Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Depistaggio via d'Amelio Depistaggio via d'Amelio, quella relazione a firma La Barbera con il nome di Candura

Processo Depistaggio via d'Amelio

Depistaggio via d'Amelio, quella relazione a firma La Barbera con il nome di Candura

la barbera arnaldo pp interna c imagoeconomicadi Aaron Pettinari
Ieri sentito al processo il funzionario di polizia Stagliano

Nel settembre 1992 l'ex Capo della Squadra mobile, Arnaldo La Barbera (in foto) che dirigeva il gruppo Falcone-Borsellino nell'ambito delle indagini sulle stragi aveva firmato e trasmesso alla Procura di Palermo e a quella di Caltanissetta una relazione di servizio su un "colloquio informale" avuto con Salvatore Candura, in quel periodo arrestato con l'accusa di tentata violenza sessuale in cui erano coinvolti, oltre a lui, Luciano e Roberto Valenti. Di fatto in quella relazione si spiegava che Candura ribadiva di essere estraneo ai fatti per cui era stato raggiunto da provvedimento restrittivo il 2 settembre 1992, e manifestava preoccupazione per aver ricevuto alcune minacce. Inoltre veniva scritto che queste venivano messe in relazione a due episodi avvenuti in luglio ovvero il suo interessamento negli ambienti della malavita per il recupero di una Fiat 126 rubata ad una sua conoscente, Valenti Pietrina, e la collaborazione con l'arma dei Carabinieri per la cattura del latitante Filingeri Umberto. Una relazione in cui si dava atto della presenza, durante i colloqui, di Vincenzo Ricciardi, del Commissario Salvatore La Barbera e del vice commissario Giovanni Stagliano. E proprio Stagliano è salito ieri sul pretorio davanti al Tribunale nisseno nell'ambito del processo contro i funzionari di polizia Mario Bo e i due sottufficiali Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo accusati di calunnia aggravata dall'aver favorito Cosa nostra.
"Io questo fatto specifico non lo ricordo - ha detto il teste rispondendo alle domande del Procuratore aggiunto Gabriele Paci - Non posso nemmeno escludere che fossi presente, del resto sono passati 26 anni. Poi per me quel che dicono gli indagati sono parole al vento finché non si fanno attività di riscontro. Ed io non ho mai partecipato a queste attività. E per me è finita lì. Del resto anche Ricciardi non ricordava la mia presenza". "Si faceva riferimento alla strage? Io ero appena arrivato alla Squadra mobile - ha aggiunto successivamente - a fine settembre ero come l'ultimo arrivato. Secondo me Arnaldo La Barbera non credo mi avrebbe fatto assistere ad un atto così importante".
Nel corso della testimonianza è emerso che sin dal suo arrivo, Stagliano entrò direttamente a far parte del Gruppo Falcone: "Me lo disse Salvatore La Barbera in maniera verbale. Atti ufficiali che mi assegnavano al gruppo io non ne ho visti. Io mi occupai dell'analisi di alcuni tabulati".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa