Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo 'Ndrangheta stragista 'Ndrangheta stragista: sulle tracce del faccendiere Giovanni Di Stefano

Processo 'Ndrangheta stragista

'Ndrangheta stragista: sulle tracce del faccendiere Giovanni Di Stefano

di Francesca Mondin
Quando la Dia indagava sulle stragi del '92-'93 si ipotizzava “che Cosa nostra fosse stata esecutrice materiale delle stragi ma anche che fossero il risultante di una convergenza di interessi di più ambienti: della destra neofascista, di esponenti deteriori della politica e dell'imprenditoria, senza esclusione della massoneria”. È in questo contesto investigativo che il colonnello Paolo Azzarone, che si è occupato di parte delle indagini Sistemi criminali per la Dia di Palermo, finì sulle tracce del faccendiere italiano Giovanni Di Stefano. In particolare “arrivammo a Di Stefano attraverso il comandante Arkan”, soggetto d'interesse dal momento che “fin dal verificarsi delle stragi del ’93 aleggiava lo spettro incombente della presenza di soggetti di nazionalità serba” ha detto il colonnello oggi al processo 'Ndrangheta stragista. Processo in cui gli attentati contro i carabinieri avvenuti tra il '93 e '94 in Calabria vengono letti all'interno di un più ampio disegno stragista di quegli anni.
Giovanni Di Stefano, “arrestato a Roma per l'estradizione chiesta dal Regno Unito con l'accusa di associazione a scopo di frode e commercio fraudolento” è un personaggio molto ambiguo che risulta “essere coinvolto in diverse vicende giudiziarie per traffici illeciti”, ritenuto anche vicino ad esponenti della P2 di Licio Gelli oltre che a soggetti serbi non proprio raccomandabili. Come Željko Ražnatović, alias Comandante Arkan, morto nel 2000 “responsabile di crimini di guerra, e pulizia etnica durante il conflitto serbo croato bosniaco e poi nella crisi dei Balcani legata all'indipendenza del Kosovo” ha ricordato Azzarone, oltre al fatto che “risultava essere legato ai servizi della ex Iugoslavia”.
Giovanni Di Stefano è lo stesso soggetto che il collaboratore di giustizia Pasquale Nucera aveva indicato essere presente, assieme ad Amedeo Matacena jr, al summit tra esponenti di 'Ndrangheta, Camorra e Cosa nostra americana il 28 settembre 1991.
Nucera aveva detto che Di Stefano era “un personaggio molto importante che gestisce il traffico di scorie radioattive e la fornitura di armi militari a paesi sottoposti ad embargo, principalmente la Libia". E ancora, che nella riunione del '91 “Di Stefano disse che bisognava appoggiare il nuovo 'partito degli uomini' che doveva sostituire la D.C. in quanto questo ultimo partito non garantiva gli appoggi e le protezioni del passato”.
A riguardo, Azzarone, dopo aver sottolineato di non essersi occupato delle indagini in Calabria, ha ricordato che nelle riunioni della Dia a Roma “si parlava dei collegamenti di Giovanni Di Stefano al più alto livello con esponenti di spicco della ‘ndrangheta calabrese e dei rapporti trattenuti con il Nucera”.

In foto: il Palazzo di giustizia di Reggio Calabria

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa