Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Dossier Giovanni Falcone La necessaria professionalita' del giudice

Giovanni Falcone

La necessaria professionalita' del giudice

di Giovanni Falcone  

Nessuna regola, come è ovvio, è possibile formulare nella valutazione della attendibilità dei pentiti. In proposito, è certamente vero che costoro quasi sempre sono oggetti macchiatisi di gravi delitti da ascoltare, quindi, con estrema cautela; ma non è men vero che solo dalla viva voce dei protagonisti di vicende criminali spesso efferate possono essere tratti elementi di conoscenza altrimenti non acquisibili. Solo, quindi, dall’esame del caso concreto e del contesto in cui si inserisce la collaborazione dell’imputato con la giustizia è possibile trarre utili elementi di giudizio.
E’ indispensabile allora - perché il fenomeno del pentitismo si traduca in risultati utili per la giustizia - la esperienza, la capacità, la serenità, in una parola, la professionalità del giudice.
Siamo stati abituati per lunghi anni ad assistere, impotenti e quasi facendovi l’abitudine, ad imprese scellerate ed alla crescita smisurata di organizzazioni criminali che sono divenute un vero e proprio contropotere all’interno dello Stato condizionando intollerabilmente lo stesso sviluppo democratico del nostro paese. Era inevitabile che queste strutture, prima o poi si sarebbero incrinate e che qualcuno avrebbe cominciato a parlare; ed era prevedibile, del pari, che le strutture giudiziarie e di polizia sarebbero state messe a dura prova, con un impegno eccezionale e certamente non limitato nel tempo, dalle propalazioni dei pentiti.

Adesso, vi è chi confonde l’effetto con la causa ed attribuisce a scelte dei giudici quella che è la necessaria proiezione processuale di una realtà mostruosa. Non è il caso di prendere in soverchia considerazione le critiche infondate, provenienti spesso dagli stessi settori che nel passato lamentavano, questa volta giustamente, l’incredibile numero di crimini rimasti impuniti e una pretesa inefficienza di polizia e magistratura. Ma è doveroso tenere adeguato conto delle critiche fondate tra cui quella relativa alla talora insufficiente valutazione e ricerca di riscontri delle dichiarazioni dei pentiti.
Certamente, tante giustificazioni potrebbero essere fornite al riguardo, tra cui principalmente quella della inadeguatezza delle strutture umane e materiali esistenti. Ma va sottolineato che, senza la necessaria professionalità e senza la costruzione di robuste intelaiature probatorie, neanche le dichiarazioni dei pentiti salveranno i processi penali dall’esito deprimente e deludente delle assoluzioni per insufficienza di prove in serie, che costituiscono il segno più tangibile del fallimento della giustizia statuale e della vittoria della mafia e delle organizzazioni similari.
Bisogna prendere atto che il fenomeno del pentitismo non è un fatto transeunte e che, in sintonia col progresso civile, l’omertà di alcune fasce della nostra popolazione è destinata a decrescere, seppur non così in fretta come sarebbe auspicabile. Il fenomeno della collaborazione con la giustizia, inoltre, sarà certamente favorito dal nuovo processo penale, fortemente ispirato ai principi dell’oralità e dell’immediatezza e di ciò si trae conferma attraverso l’esperienza di quanto usualmente avviene in paesi come gli Stati Uniti d’America, cui largamente si ispira la riforma del rito penale. Ed allora, occorre evitare che i contributi dei protagonisti di gravissime vicende criminali, finora favoriti da un intensificato impegno di polizia e magistratura, siano vanificati da una insufficiente professionalità degli operatori giudiziari, oltre che da un sistema giuridico ormai inadeguato e da strutture materiali car
enti. E tale obiettivo può essere raggiunto non attraverso sterili e concitate polemiche ma mediante un civile e meditato confronto da cui soltanto possono scaturire le soluzioni più idonee dei vari problemi, da tradurre in scelte operative nel minor tempo possibile.
Tratto dal libro Interventi e proposte, per gentile concessione della “Fondazione Giovanni e Francesca Falcone”

Articolo pubblicato sul numero di ANTIMAFIAduemila giugno 2003

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta