatore di Forza Italia invece è stato assolto solo per le condotte contestate nei confronti dei governi precedenti a quello di Silvio Berlusconi.
Dichiarato colpevole anche Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco mafioso Vito Ciancimino, condannato a otto anni per calunnia nei confronti dell’ex capo della Polizia Giovanni De Gennaro mentre è stato assolto dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa “perché il fatto non sussiste”. La corte ha anche dichiarato il “non doversi procedere” nei confronti del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca (anche lui imputato per l’art.338) per intervenuta prescrizione visto il riconoscimento delle attenuanti specifiche per i pentiti. E sempre “non doversi procedere” nei confronti del Capo dei Capi, Totò Riina, per “morte del reo”.
In primo grado è stato anche assolto dall'accusa di falsa testimonianza Nicola Mancino perché “il fatto non sussiste”. Poiché né la Procura di Palermo né la Procura generale hanno presentato ricorso, così l'assoluzione nei confronti dell'ex ministro degli Interni è diventata definitiva.
A sostenere l'accusa in appello saranno i sostituti procuratori generali Giuseppe Fici e Sergio Barbiera, entrambi già impegnati nel processo in abbreviato contro l'ex ministro Dc Calogero Mannino, assolto in primo grado, che vedrà l'inizio della requisitoria il prossimo 25 febbraio.
A presentare ricorso sono stati tutti gli imputati condannati in primo grado, compreso il legale di Riina, Luca Cianferoni, il cui ricorso post mortem è stato giudicato "inammissibile", mentre tra le parti civili solo la Presidenza del Consiglio ha presentato ricorso per contestare l’ammontare dei danni provocati dalla minaccia al corpo politico dello Stato, avendo già avuto liquidato in primo grado un risarcimento complessivo di 10 milioni di euro.

ARTICOLI CORRELATI

La trattativa Stato-Mafia portò alla morte di Borsellino

Trattativa, tra silenzi ed ''amnesie'' di Stato

Trattativa: le agende di Ciampi, Scalfaro, Conso e il 41 bis

Stato-mafia: Dell'Utri ''intermediario'' tra governo B. e Cosa Nostra 

Sentenza Stato-mafia: ''Senza la trattativa dei Carabinieri nessuna strage nel '93''

Processo trattativa, Graviano, ''Berlusca'' e la ''cortesia''

Stato-Mafia: la consapevolezza di Mannino e le prove di Riccio

Stato-Mafia: Mancino assolto, ma sollecitazioni a Napolitano ''irricevibili''

Trattativa, Ciancimino jr e quel ''cerino'' in mano

Sentenza trattativa: ''Falange armata'' sigla oltre Cosa nostra 

Processo Stato-mafia: dal covo di Riina al mancato blitz contro Provenzano 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa