Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Mori e la P2, tra Falange Armata e ''protocollo fantasma''

Processo trattativa Stato-Mafia

Mori e la P2, tra Falange Armata e ''protocollo fantasma''

scacchi pedone effdi Lorenzo Baldo
Al processo Trattativa prosegue l’audizione del colonnello Massimo Giraudo

Mino Pecorelli? Iscritto alla P2. Mario Mori e Pecorelli? Molto vicini. Al punto che Mori fa da “sollecitante” per accelerare i tempi di consegna del passaporto per Pecorelli. L’appartenenza di Mori alla P2? Lo si ricava dalla testimonianza di Venturi. Il progetto di fuga di Gelli dall’Italia? L’ex generale del Ros ne era perfettamente a conoscenza. Mori a una riunione di Ordine Nuovo? Lo conferma un estremista di destra che lo ha riconosciuto in una foto. Le indagini di De Donno su Francesco Pazienza? Quest’ultimo era in contatto con un ufficio del Mossad. La Falange Armata? Mori mi disse di non sollevare il caso. E il “protocollo fantasma”? Ne ho sentito parlare quando ero al Sisde, non era una proposta, era un diktat. Mori disse che il reclutamento e la fase di coltivazione e di sperimentazione non dovevano risultare agli atti.
E’ un fiume in piena il colonnello Massimo Giraudo in questa sua seconda giornata di audizione al processo Trattativa. Al termine dell’esame del pm Roberto Tartaglia, è la volta del controesame dell’avvocato di Mori, Basilio Milio. Giraudo risponde punto su punto ai tentativi di metterlo in difficoltà da parte del legale dell’ex generale del Ros. Nella sua lunga deposizione non ci sono tracce di contraddizioni o amnesie. Quelle appartengono piuttosto ai tanti “smemorati di Stato” che si sono intervallati sul Pretorio dell’Aula Bunker. Dal canto suo il colonnello Giraudo snocciola senza remore fatti e circostanze che cristallizzano un ritratto a tinte fosche dove il bianco e il nero sono sempre più fusi in un’unica sfumatura. Che ricorda quella stessa tonalità grigia indicata dall’ex capo del Cesis, Francesco Paolo Fulci, nella sua deposizione al processo Trattativa mentre raccontava della “Falange Armata”. A giugno dello scorso anno Fulci aveva infatti ricordato quelle due cartine geografiche mostrategli da un suo fidato analista: una con i luoghi da dove partivano le telefonate targate “Falange Armata” e l’altra con le ubicazioni delle sedi periferiche del Sismi. La comparazione aveva portato ad un risultato inquietante: le due cartine erano perfettamente “sovrapponibili”. Ed è esattamente quel “mondo sommerso” che lo stesso Giraudo intende portare alla luce attraverso la sua testimonianza. Nel riferire del “protocollo fantasma” una parte di quell’iceberg riaffiora. “Mori suggeriva che la documentazione scritta di una fonte risultasse a servizio solo al momento in cui questa iniziava la manipolazione, il reclutamento e la fase di coltivazione e di sperimentazione non dovevano risultare agli atti. Ovviamente visto che era necessaria ai fini di consultazione tra diversi uffici scrivere qualcosa queste cose sarebbero state messe a ‘protocollo fantasma', avrebbero avuto una durata temporanea all'interno del servizio”. Niente male per un generale che ritiene i Servizi solitamente predisposti ad occuparsi di “corna” e “marmellata”.
La prosecuzione del controesame di Giraudo è stata quindi fissata per venerdì 4 novembre.

ARTICOLI CORRELATI

Lo specchio oscuro del nostro Stato

Processo trattativa, Giraudo: ''Ai Servizi una struttura deviata parallela''

Il “protocollo farfalla”: soldi dei Servizi a 8 boss per avere soffiate sulle cosche

La procura di Palermo apre un'inchiesta sul "Protocollo Farfalla"

Processo Trattativa: Mori, Gelli, Pecorelli e l'eversione nera

Trattativa: Mori, il Sid e quelle operazioni criminali

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa