Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gio05242018

Last updateGio, 24 Mag 2018 1pm

#Stragedicapaci ultimo viaggio*

#Stragedicapaci ultimo viaggio*

di Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo
Il Falcon 50 noleggiato dal Sisde per Giovanni Falcone e Francesca Morvillo atterra sull...

Strage di Pizzolungo, indagine chiusa

Strage di Pizzolungo, indagine chiusa

di Aaron Pettinari
Le parole di Giovanna Galatolo sull'attentato: “Mia madre disse: i bambini non si toccano. E mio padre ...

'Ndrangheta stragista, parla Cannella: ''Bagarella sapeva di Forza Italia già nel dicembre '93''

'Ndrangheta stragista, parla Cannella: ''Bagarella sapeva di Forza Italia già nel dicembre '93''

di Francesca Mondin
Durante l'udienza sentito anche il pentito Drago

La lectio magistralis di Giuseppe Lombardo

La lectio magistralis di Giuseppe Lombardo

di Giorgio Bongiovanni
Il magistrato racconta ai giovani: la ‘Ndrangheta e Cosa nostra sono la mafia più forte del mondo. ...

La sentenza di Palermo: ...e adesso i mandanti esterni delle stragi

La sentenza di Palermo: ...e adesso i mandanti esterni delle stragi

di Giorgio Bongiovanni
Che quella del processo trattativa Stato-mafia sia una sentenza “storica” non ci sarebbe neanche bi...

Il sistema Montante e quella ''rete'' che arriva fino Roma

Il sistema Montante e quella ''rete'' che arriva fino Roma

L'ombra di una Talpa alla Procura nazionale antimafia
di Aaron Pettinari
Si tinge sempre più di colori scuri l'inchiesta n...

Ultim'ora

avanti mafia homepage def

TERZOMILLENNIO

Papa Francesco striglia i vescovi ma contro scandali e abusi non basta tagliare qualche testa

Papa Francesco striglia i vescovi ma contro scandali e abusi non basta tagliare qualche testa

di Marco Politi
Papa Francesco sprona di nuovo i vescovi italiani. Aprendo i lavori della Cei, il pontefice ha collegato l...

Stoccolma teme la guerra e invia manuali alle famiglie

Stoccolma teme la guerra e invia manuali alle famiglie

Svezia in allarme
di Andrea Tarquini
"Famiglie e nuclei conviventi svedesi, leggete queste poche pagine: giudichiamo neces...

Fuori il primo. Avanti un altro

Fuori il primo. Avanti un altro

di Giulietto Chiesa
Il premier designato da Di Maio e Salvini è già definitivamente impallinato. Mattarella l'ha fatto fu...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Antonio Ingroia in memoria di Giovanni Falcone: ''Lo Stato è colpevole''

Antonio Ingroia in memoria di Giovanni Falcone: ''Lo Stato è colpevole''

da pandoratv.it
Ventisei anni fa la strage di Capaci portò via all’Italia uno dei massimi servitori del Paese, Giovanni Falco...

Pandora Tv, un varco di libertà dai media asserviti al potere

Pandora Tv, un varco di libertà dai media asserviti al potere

da pandoratv.it
Diversi canali TV, diversi speaker, stessa frase che si diffonde in tutto il pianeta. É la realizzazione d...

mutolo-gaspare-arte-pittore

N5 Settembre 2000

Su quale tavolo politico giocheranno le prossime elezioni Bernardo Provenzano e la sua Cosa Nostra?

di Giorgio Bongiovanni

La Commissione Parlamentare Antimafia ha recentemente rivelato che la ‘Ndrangheta avrebbe superato la potenza criminale di Cosa Nostra, la mafia di Bernardo Provenzano. Non condividiamo tale notizia poiché le nostre indagini giornalistiche e gli atti processuali dimostrano che, a parte il ruolo predominante che in questo periodo la ‘Ndrangheta svolge nell ’amministrazione del  “mercato ” con l ’estero, la criminalità organizzata siciliana rimane il punto di riferimento per tutte le altre mafie in quanto alla forza militare e ai suoi rapporti con il mondo politico. Lo dimostrano le affermazioni del capitano Ultimo, lo dimostra la denuncia del presidente della Confesercenti di Palermo, il quale ha dichiarato che il “pizzo ”, in Sicilia, si paga ormai  “a tappeto ” (tanto che anche le “bancarelle ” ne sono soggette), lo  dimostrano i rapporti dubbi intercorsi tra alcuni politici ed esponenti di Cosa Nostra. Ma allora, in questo periodo di calma apparente, viene da chiedersi con chi abbia preso accordi Bernardo Provenzano in vista delle prossime elezioni. Il nostro pensiero, amaro per la verità, è che la caotica e confusa (per non dire disastrosa) situazione politica che caratterizza il nostro Paese manifesti la possibilità che un eventuale “scambio di favori ” possa avvenire sia con gli schieramenti di centrodestra che con quelli di centrosinistra.  Negli ultimi anni, infatti, mentre la mafia ha notoriamente votato Forza Italia, il centrosinistra si è dimostrato debole nella lotta contro il crimine organizzato e, fatta eccezione per alcuni membri della commissione antimafia o alcuni  esponenti politici, ha esercitato un’azione di contrasto pressoché nulla. Lo ha da poco denunciato a mezzo stampa il Procuratore di Palermo Piero Grasso dichiarando che “la lotta alla mafia non c ’è più” e lo denunciamo anche noi, in qualità di liberi cittadini della società civile, unendola nostra voce a chiunque alzi un coro di protesta.  La nostra speranza è che tale coro possa essere appoggiato dalla classe politica che,per il momento, sembra avere tutta la convenienza a lasciare le cose come sono dando alla mafia una più alta possibilità di vittoria. Se nessuno farà qualcosa per impedirlo, se non verrà organizzato un programma di repressione a livello governativo i quarantamila miliardi che nei prossimi anni giungeranno in Sicilia andranno ad alimentare le casse dei mafiosi. Come più volte abbiamo avuto modo di dire, la lotta alla mafia non può essere delegata alle sole associazioni laiche, cattoliche, alla magistratura o alla polizia giudiziaria. La lotta alla mafia deve essere soprattutto politica. Senza la forza della politica, del Parlamento, delle alte autorità dello Stato, la criminalità organizzata prenderà ancora una volta il sopravvento e il 2000 sarà caratterizzato, più che negli anni ‘50, da una mafia forte e da uno Stato debole, o peggio, colluso con Cosa Nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO TORTORA

IL CASO TORTORA

by Luca Steffenoni

A trent'anni dalla morte di Enzo TortoraUn legal...

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...


LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...

B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca