Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Depistaggio via d'Amelio Depistaggio via d'Amelio, ex pm Boccassini sarà sentita in videoconferenza

Processo Depistaggio via d'Amelio

Depistaggio via d'Amelio, ex pm Boccassini sarà sentita in videoconferenza

Udienze previste il 20 e 21 febbraio
di Aaron Pettinari
L'ex Procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini sarà sentita in videoconferenza, come teste, al processo sul depistaggio delle indagini sulla strage di via d'Amelio, il prossimo 20 e 21 febbraio. A riportare la notizia è l'Adnkronos che fa riferimento a quanto appreso in ambienti giudiziari. Boccassini, andata in pensione pochi mesi fa, era già stata citata nei mesi scorsi ma la stessa aveva spiegato di non poter presenziare per motivi di salute.
Alla luce della documentazione presentata e vista l'assoluta necessità di sottoporre all'esame l'ex magistrato il Tribunale di Caltanissetta ha deciso di sentirla anche se in videoconferenza collegata con il Tribunale di Milano. Boccassini faceva parte del Pool che coordinò le indagini dopo la strage di Via d'Amelio. Nel 1994 aveva espresso dei dubbi sulla attendibilità del falso pentito Vincenzo Scarantino. Perplessità che furono oggetto anche di una lettera inviata alle Procure di Caltanissetta e Palermo. Un documento che è presente agli atti del processo rinvenuto però non dagli archivi della Procura nissena ma soltanto da quella palermitana. Un elemento che contribuisce ad aumentare l'alone di mistero rispetto a quanto avvenuto durante le indagini di quegli anni.
Nonostante i chiarimenti restano aperti diversi interrogativi su quanto riferito dal procuratore aggiunto di Milano.
Possono essere definiti quantomeno “anomali” proprio quei numerosi colloqui investigativi che si sono tenuti con lo Scarantino (un esempio può essere la “maratona” tra il 4 ed il 13 luglio ndr), spesso nei giorni antecedenti le verbalizzazioni con i magistrati, una volta avviata la sua falsa collaborazione con la giustizia. Colloqui che furono autorizzati dalla stessa Boccassini. Non solo. Le verbalizzazioni di alcuni interrogatori in quattro occasioni si sono tenute con la partecipazione della stessa dottoressa Boccassini di cui una, il 15 luglio, alla sola presenza della stessa e di Arnaldo La Barbera.
Non solo. Restano ancora oggi da chiarire alcune considerazioni espresse dalla stessa durante la conferenza stampa, tenuta assieme a Giovanni Tinebra, sugli sviluppi delle indagini sulla strage di via d’Amelio, nella data del 19 luglio 1994, a due anni esatti dall’eccidio, in cui la valutazione su Scarantino era tutt'altro che negativa.
Il processo contro i poliziotti Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, accusati di concorso in calunnia aggravata dall'aver favorito Cosa nostra, proseguirà comunque venerdì 14 febbraio.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La Boccassini, Scarantino e la ''prova regina''

La conferenza stampa di Tinebra e Boccassini sulla collaborazione di Scarantino

Di Matteo su via d'Amelio: ''Il depistaggio iniziò con la scomparsa dell'agenda rossa''

Pm Petralia vs Boccassini: ''Suo ruolo preminente in genesi collaborazione Scarantino''

Depistaggio via d'Amelio, Saieva racconta le divergenze tra pm su Scarantino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa