Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Dell'Utri a Roma mentre Spatuzza parlava con Graviano della strage

Processo trattativa Stato-Mafia

Dell'Utri a Roma mentre Spatuzza parlava con Graviano della strage

dellutri marcello big7di Aaron Pettinari
Il dettaglio è emerso stamattina al Processo trattativa

Marcello Dell'Utri si trovava a Roma, all'Hotel Majestic, nei giorni in cui Cosa nostra organizzava l'attentato allo stadio Olimpico e “Madre natura”, Giuseppe Graviano, incontrandosi con Gaspare Spatuzza al bar Doney fece i nomi di Berlusconi e Dell'Utri all'ex boss di Brancaccio e che “grazie a loro c’eravamo messi il Paese nelle mani”.
E' questo il dato emerso oggi in aula al processo trattativa Stato-mafia durante l'esame dei luogotenenti Massimo Cappottella e Sandro Micheli, in servizio presso il Centro Operativo DIA di Firenze che hanno svolto in particolare accertamenti su quel famoso incontro al bar di via Veneto, ma non solo. “Avevamo anche il compito di fare un'analisi di riscontro anche riguardo alle attività che si svolgevano a Roma in quel periodo – hanno spiegato i due luogotenenti rispondendo alle domande dei pm Di Matteo, Del Bene e Tartaglia – svolto anche nell'ambito del sorgente movimento politico del 1994, Forza Italia. Analizzando un altro procedimento emergeva come a Roma vi fossero stati degli incontri all'hotel Majestic, dove si ricevevano persone per formare le liste elettorali di quella nuova forza politica che si presentava”. Il 22 gennaio 1994, infatti, si doveva svolgere proprio una Convention e, secondo gli accertamenti, l'arrivo di Dell'Utri presso l'Hotel è il 18 gennaio. Dai dati raccolti dagli investigatori, però, non si sa quando l'ex senatore ha lasciato la struttura. Altro dato certo è che in quei giorni il gruppo Fininvest aveva messo a disposizione dei propri dipendenti una vera e propria “flotta aerea” con diversi voli che si erano sviluppati tra Roma e Milano ma il nome di Dell'Utri non comparirebbe nell'elenco dei passeggeri che hanno usato quei voli.
Altra curiosità è che l'Hotel Majestic dista poche centinaia di metri dal bar Doney, dove ebbe luogo il famoso incontro tra Spatuzza e Graviano.
Potrebbe esserci stato un incontro tra Giuseppe Graviano e Marcello Dell'Utri nei giorni precedenti? Non è dato saperlo ma è chiaro che la coincidente presenza di entrambi nella Capitale fa sorgere più di un sospetto. Spatuzza, quando racconta gli eventi del 21 gennaio parla del volto radioso del boss di Brancaccio. “Ci recammo presso il bar Doney, in via Veneto a Roma – aveva raccontato al processo trattativa - Già fuori c'era Giuseppe Graviano ad attenderci. Lui era latitante e sebbene sarebbe dovuto salire in macchina mi invita ad entrare al bar per consumare qualcosa. Aveva un'aria gioiosa e mi disse che avevamo ottenuto tutto quel che cercavamo grazie a delle persone serie che avevano portato avanti la cosa. Io capii che alludeva al progetto di cui mi aveva parlato già in precedenza, in un altro incontro a Campofelice di Roccella”. “Poi – aveva proseguito – aggiunse che quelle persone non erano come quei quattro crasti (cornuti, ndr) dei socialisti che prima ci avevano chiesto i voti e poi ci avevano fatto la guerra”. “‘Ve l’avevo detto che le cose sarebbero andate a finire bene’”, avrebbe detto Graviano. “Poi – aveva continuato – mi fece il nome di Berlusconi. Io gli chiesi se fosse quello di canale 5 e lui rispose in maniera affermativa. Aggiunse che in mezzo c’era anche il nostro compaesano Dell’Utri e che che grazie a loro c’eravamo messi il Paese nelle mani. E per Paese intendo l'Italia”. I due luogotenenti della Dia hanno quindi riscontrato anche i dati forniti da Spatuzza sulla preparazione dell'attentato all'Olimpico, sul furto delle targhe, sull'utilizzo di una Lancia Thema portata da Palermo, e sulla stessa presenza dell'ex boss di Brancaccio, confermata dall'attivazione del suo cellulare a Roma tra il 16 e il 21 gennaio 1994. Ed è nell'incontro al bar Doney che Graviano dà l'ok per proseguire con il progetto d'attentato, dove si dovevano colpire i carabinieri, e che si sarebbe dovuto verificare il 23 gennaio 1994, in occasione della partita tra Roma ed Udinese. Solo un problema tecnico ha evitato la nuova strage. Il 27 gennaio, poi, i fratelli Graviano vengono arrestati a Milano. E forse non è un caso che la stagione delle stragi, da quel momento in poi, ha fine.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa