Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Processo Stato-mafia: habemus data! Napolitano deporrà il 28 ottobre

Processo trattativa Stato-Mafia

Processo Stato-mafia: habemus data! Napolitano deporrà il 28 ottobre

napolitano-giorgio-c-ansa-2Fissata la convocazione del Presidente della Repubblica
di Lorenzo Baldo - 2 ottobre 2014
Palermo. “Con lettera pervenuta nel pomeriggio di ieri il Presidente della Repubblica ha confermato la disponibilità alla testimonianza presso la sede in cui esercita le funzioni e che pertanto sulla scorta delle disponibilità indicate viene sin d’ora individuata e comunicata per il compimento dell’atto presso il Palazzo del Quirinale in Roma la data del 28 ottobre 2014 ore 10”. Sono da poco passate le 14 quando nell’aula bunker del carcere dell’Ucciardone il Presidente della Corte di Assise, Alfredo Montalto, comunica la data nella quale Giorgio Napolitano verrà ascoltato come teste al processo sulla trattativa Stato-mafia. Collegato in videoconferenza l’avvocato di Totò Riina, Luca Cianferoni, chiede che il proprio assistito possa assistere all’udienza (sempre attraverso il collegamento video).

“Secondo la Corte europea per i diritti dell'uomo – dichiara in videocollegamento – l’imputato ha sempre diritto a partecipare alle sue udienze”. Subito dopo è l’altro boss corleonese, Leoluca Bagarella, a rendere dichiarazioni spontanee dal carcere di Nuoro: “intendo assistere a questa udienza del Presidente della Repubblica”, afferma senza alcuna esitazione. Di contraltare il legale dell’Avvocatura dello Stato, Fabio Caserta, si oppone alle richieste di Riina e Bagarella ritenendo “non applicabile l’ultima parte dell’art 502 in considerazione della immunità di sede”. Di fatto l’Avvocatura dello Stato e i legali dell’ex senatore Marcello Dell’Utri avevano già chiesto ai giudici di revocare la testimonianza del Presidente della Repubblica a seguito di una sua lettera inviata il 31 ottobre scorso. In quella missiva il Capo dello Stato aveva ribadito la sua disponibilità a testimoniare a Palermo sottolineando, però, di non avere nulla da riferire sui temi del processo. Venivano infatti sottolineati “i limiti” delle “reali conoscenze” di Napolitano “in relazione al capitolo di prova testimoniale ammesso”. In un procedimento penale che mira a fare luce sui legami delle nostre istituzioni con Cosa Nostra si verifica paradossalmente che “l’organo legale dello Stato” al quale vengono assegnati “compiti di consulenza giuridica e di difesa delle Amministrazioni Statali in tutti i giudizi civili, penali, amministrativi, arbitrali, comunitari e internazionali” si opponga alla testimonianza del suo massimo rappresentante. La prossima udienza il Presidente Montalto scioglierà le riserve su questa opposizione. La Corte aveva per altro già stabilito che gli imputati avrebbero potuto essere presenti solo tramite i propri avvocati. Ma perché c’è ancora tanta preoccupazione attorno alla deposizione di Napolitano? E’ il caso di dire: carta canta. Il pool che indaga sulla trattativa (i pm Di Matteo, Del Bene e Tartaglia, coordinati  dall’aggiunto Teresi) aveva a suo tempo avanzato la richiesta di questa audizione per avere ragguagli sulle confidenze che lo stesso Capo dello Stato avrebbe ricevuto dal suo consigliere giuridico, Loris D'Ambrosio. Il 18 giugno 2012, un mese prima di morire, D’Ambrosio aveva scritto di suo pugno una lettera a Napolitano nella quale, tra l’altro, si diceva fortemente preoccupato “per essere stato considerato solo un ingenuo e utile scriba di cose utili a fungere da scudo per indicibili accordi”. Accordi che possibilmente rientrerebbero nella trattativa tra Stato e mafia. Per i magistrati era - ed è - fondamentale chiarire questo passaggio chiedendo spiegazioni direttamente al destinatario di quella lettera. All’udienza del  26 settembre 2013 la testimonianza di Napolitano era stata definita dal pm Di Matteo  “certamente pertinente e rilevante”. A distanza di un anno il Presidente della Repubblica avrà l’obbligo di dire la verità come tutti i testimoni chiamati a deporre.

Foto © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Processo Stato-mafia: Napolitano davanti alla Corte

Napolitano e il suo diritto all'amnesia

Salvatore Borsellino: "Ora Napolitano collabori. Ma deve parlare a porte aperte"

I ricordi di De Mita su Falcone e Lima. La spudoratezza di un vecchio politico

Stato-mafia: ordinanza giudici, resta diritto pm citare Napolitano

Trattativa Stato-mafia, si entra nel vivo. I pm vogliono sentire Napolitano

Trattativa Stato-mafia: Napolitano deporrà!

DOSSIER Processo trattativa Stato-Mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa