Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Processo trattativa, in udienza il colonnello Riccio

Processo trattativa Stato-Mafia

Processo trattativa, in udienza il colonnello Riccio

carabinieri divisa fictL'udienza è terminata. Il processo è stato rinviato al 12 novembre, ore 9:30.


di AMDuemila

Il rapporto con il confidente Ilardo e il fallito blitz a Mezzojuso
Sarà il Colonnello dei Carabinieri MicheleRiccio, all’udienza di oggi, ad essere sentito in qualità di testimone al processo sulla trattativa tra Stato e mafia in corso a Palermo. Oggetto dell’esame, nello specifico, il rapporto con il confidente Luigi Ilardo (ucciso in circostanze misteriose appena prima di divenire collaboratore di giustizia) in particolare sulle preziose informazioni che Ilardo diede parlando delle strategie generali di Cosa nostra, delle stragi del ’92 e ‘93, dei rapporti con esponenti della politica e delle istituzioni e soprattutto con l’allora boss latitante Bernardo Provenzano. Proprio il confidente, nel ’95, riuscì a portare il Ros ad un passo dalla cattura di Provenzano, che si nascondeva a Mezzojuso, ma l’appuntamento che Ilardo era riuscito ad ottenere con il boss corleonese si concluse in un nulla di fatto in quanto dai vertici dei carabinieri non ci fu l’ordine di procedere al blitz.
“Provenzano? Era un confidente ad alto livello con le istituzioni. Questo me lo disse Luigi Ilardo. – aveva raccontato Riccio nel corso del processo a carico degli ex ufficiali del Ros Mori e Obinu, accusati di non aver arrestato Provenzano a Mezzojuso – Ilardo mi disse anche che Provenzano parlava con vecchi esponenti della DC: Andreotti, Ligresti e altri”. “Il giorno dell’incontro tra Ilardo e Provenzano – aveva continuato all’udienza – ero presente nella zona perché sapevo che mi sarei dovuto vedere con il confidente”, il quale “mi raccontò dell’incontro con Provenzano. Mi rese anche una descrizione del Provenzano dicendomi che poteva essere benissimo scambiato per un fattore. Mi diede i nomi delle persone, le targhe, i numeri di telefono, tante informazioni su soggetti implicati nella gestione della latitanza. Io girai tutte le informazioni ai miei ufficiali sia a voce che nelle relazioni”. “Il blitz a Mezzojuso era fattibile. – aveva poi commentato – Avevamo a disposizione la strumentazione gps fornita dall’ambasciata americana che avevamo già utilizzato in altre due operazioni. Di questo parlai a Mori a Roma quando ricevetti la notizia da Ilardo dell’incontro con Provenzano. Mi fu detto che avremmo utilizzato gli strumenti in dotazione al Ros e che sarebbe stato meglio compiere un servizio di osservazione dell’incontro tra Ilardo e Provenzano per acquisire ulteriori notizie”.
Riccio aveva anche raccontato dell’incontro avvenuto negli uffici del Ros tra Mori e Ilardo il 2 maggio 2015, giorno in cui si tenne il primo incontro propedeutico alla collaborazione di Ilardo con le Procure di Palermo e Caltanissetta. “Prima dell’incontro con Tinebra e Caselli, lo presentai a Mori. – spiegava – La scena mi colpì: Ilardo si avvicinò di getto a Mori e gli disse ‘Guardi che molti attentati attribuiti a Cosa Nostra in realtà sono stati voluti dallo Stato’. Mori si irrigidì, strinse i pugni, si volta di scatto e con lo sguardo abbassato esce. In passato Ilardo mi aveva fatto comprendere di molti attentati che erano stati addebitati esclusivamente a Cosa nostra ma dove i mandanti erano parte di questo contesto deviato”.
Il teste aveva poi ricordato un discorso che Mori gli fece in riferimento a Forza Italia, che “avrebbe risolto i problemi dell’Arma. Questo era un discorso che Mori mi fece in più occasioni. Riguardava i problemi di tipo ‘gestionale’, sui rapporti strategici dell’Arma ed anche riguardo alla strategia di gestione dei collaboratori di giustizia. Mori mi disse che bisognava sminuire la questione dei pentiti perché tutto si doveva fermare in quanto i collaboratori potevano far fare un salto alle indagini”.

Ascolta la diretta audio streaming!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa