Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo 'Ndrangheta stragista Giuseppe Graviano racconta l'incontro con Fiammetta Borsellino

Processo 'Ndrangheta stragista

Giuseppe Graviano racconta l'incontro con Fiammetta Borsellino

di Aaron Pettinari
Dichiarazioni spontanee al processo 'Ndrangheta stragista: "Non si vuole scoperchiare il vaso di Pandora. Ma il tempo è galantuomo"
"Ho avuto la visita di parenti delle vittime. La persona mi dice, 'stiamo venendo solo da lei perché c'è qualcosa che mi ispira'. Poi ho appreso che sono andati anche da mio fratello"
. E' così che il boss di Brancaccio, Giuseppe Graviano, rilasciando dichiarazioni spontanee al processo 'Ndrangheta stragista, parla dell'incontro avuto con Fiammetta Borsellino. "Mi era stato detto di non far uscire la notizia e ne parlo solo ora che altri l'hanno fatta uscire - ha aggiunto il capomafia - Come specificato alla signora che è venuta a farmi visita è impossibile che sia stato io a commettere la strage. Ho spiegato che io sono accusato solo da Scarantino. Io ho l'ergastolo per le sue parole e poi dicono che lui è stato smentito da Spatuzza e con quest'ultimo non mi sono mai confrontato anche se avrei voluto".
Nel suo flusso di coscienza nel corso del dibattimento dove è accusato assieme a Rocco Santo Filippone per gli attentati ai Carabinieri, in cui morirono gli appuntati Antonino Fava e Vincenzo Garofalo, Graviano ha un obiettivo chiaro, quello di dimostrare che le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia nei suoi riguardi non sono altro che fandonie ("A volte la mente elucubra e spesso la memoria biologica non coincide con i fatti storici aggiungendo false notizie. Di fake news ce ne sono abbastanza e ci sono sentenze di collaboratori che si autoaccusano di fatti che poi sono false notizie").
Così se la prende con le dichiarazioni del pentito Cuzzola, il quale aveva riferito della comune detenzione tra il boss di Brancaccio e Pino Piromalli, ma anche con il suo ex autista, Fabio Tranchina: "Lui dice che in Via d'Amelio avrebbe ricevuto l'ordine di trovare per me un'abitazione. Ma è una cosa da pazzi fare quello che ha detto lui, andarsi a trovare una casa lì. Via d'Amelio è un buco e dopo l'azione rimanevi intrappolato in quel buco". Nei giorni della strage del 19 luglio 1992, a suo dire, non si trovava in via d'Amelio, né in quei pressi. "Ero a duemila chilometri da Palermo come Francesco Mazzola, c'è un fermo e si può controllare" ha sempre detto proseguendo il suo "racconto".

La verità e il "tempo galantuomo"
Quindi è tornato a parlare dell'incontro con la figlia del giudice Borsellino: "La persona che voleva rincontrarmi non è stata autorizzata perché le procure dicono che si possono inquinare le prove. Io penso che non si può inquinare. E poi lì brucia veramente il cuore di chi combatte da 25-26 anni per sapere la verità, perché la verità non vuole emergere. Questo vaso di Pandora non si vuole scoperchiare e si è trovato il "capro espiatorio" che è Giuseppe Graviano. Ma il tempo è galantuomo".
Infine il boss di Brancaccio, così come aveva fatto lo scorso aprile ribadisce alla Corte d'Assise di Reggio Calabria, presieduta da Ornella Pastore, una propria intenzione: "Sia lei che il pm, che le difese, potete fare tutte le domande che volete. Io risponderò". "Il pm ha chiesto l'esame - ha ribadito la stessa Pastore - Quando arriverà il momento, se lei vorrà rispondere alle domande del pm e probabilmente della Corte lo vedremo. In questo momento sono spontanee dichiarazioni". Un appuntamento solo rimandato, dunque. Ma chissà se Graviano avrà la stessa voglia di oggi di proferir parola.

ARTICOLI CORRELATI

Bagarella, il gruppo di fuoco ''catenaccio'' e le stragi nelle parole di Calvaruso

'Ndrangheta stragista: ''Riina ci propose l'attacco allo Stato per farlo scendere a patti''

'Ndrangheta stragista: i fratelli Notargiacomo raccontano i rapporti con i Graviano

'Ndrangheta stragista, parla Cannella: ''Bagarella sapeva di Forza Italia già nel dicembre '93''

Il killer di Mormile: educatore ucciso perché ha parlato dei rapporti tra i Papalia e i servizi

Le rivelazioni di Graviano: ''Attentati islamici evitati grazie a Cosa Nostra''

Leggi Dossier Processo 'Ndrangheta stragista

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa