Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Processo trattativa: Capriotti si avvale della facoltà di non rispondere

Processo trattativa Stato-Mafia

Processo trattativa: Capriotti si avvale della facoltà di non rispondere

toga-web4Domani sarà sentito Arnaldo Forlani
di Aaron Pettinari - 4 febbraio 2015
Pochi minuti, giusto il tempo di consultarsi con il proprio avvocato, Bonanni. “Che devo fa?”. Poi la scelta. “Su consiglio mi avvalgo della facoltà di non rispondere”. Così l’ex direttore del Dap, Adalberto Capriotti, indagato di reato connesso (false informazioni rese ai pm, ndr), ha deciso di restare in silenzio. “Se c’è altro che mi dovete chiedere però io sono qui e posso rispondere. Sono qui pre rispetto del Presidente, della Corte, del pubblico ministero”. Un’udienza lampo per il processo trattativa Stato-mafia che si celebra eccezionalmente a Roma. Si tratta della terza “defezione” per la trasferta programmata dalla Corte d’assise di Palermo. Nei giorni scorsi infatti sia l’ex ministro Giovanni Conso che l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi avevano inviato la documentazione che attestava l’impossibilità di testimoniare. Come ieri, quando è stato ascoltato l’ex capo del Dap Nicolò Amato, che ieri ha detto di essere stato “mandato via dal Dap con un calcio nel sedere proprio per cambiare l’impostazione carceraria” su decisione dell’allora capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro, al centro del dibattimento vi sarebbe stato il tema delle carceri e del 41 bis.

In particolare si sarebbe parlato della successione ai vertici dell’amministrazione penitenziaria con Capriotti che è stato il successore di Amato a partire dal giugno 1993.
La trasferta romana del processo si concluderà domani con la deposizione dell’ex segretario della Dc Arnaldo Forlani che si terrà sempre presso la sede del tribunale di Roma. A quest'ultimo i pm chiederenno chiarimenti sulla sostituzione, decisa improvvisamente alla vigilia del rimpasto di governo dopo la strage di Capaci, nel giugno '92, del ministro dell’Interno dell’epoca Vincenzo Scotti. Scotti, a cui era stata garantita la permanenza al Viminale, venne incaricato di dirigere il dicastero degli Esteri, mentre al suo posto all’Interno venne nominato Nicola Mancino. Forlani, come l’ex presidente dc Ciriaco De Mita, sentito nel 2012, aveva ricondotto a ragioni politiche la sostituzione di Scotti. Per la Procura dietro la sostituzione ci sarebbe stata la necessità di togliere la guida del Viminale a un personaggio che, con misure come il carcere duro, aveva lanciato segnali duri alla criminalità organizzata.

DOSSIER Processo trattativa Stato-Mafia

ARTICOLI CORRELATI

Processo trattativa, Amato: "Non ricordo che Mancino abbia mai avanzato richieste applicazione 41 bis"

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa