Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Trattativa: Canali e la tecnica (collaudata) di sminuire i fatti

Processo trattativa Stato-Mafia

Trattativa: Canali e la tecnica (collaudata) di sminuire i fatti

canali-aula-bunker-bndi Lorenzo Baldo - 4 giugno 2015
La sua voce non tradisce alcuna emozione. I fatti vengono narrati quasi con distacco, e soprattutto sminuiti nella loro complessità. Eppure Olindo Canali è indubbiamente uno dei protagonisti del biennio giudiziario ‘92/’93, ma anche di un periodo precedente (e successivo). Basta riprendere alcuni passaggi della sua deposizione odierna per accorgersene. Canali racconta con molta nonchalance di una perquisizione nella casa milanese dell’ex avvocato Rosario Cattafi (condannato per associazione mafiosa), risalente all’84, e legata alle indagini sul sequestro di Giuseppe Agrati (un facoltoso industriale rapito nel ’75). In casa di Cattafi era stata ritrovata la rivendicazione dell’omicidio del giudice Bruno Caccia inizialmente collegata alle Br. Solo successivamente quell’omicidio si era scoperto riconducibile ai calabresi (e ai catanesi). Di quella rivendicazione, però, non era mai stata trovata alcuna traccia nei fascicoli sull’omicidio del magistrato piemontese. Dal canto suo Canali aveva già confermato anni addietro agli inquirenti questo “dettaglio”. Che era emerso grazie ad un’intercettazione telefonica nella quale lo stesso Canali (all’epoca indagato) aveva raccontato quell’episodio allo scrittore Alfio Caruso. In aula questo aneddoto scivola via senza troppa enfasi. Ma del resto l’ex sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto riassume in maniera alquanto scarna i motivi per i quali era stato condannato in primo grado per poi essere assolto in appello e successivamente in Cassazione. Il giudice Canali evita quindi di raccontare di essere stato l’autore di quella missiva anonima che lanciava sospetti e veleni attorno alla vicenda dell’omicidio del giornalista Beppe Alfano.

Quella lettera era stata fatta recapitare all’avvocato barcellonese Franco Bertolone che a sua volta l’aveva portata in udienza al maxiprocesso di appello “Mare Nostrum” scatenando forti polemiche, nonché una forte presa di posizione da parte del legale della famiglia Alfano, Fabio Repici. Lo stesso Repici viene chiamato in causa più volte negli interventi della difesa di Mori. Si assiste quindi ad una scena del tutto surreale con il teste che sciorina la sua versione dei fatti in merito agli esposti sollevati dall’avv. Repici (su mandato della famiglia Alfano) nei suoi confronti. Nessun cenno da parte di Canali al suo stretto legame con l’ex procuratore generale di Messina, Franco Cassata, la cui carriera si è conclusa in maniera del tutto ignominiosa, né tanto meno alle relative interrogazioni parlamentari sollevate dall’ex presidente della Commissione antimafia Giuseppe Lumia. In un teatro dell’assurdo nel quale si è tentato di spostare l’attenzione dal nucleo centrale del processo è stato quindi possibile assistere ad una sorta di attacco sibillino nei confronti di un avvocato difensore (Fabio Repici) e, seppur in maniera indiretta, anche verso i congiunti di una vittima di mafia (Beppe Alfano) che lo stesso Repici difende. Alla fine, però, restano alcune esternazioni dell’ex pm di Barcellona Pozzo di Gotto, Olindo Canali, che vanno ad infittire i tanti misteri che gravitano attorno allo snodo barcellonese della trattativa Stato-mafia.
La sua dichiarazione in merito alla sparatoria nei confronti del figlio del geometra Imbesi racchiude proprio l’essenza di questa zona grigia. “Credo che De Caprio recitasse la parte del Carabiniere raccontandomi una storia del tutto incredibile alla quale non ho creduto minimamente”. A futura memoria.

ARTICOLI CORRELATI

D'Amico al processo trattativa: "So chi ha ucciso Beppe Alfano. Non sono stati i Servizi"

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa