Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Capaci bis Capaci bis, Spatuzza: "Le armi per uccidere Falcone portate a Roma già nel '91"

Processo Capaci bis

Capaci bis, Spatuzza: "Le armi per uccidere Falcone portate a Roma già nel '91"

spatuzza-effect-sfocAudio
di Aaron Pettinari - 2 ottobre 2014

Mentre al processo trattativa il collaboratore di giustizia Vincenzo Sinacori depone al processo trattativa dichiarando che l'attentato a Roma a Falcone fu stoppato da Riina in quanto “aveva cose più grosse da fare” a Milano, Gaspare Spatuzza, il pentito che con le sue rivelazioni ha permesso di ricostruire una nuova verità sulle stragi, parla di quel progetto di morte deponendo al Capaci bis: “La mafia, sin dal '91, aveva portato a Roma delle armi per uccidere Giovanni Falcone. All'epoca vennero fatti già dei rilevamenti da parte del gruppo di fuoco anche su Costanzo. Rilevamenti che poi si dimostrarono errati quando venne fallito l'attentato in via Fauro due anni dopo. Io faccio questo collegamento. Le armi furono riportate in Sicilia da me quando tornai da Roma”. L'ex boss di Brancaccio ha parlato a lungo, sollecitato dalle domande del pm Stefano Luciani. In particolare ha raccontato tutte le varie fasi di preparazione dell'esplosivo utilizzato nelle stragi del 1992 e del 1993. “Ricordo – ha dichiarato Spatuzza - che Fifetto Cannella mi chiese, circa un mese prima di Capaci di trovare una macchina voluminosa”.

Il recupero dell'esplosivo a Porticello
Spatuzza prosegue: “Ci recammo a Porticello dove trovammo un uomo, un pescatore di nome Cosimo (D'Amato, imputato al processo, ndr) aveva circa la mia età dell'epoca. Tempo dopo capì che era in qualche modo parente con Cosimo Lo Nigro. Assieme a lui andammo su un peschereccio attraccato al molo da dove recuperammo dei cilindri dalle dimensioni di 50 centimetri per un metro legati con delle funi sulle paratie della barca. Successivamente constatai che al loro interno vi erano delle bombe”. “Recuperati i fusti – ha aggiunto il collaboratore di giustizia - li caricammo sulla autovettura per dirigerci verso la mia abitazione. Una volta arrivati a casa di mia madre, ubicata in un cortile, scaricammo i bidoni all'interno di una casa diroccata di mia zia che era a fianco di quella di mia madre e che noi usavamo come magazzino”. Ma non fu quella l'unica occasione in cui venne prelevato l'esplosivo. “Altri bidoni vennero recuperati alla Cala, legati ad un peschereccio. Una volta utilizzammo anche un gommone che fu venduto da Cosimo il pescatore al Lo Nigro”. Nella sua deposizione Spatuzza ha anche parlato del suo ruolo nella strage di via d'Amelio e nel fallito attentato all'Olimpico. Non sono mancati i riferimenti all'uomo misterioso intravisto nel garage in cui la Fiat 126 venne imbottita di esplosivo, né agli incontri con Giuseppe Graviano prima e dopo la strage che avrebbe dovuto portare alla morte di numerosi carabinieri nel gennaio 1994. “Quella fu l'unica volta in cui dovemmo aspettare il benestare di 'Madre natura' (Giuseppe Graviano, ndr) per fare l'attentato. E al bar Doney a Roma mi disse che anche se avevamo ottenuto quello che cercavamo grazie a persone che si impegnavano e che non erano come i 'quattro crasti dei socialisti' che ci avevano preso i voti e poi avevano fatto la guerra. E quando chiesi di più mi disse di Berlusconi, quello di canale 5, e del nostro compaesano Dell'Utri. Mi disse che c'eravamo messi il Paese nelle mani. Ma serviva un altro colpetto”. Poi il telecomando all'Olimpico non funzionò, i fratelli Graviano vennero arrestati e l'Italia non tremò più al suono delle bombe. L'udienza è stata quindi rinviata a domani mattina quando si terranno il controesame e la deposizione del pentito Ferrante.

AUDIO
20141002-proc-capaci-bis

ARTICOLI CORRELATI

Capaci bis, Giuffrè: “Anche la massoneria voleva fermare Falcone”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa