Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Trattativa: Cavaliero "la vedova Borsellino mi disse che Subranni era punciuto"

Processo trattativa Stato-Mafia

Trattativa: Cavaliero "la vedova Borsellino mi disse che Subranni era punciuto"

subranni-antonio-effAudio
di Lorenzo Baldo - 28 novembre 2014

Palermo. L’immagine è quella di una persona mite, di grande umiltà. Ma allo stesso tempo depositaria di una confidenza da far tremare le vene ai polsi. “Circa dieci anni fa, sei o otto mesi prima del matrimonio di Manfredi (Borsellino, ndr), la signora Agnese utilizzò un’espressione nei confronti del generale Subranni”. Le parole dell’ex sostituto procuratore di Marsala, Diego Cavaliero, amico nonchè collega di Paolo Borsellino negli anni di Marsala, attualmente giudice del lavoro alla Corte di Appello di Salerno hanno riacceso l’attenzione su una terribile rivelazione che era già emersa cinque anni fa. “La signora Agnese – ha specificato il magistrato campano deponendo questa mattina al processo sulla trattativa – mi disse che poco tempo prima di morire, in un momento di rabbia, il marito le aveva detto che il generale Subranni era punciuto (affiliato a Cosa Nostra, ndr). Mi disse anche che in quella occasione Paolo aveva vomitato dopo essere rientrato a casa”. Alle domande del pm Roberto Tartaglia Cavaliero ha risposto senza esitazione. Anche quando ha ricordato “la frenesia” di Borsellino al pensiero di aver perduto la sua agenda rossa.

Era il 12 luglio 1992 e il giudice palermitano era venuto a Salerno per fare da padrino al battesimo del primo figlio di Cavaliero. “Lo andai a prendere a Baia (all’albergo dove alloggiavano Paolo Borsellino e il tenente Carmelo Canale, ndr) e andammo da mia madre. Ricordo che Paolo aveva appoggiato l’agenda rossa sul letto. Appena scendemmo dalla macchina Paolo ebbe la percezione che non aveva l’agenda. Era visibilmente agitato. Mi fece ‘smontare’ la macchina, facendomi alzare i sedili, mi colpì la sua frenesia… Non trovandola mi fece tornare a Baia, e lì la trovammo sul letto dove l’aveva lasciata, solo allora si tranquillizzò. Borsellino era un maniaco delle annotazioni. Lui era l’archiviazione fatta persona. Negli anni di Marsala non portava l’agenda con sé se uscivamo a cena. Questo particolare l’ho visto solo dopo il 23 maggio del ’92”. “Il 28 giugno 1992 – ha raccontato ancora l’ex pm di Marsala – ci incontrammo a Giovinazzo (Ba) per un congresso di magistrati. Le misure di protezione per Borsellino erano aumentate. Ricordo che mi manifestò la sua forte preoccupazione, non lo disse apertamente, mi invitò ad accompagnarlo a prendere le sigarette e mi disse: ‘sai quando muore una persona cara tu vai al funerale e ti addolori perché hai la consapevolezza che la tua fine è più vicina’. La cosa mi turbò molto”. “Il suo umore era completamente diverso, aveva perso quella giovialità che lo caratterizzava, e il 12 luglio, al battesimo, si vedeva che era ‘assente’. Io venni a Palermo dopo la morte di Falcone e alloggiai a casa di Borsellino. Lui era preoccupato. Ricordo la camera ardente… Paolo mi aveva detto: ‘fino a quando c’è Giovanni mi fa da parafulmine’”. Cavaliero ha quindi ricordato “il moto di stizza” di Paolo Borsellino nel sapere della telefonata della batteria del Viminale che lo cercava da parte del prefetto Vincenzo Parisi. La “percezione” del significato della “fretta” che aveva Borsellino per cercare di “fornire una chiave di lettura di quella che era stata la morte di Falcone” è stato un altro aspetto fondamentale della deposizione di Cavaliero. “Che Paolo avesse fretta era evidente – ha specificato il magistrato campano –, lui diceva di avere bisogno di una giornata di 48 ore. Era evidente che stesse inseguendo qualcosa dal punto di vista investigativo…”. Il pm Tartaglia ha ripreso il verbale di interrogatorio dell’ex sostituto procuratore di Marsala del 2012 nel quale emergevano ulteriori dettagli in merito alle confidenze della vedova del giudice. “C’era una nota fondamentale di amarezza della signora Borsellino, di carattere generale, – aveva raccontato due anni fa agli investigatori – per quello che riguardava gli sviluppi investigativi, quello che più o meno stava succedendo nell’ambito delle indagini dell’epoca per la morte del marito… mi disse che praticamente il marito aveva capito, non si capisce bene cosa, in quella condizione di frenesia…”. Ma cosa poteva aver capito il giudice Borsellino in quei 57 giorni tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio? Nel periodo successivo all’eccidio del 19 luglio ’92 il rapporto tra Cavaliero e la famiglia Borsellino si era rinsaldato ancora di più. Nel mese di agosto del ’92 lo stesso magistrato campano aveva portato la signora Agnese e i suoi tre figli nella sua casa di villeggiatura vicino Salerno per dar loro un po’ di respiro. “In quel periodo la signora Agnese è sempre stata molto critica su tutto ciò che le gravitava attorno, si lamentava che c’erano amici e conoscenti che non avevano mai partecipato alla loro vita e che ora invece volevano un posto in prima fila…”. Alla domanda se avesse mai conosciuto una persona di nome Angelo Sinesio il dott. Cavaliero ha risposto negativamente. Sul ruolo di Sinesio non è stata fatta ancora piena luce. Si sa che è stato un agente dei Servizi segreti dal passato decisamente misterioso e che attualmente è Commissario straordinario del Governo per le infrastrutture carcerarie. Ma soprattutto è stato tra coloro che nel ’92 si erano particolarmente preoccupati dell’esposto anonimo “Corvo2”. Come è noto si tratta di una strana lettera, scritta a cavallo tra il 23 maggio e il 19 luglio del ’92, inoltrata a 30 destinatari (tra cui anche a Paolo Borsellino), nella quale si riferiva di una sorta di canale di comunicazione, in seguito all’omicidio di Salvo Lima, tra esponenti politici, tra cui Calogero Mannino e i vertici di Cosa Nostra. Poco dopo la strage di via D’Amelio lo stesso Sinesio aveva chiesto ossessivamente al pm Alessandra Camassa quali fossero state le ultime indagini di Borsellino senza ottenere, però, alcuna informazione.
Nella prossima udienza di giovedì 4 dicembre proseguirà il controesame del collaboratore di giustizia Angelo Siino.

In foto: il generale Antonio Subranni

DOSSIER Processo trattativa Stato-Mafia

AUDIO
20141128-proc-trattativa

ARTICOLI CORRELATI

Processo Mori: Cavaliero, “Borsellino aveva l'agenda rossa sempre con sé”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa