Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Trattativa: il legale di Riina chiede di interrogare Napolitano, la Procura si oppone

Processo trattativa Stato-Mafia

Trattativa: il legale di Riina chiede di interrogare Napolitano, la Procura si oppone

cianferoni-napolitano-procuradi Lorenzo Baldo - 23 ottobre 2014 - Audio
Posticipata la quarta audizione di Siino per motivi di salute

L’audizione del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è alle porte. Il legale di Totò Riina, Luca Cianferoni, ha chiesto di poterlo interrogare dinnanzi alla Corte di Assise Palermo dove si sta celebrando il processo sulla trattativa. Ieri pomeriggio l’avvocato Cianferoni ha fatto pervenire alla Corte una memoria nella quale ha richiesto l’esame del Presidente della Repubblica sulle minacce nei suoi confronti riportate nei documenti depositati la scorsa udienza dalla Procura. Tecnicamente si tratta di un approfondimento istruttorio con tanto di estensione del capitolato di prova relativo all’esame di Napolitano previsto per il prossimo martedì 28 ottobre. Come è noto nell’ordinanza della Corte d'Assise è stato invece circoscritto il contesto della testimonianza di Giorgio Napolitano. Il Presidente dovrà infatti riferire su alcuni specifici passaggi contenuti in una lettera inviatagli il 18 giugno del 2012 dal suo ex consigliere giuridico, Loris D’Ambrosio. Nella missiva quest’ultimo lamentava di essersi sentito un “utile scriba” per “indicibili accordi” avvenuti a cavallo del biennio stragista ‘92/’93. “Lei sa”, scriveva D’Ambrosio a Napolitano, ed è su questo punto che il pool intende chiedere lumi al Capo dello Stato.

L’avvocato Cianferoni ha quindi scritto alla Corte di voler chiedere al Presidente della Repubblica se tra luglio e settembre del ’93, o anche successivamente “sia stato notiziato e posto dunque in condizioni di maggiore tutela rispetto ad un possibile e specifico attentato attinente alla sua persona”. Per il legale di Riina si tratta una circostanza del tutto “rilevante” in relazione alla posizione di Totò Riina proprio per “il momento, la genesi, l’individuazione, di nuovi e diversi obiettivi rispetto alla circostanza della detenzione del sig. Riina già attiva nel gennaio del ’93”. “Ci opponiamo all’esame del teste Napolitano da parte della difesa di Riina”, è stata la secca risposta del pm Nino Di Matteo. Poco prima il magistrato ha chiesto l’acquisizione degli atti (già depositati la scorsa udienza) provenienti dal Sismi e dal Sisde dell’anno ’93, unitamente a documenti del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri del giugno del ’92. In alcune di queste note era stato paventato il rischio attentati nei confronti dell’allora Presidente del Senato Giovanni Spadolini e di Giorgio Napolitano, all’epoca Presidente della Camera. Nell’atto del Comando dei Carabinieri venivano citate “più fonti fiduciarie” che avevano riferito dei progetti di eliminazione fisica nei confronti di Calogero Mannino, Salvo Andò, Paolo Borsellino ed altri. Mentre negli atti del Sismi, dal 29 luglio 1993 fino al 20 agosto del ’93, veniva fatto riferimento all’acquisizione di “notizie confidenziali” dalle quali “si evinceva il pericolo di un’ulteriore strage che doveva essere eseguita in accordo con elementi della politica massonica” nei confronti di Giovanni Spadolini e di Giorgio Napolitano. Nella nota del Sisde del 20 agosto del ’93 l’analisi sulle stragi del ‘93 non lasciava alcuno spazio all’immaginazione. Per gli analisti dell’intelligence quegli attentati sarebbero stati finalizzati “a ricavare nuove forme di trattativa”, miranti quindi “a ottenere forti sconti di pena nell’ambito di una più vasta e generale pacificazione sociale necessaria all’instaurazione del nuovo ordine costituzionale”. A fronte della “pertinenza e rilevanza” dei documenti depositati, Di Matteo si è rivolto alla Corte definendo “superflua” l’istanza del legale di Riina, in quanto “il difensore potrebbe ben far valere le sue eventuali esigenze difensive in sede di controesame”. Il pm ha quindi specificato che si tratta di documenti “riferibili al periodo ‘89/’93 evocato nella lettera del consigliere D’Ambrosio al Presidente Napolitano” del 18 giugno 2012. Dal canto suo il legale dell’Avvocatura dello Stato, Fabio Caserta si è ugualmente opposto all’esame di Napolitano da parte dell’avv. Cianferoni in quanto, introducendo un nuovo tema di prova diverso da quello sul quale è stata data la disponibilità del Presidente della Repubblica, “si rischierebbe di ledere quelle che sono le prerogative presidenziali e la tutela che la Corte Costituzionale ha riconosciuto al Presidente della Repubblica”. Domani mattina il Presidente della Corte di Assise, Alfredo Montalto, scioglierà le riserve. Nel frattempo la prosecuzione dell’esame di Angelo Siino è stata posticipata per motivi di salute; al suo posto è stato sentito Virgilio Amodeo, cugino dell’ex commissario Rino Germanà, che ha riferito sugli episodi relativi ai contatti tra Calogero Mannino e lo stesso Germanà.

AUDIO
20141023-proc-trattativa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa