Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sab02162019

Last updateSab, 16 Feb 2019 8pm

mutolo-gaspare-arte-pittore

N3 Giugno 2000

Bugiardo!

di Giorgio Bongiovanni

Con 4370 pagine di motivazione nella Sentenza depositata il 16 maggio 2000, la corte di Palermo presieduta dal Giudice Ingargiola assolve il senatore a vita Giulio Andreotti per insufficienza di prove.
Tuttavia Giulio Andreotti ha mentito sostenendo di non conoscere i cugini esattori, Nino e Ignazio Salvo, prova ne siano  il regalo inviato dal senatore alle nozze della figlia di Antonino e le auto blindate che utilizzava a Palermo risultate appartenere alla Satris, società dei cugini. E’ vero che aiutò Sindona, banchiere della mafia, come è vero che diede l’assenso all’entrata di Ciancimino nelle liste del partito, mostrando «ripetuta indifferenza rispetto ai legami che notoriamente univano il suo interlocutore alla struttura criminale».
Se è vero che non vi sono gli elementi probatori sufficienti per condannare Andreotti penalmente, ci sembra ve ne siano a sufficienza per esprimere quanto meno un giudizio morale su un personaggio che ha governato l’Italia per quasi 40 anni. E’ infatti, per noi cittadini, sufficientemente scandaloso sapere che Andreotti avesse un rapporto di qualunque tipo con i cugini Salvo, risultati essere i mandanti della strage Chinnici, un uomo morto assassinato per il nostro Paese, e altrettanto grave che sebbene sapesse, come era a tutti noto, che Ciancimino era un uomo della mafia, ne sarebbe rimasto indifferente. Per non parlare della solidarietà con Sindona a causa del quale è stato barbaramente ucciso un altro uomo coraggioso ed onesto come l’avvocato Giorgio Ambrosoli.Non ci interessa la persecuzione della persona, ormai il senatore Andreotti ha raggiunto un’età che comunque non consentirebbe la sua carcerazione. Speriamo ardentemente, però, che il procuratore generale di Palermo Rovello e il Procuratore Capo della DDA Piero Grasso trovino opportuno chiedere la revisione d’appello, per tutti gli italiani che vogliono sapere la verità sulla nostra storia e giusto per lasciare ai nostri figli, una volta tanto, una memoria storica veritiera in base alla quale possano costruire un futuro diverso in un’Italia diversa.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa