Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Stato-mafia, e venne il giorno del silenzio di Cattafi

Processo trattativa Stato-Mafia

Stato-mafia, e venne il giorno del silenzio di Cattafi

cattafi rosario pio effdi Aaron Pettinari e Miriam Cuccu
“Mi avvalgo della facoltà di non rispondere”. Così Rosario Pio Cattafi, ex avvocato condannato per mafia in appello a 7 anni di reclusione per essere stato affiliato alla mafia barcellonese fino al 2000 (c'è già stato il ricorso in Cassazione della Procura di Messina che lo ritiene invece come capo e promotore della mafia di Barcellona Pozzo di Gotto), al processo trattativa Stato-Mafia sceglie la via del silenzio.
Un vero e proprio dietrofront dopo le dichiarazioni rese alla Procura in sede di indagini e che avrebbe dovuto ripetere oggi. I pm, infatti, avevano chiesto di ascoltare Cattafi in qualità di teste assistito (come già avvenuto in altri proceedimenti), in quanto vi è comunque “un collegamento probatorio tra i fatti contestati a Messina e quelli in esame oggi”. La legale di fiducia di Cattafi, l'avvocato Priano, ha invece chiesto di sentire il suo assistito ai sensi dell'art.210, ovvero come imputato in procedimento connesso. Il Presidente Montalto, “tenuto conto quanto rappresentato e dovendo valutare se Cattafi abbia già reso dichiarazioni a carico degli imputati di questo processo”, ha dunque disposto l'esame di Cattafi proprio in questo senso.
In fase di indagine, ai magistrati palermitani che l'hanno citato, Cattafi disse che nel 1993, quand'era detenuto per l'indagine sull'autoparco di Milano, ricevette una richiesta dall'allora vice capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Francesco Di Maggio, affinché contattasse, tramite l'avvocato Salvatore Cuscunà, il boss catanese Nitto Santapaola per cercare di fermare le stragi mafiose.
A suo dire, dalle informazioni raccolte da Di Maggio durante il suo impiego presso l’Alto Commissariato Antimafia, Santapaola sarebbe stato ‘quello più malleabile’ con cui parlare per fermare questo attacco allo Stato. Di Maggio avrebbe detto a Cattafi che quest’ultimo avrebbe potuto promettere ‘qualsiasi cosa’ - tipo arresti domiciliari - all’avvocato di Cuscunà per favorire il buon esito dell’iniziativa.
Questo primo incontro sarebbe avvenuto in un bar di Messina e a quel colloquio si sarebbero uniti anche quattro o cinque carabinieri del Ros giunti sul posto dopo una telefonata con Di Maggio stesso. Fatti che aveva ripetuto anche al processo Mori.
Da quando, però, è tornato in libertà il suo atteggiamento è cambiato e, come avvenuto al processo Capaci bis, ha anche rivisto alcune dichiarazioni.
Ambiguità emerse già durante gli interrogatori di fronte alla Procura di Palermo. Basti pensare a cosa rispose quando il pm Di Matteo chiese a Cattafi di specificare i nomi dei convenuti in quell'incontro a Messina. “Ci sono dei momenti che ho l’impressione che sia un nome rispetto ad un altro - disse Cattafi - Poi, per onestà, forse a causa anche delle mie condizioni, dopo una settimana ho il dubbio. Siccome si tratta di indicare una persona, uno deve avere la certezza prima di fare il nome di qualcuno, non lo può far così a cuor sereno … Io vivo una condizione particolare in questo momento: mi reputo innocente, arrestato ingiustamente … Non è vero che uno alla galera è abituato … Tutto questo non mi mette nelle condizioni di tranquillità e serenità e poiché io un briciolo di coscienza ce l’ho non mi sento nelle condizioni di riconoscere qualcuno”.
Nel frattempo Cattafi è passato dal regime carcerario del 41 bis, un periodo durante il quale avrebbe anche ricevuto l'interessamento da parte dei Servizi di sicurezza, alla libertà, così come disposto dalla stessa Corte d'appello di Messina. Ed oggi è tornato a far sentire il suo “peso”, o meglio il suo “silenzio” seguendo le migliori tradizioni. Anche se forse il detto andrebbe riscritto: "La meglio parola non è quella che non si dice ma quella che si dice a metà".

ARTICOLI CORRELATI

La peggio gioventù – Vita nera di Rosario Pio Cattafi/1

La peggio gioventù – Vita nera di Rosario Pio Cattafi/2

La peggio gioventù – Vita nera di Rosario Pio Cattafi/3

Trattativa: Cattafi, Di Maggio e quella manina che allunga i verbali

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta