Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Stragi '92/'93, Napolitano: "Dallo Stato ci si aspettava uno sbandamento"

Processo trattativa Stato-Mafia

Stragi '92/'93, Napolitano: "Dallo Stato ci si aspettava uno sbandamento"

napolitano-capaci-via-palermoIl Presidente della Repubblica al processo trattativa: percepimmo un ricatto per destabilizzare il sistema
di Miriam Cuccu - 31 ottobre 2014

Le bombe del ’92 e ’93 furono un “aut-aut” allo Stato, un “ricatto a scopo destabilizzante di tutto il sistema” quando già ci si aspettava un suo cedimento. A parlare è il Presidente della Repubblica che qualche giorno fa, testimoniando al processo trattativa Stato-mafia, ha ricordato di una “strategia stragista” ordita “dall'ala più aggressiva della mafia”, quella dei “corleonesi”. Fu questa la “percezione più immediata” avvertita dagli ambienti istituzionali. Le parole di Napolitano, riportate nero su bianco agli atti del processo in corso a Palermo, spazzano via qualsiasi perplessità sull’effettiva esistenza di un braccio di ferro tra Stato e mafia, il primo per far cessare le stragi, la seconda per vedere esaudite le richieste del “papello” e sopravvivere così alla pioggia di ergastoli del maxiprocesso. Una trattativa che, ormai, non può essere più essere accompagnata dall’aggettivo “presunta” o “cosiddetta”. “Probabilmente” aggiunge il Presidente, il ricatto ci fu “presumendo che ci fossero reazioni di sbandamento delle Autorità dello Stato”. Ormai era chiaro che la strategia delle bombe pagava.

Così, quando venne avanzata la “richiesta di alleggerimento” del carcere duro per i boss rinchiusi a Pianosa e all’Asinara i mafiosi già sapevano di poter trovare un compromesso con chi, dall’altra parte della barricata, cercava di scendere a patti per evitare che si avverassero le minacce che in quel periodo fioccavano contro le personalità politiche più in vista. E quando il pm Di Matteo domanda al Presidente della lettera che i familiari dei capimafia inviarono al presidente Scalfaro, lamentando le condizioni di detenzione dei loro congiunti, Napolitano commenta: “Se ne parlò molto anche sulla stampa”. “Della lettera si è venuti a conoscenza soltanto molti anni dopo” ribatte Di Matteo. “Credo di avere una discreta memoria, ma non una simile memoria di elefante” è la risposta del teste.
Napolitano cita poi come “particolarmente inquietante l'episodio di un black out al Quirinale” la notte tra il 27 e il 28 luglio ’93, a ridosso della strage di via Palestro a Milano. “Poteva considerarsi un classico ingrediente di Colpo di Stato” che aveva “in modo particolare impressionato Ciampi - ricorda il Presidente della Repubblica - il fulcro della responsabilità era senza alcun dubbio il Governo e non a caso il black out i presunti eversori l'avevano fatto a Palazzo Chigi o non a Palazzo Montecitorio, né a Palazzo Madama”.
Napolitano ricolloca all’interno dello stesso quadro di “pressione” l’allarme lanciato da una nota del Sismi nell’estate ’93 su un attentato contro di lui: “Fui informato che c'erano voci, erano state raccolte da confidenti notizie circa un possibile attentato alla mia persona o a quella del Senatore Spadolini” allora presidente del Senato, mentre l’attuale Capo dello Stato rappresentava la Camera. “Il giorno prima della mia partenza - per Parigi, ndr - che avvenne il 24 di agosto, io fui richiesto in un colloquio dal Capo della Polizia, Prefetto Parisi, il quale molto gentilmente mi informò” della notizia “da prendere naturalmente con molta cautela, ma non palesemente incredibile”. Per questo Parisi gli disse “di predisporsi all'avere una particolare vigilanza” durante il viaggio. L’allarme, conferma Napolitano rispondendo al pubblico ministero, era stato ricollocato nello stesso quadro dei precedenti attentati già compiuti: “Evidentemente era il prolungamento di una strategia, soprattutto di una strategia di attacco frontale allo Stato” contraddistinta da “una certa unicità di contesto”.
Già all’epoca l’ex ministro Conso parlava - senza che la “pubblicistica”, secondo Napolitano responsabile di aver diffuso la notizia, ne fosse a conoscenza - di una “spaccatura” in Cosa nostra tra ala riiniana e provenzaniana. Il Presidente etichetta la profetica analisi di Conso - in un periodo in cui nemmeno l’allora capo della Dia era a conoscenza degli equilibri interni alla Cupola mafiosa - “non straordinariamente originale”: “Lo si capiva benissimo, non c’era bisogno di essere politologi o sapienti giuristi”. Poi Conso lasciò scadere i 41bis per 334 boss di primissimo piano nonostante il parere contrario della Procura di Palermo. La “reazione di sbandamento” che Cosa nostra attendeva.

DOSSIER Processo trattativa Stato-mafia

ARTICOLI CORRELATI

Napolitano, D'Ambrosio e il mistero che resta sugli "indicibili accordi"

Napolitano: “non so di stragi e non ho parlato con Mori”

Stato-mafia: la testimonianza integrale di Napolitano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa