Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Processo trattativa, chiesta l'acquisizione delle agende di Ciampi

Processo trattativa Stato-Mafia

Processo trattativa, chiesta l'acquisizione delle agende di Ciampi

ciampi carlo azeglio c ansa 2E “Ultimo” si avvale della facoltà di non rispondere
di Aaron Pettinari
Le dichiarazioni dell’ex Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, deceduto il 16 settembre scorso, entrano nel processo trattativa Stato-mafia. La Procura di Palermo ha depositato agli atti il verbale di interrogatorio reso dall’ex presidente della Repubblica nel dicembre 2010 in cui ribadì i timori avuti nella notte delle bombe di Milano e Roma nell’estate 1993. “Nei frangenti coincidenti con le bombe di Roma, Milano e Firenze - disse ai pm - si era concretizzato il pericolo di un colpo di stato, per la eccezionalità oggettiva di quegli avvenimenti, compresa l’interruzione delle linee telefoniche di Palazzo Chigi nella notte tra il 27 e il 28 luglio 1993”. E poi ancora: “Ricordo perfettamente che effettivamente convocai in via straordinaria il consiglio supremo di difesa, di tale convocazione venne informato sicuramente anche il presidente della Repubblica. Ricordo che, in un clima di smarrimento generale, nel corso di quella riunione, qualcuno avanzò l’ipotesi dell’attentato terroristico di origine islamica. Altri, tra cui certamente il capo della polizia Parisi, escludevano la fondatezza di quella pista avanzando l’ipotesi della matrice mafiosa. (…) Io personalmente ho maturato il convincimento che quelle bombe fossero contro il governo da me presieduto”.
Ma ai magistrati che erano andati ad interrogarlo (l’allora procuratore Capo Francesco Messineo, l’allora procuratore aggiunto Antonio Ingroia ed il sostituto procuratore Antonino Di Matteo) disse anche che “sugli argomenti sui quali vengo compulsato, potrebbe essere per voi utile consultare le mie agende del tempo, tuttora custodite presso gli uffici del Quirinale. Nelle agende, oltre a riportare le annotazioni sugli accadimenti della giornata, in alcune occasioni riportavo anche mie riflessioni”.
Così oggi il procuratore aggiunto Vittorio Teresi, che rappresenta la pubblica accusa con i pm Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene, ha chiesto ufficialmente di poter acquisire per il tramite della corte le due agende, quella del 1993 e del 1994, oggi conservate proprio al Quirinale.
Secondo i magistrati, che hanno già potuto esaminare le annotazioni dell’ex Presidente della Repubblica, vi sarebbero alcune pagine interessanti.
Tra le annotazioni vi sarebbero anche i dialoghi avuti con l’allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro ma, come già stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale, su queste pagine potrebbe scattare il divieto di acquisizione e divulgazione per la riservatezza dei colloqui anche informali del capo dello Stato.
Nella sua testimonianza Ciampi ha anche risposto sulla mancata proroga, sempre nel '93, di una serie di provvedimenti di 41 bis e sulla decisione di sostituire al vertice del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Nicolò Amato con Adalberto Capriotti.
“Non ricordo che vi fossero ministri che avevano opinioni diverse in tema di contrasto alla criminalità organizzata - disse allora Ciampi - Nulla ricordo in ordine alla mancata proroga del regime detentivo del 41 bis, non venni avvertito né prima né dopo quella mancata proroga. Non so nemmeno dare una spiegazione per la condotta del ministro Conso che, con la mancata proroga di tali decreti, certamente andava in netta contrapposizione con le linee guida del governo da me presieduto in tema di lotta alla mafia”.

Il silenzio di Ultimo
Il dibattimento sarebbe poi dovuto proseguire con l’audizione di Sergio De Caprio, meglio noto come “Capitano Ultimo”. I magistrati lo avrebbero dovuto sentire sui temi inerenti all’ormai noto episodio di Terme Vigliatore, ed in particolare sui motivi della sua presenza in quella località il 6 aprile 1993, giorno in cui oltre al mancato arresto di Nitto Santapaola vi fu una sparatoria che coinvolse Fortunato Imbesi, scambiato per un latitante. De Caprio, intervenuto in videoconferenza, si è però avvalso della facoltà di non rispondere in quanto indagato di reato connesso da quando, nell’ambito del processo d’Appello Mori-Obinu, la corte d’Appello di Palermo ha disposto “la trasmissione alla Procura di Palermo di copia dei verbali e delle trascrizioni delle deposizioni rese da Mauro Olivieri, Francesco Randazzo, Pinuccio Calvi, Giuseppe Mangano, Roberto Longu e Sergio De Caprio (meglio noto come “Ultimo”), per valutare l'eventuale sussistenza del reato di falsa testimonianza”. Un silenzio annunciato, quello del colonnello, anche alla luce delle molteplici e discordanti versioni riferite dallo stesso e dagli uomini del suo reparto investigativo. Per dimostrare certi fatti, dunque, il pm Di Matteo ha anche chiesto l’acquisizione di una produzione documentale. Nello specifico il verbale di perquisizione domiciliare del 6 aprile 1993 eseguito in casa di Mario Salvatore Imbesi ed anche la richiesta del pm, datata 24 aprile 1993 (18 giorni dopo la sparatoria), con cui si chiedevano informazioni al Comando provinciale dei carabinieri di Messina sulla natura del servizio svolto e gli ordini impartiti al capitano De Caprio in quel giorno. Una risposta arrivata soltanto il 17 giugno 1993, ovvero due mesi dopo i fatti, con un procedimento per tentato omicidio già avviato, di cui la stessa accusa ha chiesto anche l’acquisizione della richiesta di archiviazione e del decreto di archiviazione in data 25 novembre 1993.

Foto © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Processo Mori-Obinu: Ultimo round?

Processo d’appello Mori-Obinu, ex carabiniere Longu: “A Terme Vigliatore per ricognizioni”

L’ex maresciallo Scibilia al processo Mori: l’arte di negare e non ricordare

Randazzo: “Non ho visto nessuno che scappava. Non ho fatto nessuna perquisizione”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa