Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Depistaggio via d'Amelio Depistaggio via d'Amelio, controesame Scarantino: ''A domande sui magistrati non rispondo''

Processo Depistaggio via d'Amelio

Depistaggio via d'Amelio, controesame Scarantino: ''A domande sui magistrati non rispondo''

di AMDuemila
Intanto al Racis di Roma sono stati effettuati gli accertamenti sulle bobine

"Per ogni domanda che riguarda i magistrati mi avvalgo della facoltà di non rispondere". Lo ha ribadito per due volte Vincenzo Scarantino, il falso pentito che oggi è stato sentito in controesame dagli avvocati dei poliziotti Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, al processo che si tiene davanti al Tribunale di Caltanissetta e che vede i tre funzionari imputati con l'accusa di calunnia aggravata dall'aver favorito Cosa nostra, per aver suggerito una falsa ricostruzione della fase esecutiva della strage di via d'Amelio che portò alla condanna di soggetti estranei all'attentato. Diversamente a quanto aveva fatto lo scorso 29 maggio il picciotto della Guadagna ha scelto la via del silenzio su questo tema, tenuto conto che nel frattempo è emersa la notizia dell'iscrizione sul registro degli indagati dalla Procura di Messina dei magistrati Annamaria Palma e Carmelo Petralia, accusati di calunnia aggravata dall'avere agevolato Cosa nostra.
In particolare Scarantino non ha voluto rispondere alla domanda dell'avvocato Giuseppe Seminara, che difende i poliziotti Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, che gli ha chiesto se nel 1995 e 1996, quando l'ex pentito collaborava con i magistrati, i verbali degli interrogatori gli erano stati consegnati da Fabrizio Mattei attraverso la ex pm Annamaria Palma. Un'accusa che in passato, al processo Borsellino quater, il falso pentito aveva sostenuto. Stavolta però Scarantino ha più volte risposto di non ricordare per poi aggiungere: "Sono affetto da una vecchiaia precoce e non mi ricordo...". Salvo poi avvalersi della facoltà di non rispondere.
Ma è un pò tutto il controesame dell'ex pentito ad essere contornato di "non ricordo". L'avvocato Seminara aveva chiesto anche di ricordare l'episodio di Genova quando Scarantino, dopo il litigio con il poliziotto Mario Bo, si incontrò con il magistrato Carmelo Petralia. Anche in questo caso il teste si è avvalso della facoltà di non rispondere.
Il "pupo vestito", come lui stesso si era auto definito in passato, ha ricordato ancora una volta la genesi della sua collaborazione generata dalle continue vessazioni e dai maltrattamenti subiti quando era detenuto al carcere di Pianosa: "Mi convinsi a collaborare con gli inquirenti a causa del terrorismo psicologico che subivo in carcere a Pianosa. Tutto il terrorismo che mi hanno fatto, non solo mentale ma anche fisico. E' stato un cumulo di tante cose". Quindi ha ricordato la sua "storia criminale" vissuta vendendo sigarette di contrabbando: "Non era mia abitudine spacciare eroina. Qualche volta è successo, ma non era la mia attività. Non mi sono mai occupato di ricettazione di auto e furti. I miei fratelli lavoravano con le sigarette, rubavano, ma non so se hanno lavorato con la droga. Forse qualche 'passaggino' lo facevano". E poi ancora: "Non avevo la capacità di memorizzare tutto quello che mi dicevano. Io ero un collaboratore e non un pentito. Il pentito si pente delle cose. Loro (riferito gli inquirenti del gruppo Falcone e Borsellino diretto da Arnaldo La Barbera, ndr) attraverso me volevano che nascessero altri pentiti. Per me queste torture sono state insopportabili".
In apertura di udienza l'avvocato Rosalba Di Gregorio che rappresenta le parti civili Gaetano Murana, Cosimo Vernengo e Giuseppe La Mattina, ha prodotto un documento in cui si attesta che Scarantino fu congedato dal servizio militare perché ritenuto dai medici "neurolabile". Il processo proseguirà domani con la deposizione del colonnello Giovanni Arcangioli, l'ufficiale dei Carabinieri che dopo l'esplosione di via D'Amelio teneva in mano la valigetta di cuoio del giudice Borsellino.

Inchiesta sui magistrati, oggi gli accertamenti su 19 bobine
Mentre a Caltanissetta ha avuto luogo l'udienza del processo contro i poliziotti a Roma, al Racis dei Carabinieri, sono stati compiuti gli accertamenti tecnici irripetibili su 19 bobine magnetiche, che saranno riversate in digitale con il rischio che possano rovinarsi, contenenti le intercettazioni delle conversazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino nel periodo in cui era sotto protezione. L'indagine è quella condotta dalla Procura di Messina sui magistrati Palma e Petralia. Sono presenti i difensori dei due pm, i legali dei sette condannati ingiustamente (Cosimo Vernengo, Gaetano La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto, Giuseppe Urso e Natale Gambino, persone offese dal reato di depistaggio) e i consulenti delle parti. Le bobine sembrerebbero "in buono stato", secondo quanto riportato dall'agenzia Adnkronos, ed ora bisognerà attendere le trascrizioni delle stesse che dovranno essere inviate a Messina.
Secondo quanto riportato tra le documentazioni rinvenute vi è un video 8 mm, marca Sony, con su scritto 'Pianosa' di cui non è stato possibile verificarne i contenuto "per mancanza, allo stato, di idonea strumentazione". Ugualmente non è stato possibile verificare il contenuto di un nastro che aveva nella custodia la scritta "Pianosa Island". Nel verbale finale è stato scritto che questi "è stato riavvolto in modo non corretto". Una circostanza che "non permette allo stato la fruizione come avvenuto per gli altri nastri" per cui si dovrà "procedere con le dovute cautele a ripristinare la corretta posizione del nastro".

ARTICOLI CORRELATI

Depistaggio via d'Amelio, controesame Scarantino: ''A domande sui magistrati non rispondo''

Depistaggio via d'Amelio, Scarantino: ''Da Di Matteo nessun suggerimento per le dichiarazioni''

Depistaggio via d'Amelio, Scarantino racconta l'indottrinamento

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa