Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo trattativa Stato-Mafia Trattativa Stato-mafia, la lettera del “Corvo 2” e le anticipazioni sull'addio al 41 bis

Processo trattativa Stato-Mafia

Trattativa Stato-mafia, la lettera del “Corvo 2” e le anticipazioni sull'addio al 41 bis

lettera-scrivere-webdi AMDuemila - 17 ottobre 2012
Era l'estate del 1992, a cavallo tra la morte di Falcone e la morte di Borsellino, quando una lettera anonima di otto pagine, indirizzata a 39 destinatari (tra cui lo stesso Paolo Borsellino ed il Capo dello Stato), venne pubblicata sulle pagine de “La Sicilia”. Una missiva in cui si parlava del reinserimento dei latitanti nella società attraverso la dissociazione, dell’abolizione del 41 bis e del blocco della confisca dei beni alla mafia. Tutti elementi inseriti nel “papello” di Riina.

Nella lettera l'anonimo, ribattezzato “il Corvo 2”, ripercorreva le tappe della discesa dell'onorevole Andreotti facendo riferimento a personaggi della Dc siciliana come Calogero Mannino e Piersanti Mattarella. Dalla Procura, secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, le bocche restano cucite. Non si sa se in questi anni siano state compiute indagini concrete sull'identità del “Corvo 2”.
Alcuni vedrebbero ancora una volta i Ros come protagonisti. Il maresciallo Carmelo Canale avrebbe raccontato che, secondo quanto gli avrebbe riferito Borsellino, il Prefetto Finocchiaro, allora Alto Commissario per il coordinamento della lotta contro la mafia, sospettava che l’autore della lettera potesse essere Bruno Contrada. Ma è proprio quest'ultimo, ex numero due del Sisde condannato a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e ormai giunto a fine pena, a difendersi ribadendo che i sospetti erano sui Ros: “ Il Sisde mi chiese solo di effettuare le prime verifiche. Da un’analisi del testo emerse che la lettera proveniva da ambienti alti, istituzionali poi non me ne occupai più e non so che iter abbiano seguito le indagini”. Quel che è certo è che la lettera creò un certo clamore. Nei mesi successivi alla pubblicazione, il 7 settembre, il senatore del partito comunista, Lucio Libertini, interviene addirittura a Palazzo Madama, alla presenza dell'ex ministro Nicola Mancino (oggi imputato al processo sulla Trattativa), chiedendo una promessa di impegno per far luce su certe questioni.

“Un tale Di Miceli”
Sempre all'interno della lettera del “Corvo 2” veniva nominata anche una persona, un uomo chiave che metteva in collegamento i big della politica con il capo dei capi Totò Riina, “un tale Di Miceli", che sarebbe stato individuato in Piero Di Miceli, commercialista classe'38, noto a Palermo come “il professore”. Di questi è tornato a parlare oggi il Fatto Quotidiano che lo ha anche intervistato. Si tratta di una figura particolarmente nota negli ambienti palermitani con un passato al consolato Usa e nell'istituto di credito più importante dell'isola, il Banco di Sicilia. Dopo aver aperto uno studio di commercialista, abbandono il Banco per diventare un consulente della Procura di Palermo, in un primo momento con qualche incarico per pareri tributari o fiscali, poi come amministratore di beni sequestrati alla sezione delle misure di prevenzione del Tribunale, poi ancora come curatore alla sezione fallimentare. Addirittura è diventato perito per i beni sequestrati a Vito Ciancimino. Alcuni pentiti lo descrivono come uomo vicino a Cosa Nostra e ai servizi segreti tanto che finisce al centro di diverse inchieste su mafia e politica. Altri dicono che è vicino agli ambienti della massoneria ma lui, intervistato, nega ogni accusa ed anzi si dice convinto che quella missiva era una attacco nei suoi confronti, per le numerose perizie svolte per conto di diversi tribunali che hanno portato alla condanna di mafiosi. “Consideri che l’anonimo è arrivato proprio mentre facevo la perizia sui beni di Ciancimino. Solo a distanza di anni apprendo che proprio in quel momento i Ros contrattavano con lui la famosa trattativa, promettendogli anche la liberazione dei beni. Questo è il fatto grave: una parte dello Stato agisce per sequestrare i beni di questi signori e un'altra parte dello Stato si impegna a restituirgli tutto” ha detto alla giornalista Dina Lauricella. Per quanto riguarda la mano che scrisse quella lettera secondo Di Miceli potrebbe esserci qualche collegamento con due informatori “che sono andati a riferire fatti fantasiosi sul mio conto all’allora prefetto dell’Alto commissario per il coordinamento della lotta alla Mafia, Domenico Sica”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa