Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Capaci bis Capaci bis, chiesta assoluzione per imputato

Processo Capaci bis

Capaci bis, chiesta assoluzione per imputato

tribunale caltanissetta bigdi AMDuemila
L'avvocato Enrico Tignini, nel corso dell'udienza di oggi al processo Capaci bis che si avvia a sentenza, ha chiesto alla Corte d'Assise di Caltanissetta l'assoluzione di Giorgio Pizzo, imputato nel dibattimento. Pizzo è accusato di avere partecipato alla fase di preparazione dell'esplosivo adoperato da Cosa nostra per uccidere in quel 23 maggio '92 il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Nel processo (che ha preso impulso dalle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina) oltre a Pizzo ad essere imputati sono Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello.
Il legale difensore ha evidenziato la presenza di diverse lacune nella ricostruzione accusatoria, con particolare riferimento alle dichiarazioni dei collaboratori Spatuzza e Cosimo D'Amato. “Spatuzza - ha dichiarato l'avvocato - dice che l'esplosivo era stato ridotto in polvere a colpi di mazzuolo e quindi con un oggetto in metallo. I periti che abbiamo ascoltato nel processo ci hanno detto che è una procedura rischiosissima, perché si rischia di rendere l'esplosivo instabile o di causare scintille”.
“Grazie a Spatuzza e all'esame del traffico telefonico delle sue utenze - aveva invece sottolineato il pm Onelio Dodero durante la requisitoria - abbiamo individuato la cronologia per i conferimenti della sostanza esplosiva e, soprattutto, abbiamo dissolto il velo d'ombra che ha avvolto per oltre vent'anni alcuni personaggi del mandamento mafioso di Brancaccio o ad esso vicini come Cosimo D'Amato”. Proprio Spatuzza, che si era autoaccusato di avere avuto un ruolo nella strage di via d'Amelio, aveva rivelato ai magistrati di Caltanissetta di avere reperito anche l'esplosivo utilizzato per compiere l'attentato di Capaci. “Ci recammo a Porticello - aveva raccontato - dove trovammo un certo Cosimo (D'Amato, ndr) di circa 30 anni ed assieme a lui andammo su un peschereccio attraccato al molo da dove recuperammo dei cilindri dalle dimensioni di 50 centimetri per un metro legati con delle funi sulle paratie della barca. Successivamente constatai che al loro interno vi erano delle bombe”.
Inoltre, ha continuato Tignini, “D'Amato non offre alcun riscontro, il suo racconto è pieno di contraddizioni e non fa mai chiarezza quando parla dei soggetti presenti alle fasi di recupero dell'esplosivo o dei mezzi utilizzati per trasportarlo a Palermo”. “La scelta di collaborare con la giustizia di Cosimo D’Amato - aveva sottolineato dal canto suo Dodero - scrive la parola ‘fine’ essendo il principale riscontro al narrato di Spatuzza e alle intuizioni dei consulenti tecnici”. Nel corso dell'udienza il pescatore di Porticello che fornì il tritolo per l'attentato a Falcone aveva descritto le varie fasi di recupero dell'esplosivo. Il collaboratore infatti, aveva spiegato ancora Dodero, aveva ricoperto “un ruolo fondamentale per il compimento non solo della strage di Capaci, ma di tutto il piano mafioso stragista del ’92, ‘93 e ’94” in quanto “fornì l’esplosivo al mandamento di Brancaccio”.

ARTICOLI CORRELATI

Capaci bis: su responsabilità Brancaccio ''un diluvio di prove''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta