Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Processo Borsellino quater Strage via d’Amelio, 15 anni a Spatuzza

Processo Borsellino quater

Strage via d’Amelio, 15 anni a Spatuzza

strage-via-damelio-big2Al rito abbreviato condannati anche Tranchina (10 anni) ed il falso pentito Candura (10 anni).
di AMDuemila - 13 marzo 2013
Sono tre le condanne al processo per rito abbreviato nell'ambito del nuovo filone d'inchiesta per la strage di via D'Amelio in cui il 19 luglio 1992 persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta. Oggi il gup di Caltanissetta Lirio Conti ha emesso la sentenza nei confronti dei collaboratori di giustizia Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina, accusati di strage e condannati rispettivamente a 15 e 10 anni di carcere, e per il falso pentito Salvatore Candura, condannato a 12 anni per calunnia. Le pene comminate, in due casi, sono più pesanti di quelle richieste dalla Procura, che aveva chiesto 13 anni per Spatuzza, 10 anni per Tranchina e 10 anni e mezzo per Candura. Il nuovo filone d'inchiesta è nato dalle dichiarazioni di Spatuzza che hanno portato anche alla scarcerazione di mafiosi e presunti mafiosi che erano stati condannati in via definitiva a seguito delle dichiarazioni del falso collaboratore Vincenzo Scarantino.
Così, nell' ottobre del 2011, la procura generale di Caltanissetta diretta da Roberto Scarpinato aveva avanzato la richiesta di sospensione della pena per boss del calibro di Salvatore Profeta, Cosimo Vernengo, Giuseppe Urso, Giuseppe La Mattina, Natale Gambino, Gaetano Scotto, Gaetano Murana (condannati all'ergastolo), Vincenzo Scarantino e poi ancora Salvatore Candura, Salvatore Tomaselli e Giuseppe Orofino (condannati a pene fino a 9 anni). Per i condannati detenuti Scarpinato aveva chiesto la sospensione dell'esecuzione della pena; per Orofino, Tomaselli e Candura, che avevano già espiato la condanna, era stata chiesta solo la revisione.

Nella propria requisitoria gli inquirenti avevano sottolineato come “Paolo Borsellino sapeva della trattativa che apparati dello Stato avevano avviato con Cosa Nostra tramite Vito Ciancimino. Totò Riina lo riteneva un ‘ostacolo’ alla trattativa con esponenti delle istituzioni, che gli ‘sembrava essere arrivata su un binario morto’ e che per questo il capo di Cosa Nostra voleva ‘rivitalizzare’ con la strage”.
Le dichiarazioni di Spatuzza, secondo il procuratore aggiunto di Caltanissetta, Nico Gozzo, “erano state pienamente sincere. Confessioni che sono riscontrate e che hanno permesso alla Procura non solo di ricostruire in maniera più dettagliata la dinamica della strage, ma anche di scoprire che in carcere vi erano degli innocenti”. Importante anche l'apporto di Fabio Tranchina che ha indicato in Giuseppe Graviano l’uomo che ha schiacciato il pulsante che ha fatto esplodere l'autobomba in via D’Amelio.
“Ci possiamo ritenere molto soddisfatti per le tre condanne per la strage di via D'Amelio – ha commentato il Procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari - Il gup ha riconosciuto in pieno la nostra ricostruzione dei fatti fatta nel nuovo filone d'inciesta. Questa è la prima sentenza di condanna che otteniamo dei colpevoli della strage la nostra ricostruzione ha avuto l'avallo del giudice. Ecco perché siamo soddisfatti”.
Il prossimo 22 marzo, davanti la corte d’Assise di Caltanissetta comincerà il processo ordinario per il boss mafioso Salvatore Madonia e Vittorio Tutino, che avrebbero avuto un ruolo importante nella fase preparatoria della strage. Alla sbarra anche lo stesso Scarantino e gli altri falsi pentiti Francesco Andriotta e Calogero Pulci che devono rispondere di calunnia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa