Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mer05252016

Last updateMer, 25 Mag 2016 1am

Un museo della memoria nelle stanze di Falcone e Borsellino

Un museo della memoria nelle stanze di Falcone e Borsellino

di AMDuemila - Fotogallery
Ecco la nuova veste del "bunkerino" al Palazzo di Giustizia di Pa...

Alla tavola rotonda gli studenti in ricordo di Falcone

Alla tavola rotonda gli studenti in ricordo di Falcone

Fotogallery all'interno!
di Francesca Mondin e Miriam Cuccu

L'iniziativa al ''Giotto Cipolla...

Parole e silenzi nel nome degli ''angeli'' di Falcone

Parole e silenzi nel nome degli ''angeli'' di Falcone

di AMDuemila - Fotogallery
Al Cimitero dei Rotoli il ricordo di Francesca Morvillo, Antonio ...

3.000 bimbi intrappolati nell'assedio: mancano cibo e farmaci

3.000 bimbi intrappolati nell'assedio: mancano cibo e farmaci

La denuncia di Save the children. Con l'assedio nella zona di Khan Eshieh, l'ultima strada...

Stato-mafia, ecco Angelo Niceta a riscontro di Ciancimino jr

Stato-mafia, ecco Angelo Niceta a riscontro di Ciancimino jr

di Aaron Pettinari
Al processo trattativa la testimonianza dell'ex imprenditore

lodato sentenza mori

Ultim'ora

TERZOMILLENNIO

Egyptair: sono stati i neocon per colpire Hollande e Al-Sisi

Egyptair: sono stati i neocon per colpire Hollande e Al-Sisi

di Pietro Vernizzi - da Il Sussidiario
Intervista a Giulietto Chiesa. Il potere imperiale USA è in discussione. I neocon hanno capito che prima ...

Repressione in Polonia di marca NATO

Repressione in Polonia di marca NATO

di Giulietto Chiesa
Piskorski, il prigioniero politico prseguitato in Polonia da un sistema sempre più occupato dalla NATO, è stato conda...

OPINIONI

Il Referenzum

Il Referenzum

di Marco Travaglio
Per vent’anni i migliori psichiatri hanno classificato la propaganda berlusconiana alla voce “proiezione”: il mecc...

DI’ LA TUA

Il silenzio è dolo

Il silenzio è dolo

di Marilù Mastrogiovanni
Resistenza. Re-esistenza. Esserci, esistere, re-esistere, non solo ricordando, ma testimoniando la memoria. Quel 23 mag...

Catania commemora (e dimentica) Falcone

Catania commemora (e dimentica) Falcone

''La mafia uccide, il silenzio pure''
di Ivana Sciacca, foto Francesco Nicosia
A Catania, ieri pomeriggio, piazza Roma era piena di sole e di ragazzini in...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Yalta 2016

Yalta 2016

Il punto di Giulietto Chiesa
da
pandoratv.it
L’editoriale di Giulietto Chiesa dal Palazzo di Livadija, a Yalta, in cui tra il 4 e l’11 febbraio...

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

da pandoratv.it
Pubblichiamo l’intervista di Giulietto Chiesa nel corso di Uno Mattina riguardo al suo nuovo libro “Putinfobia”.

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Giulietto Chiesa [dalla Crimea]
da
pandoratv.it
L’agenzia Rupty ha diffuso le prime immagini della delegazione parlamentare italiana in visita in Cri...

mutolo-gaspare-arte-pittore

N5 Settembre 2000

Su quale tavolo politico giocheranno le prossime elezioni Bernardo Provenzano e la sua Cosa Nostra?

di Giorgio Bongiovanni

La Commissione Parlamentare Antimafia ha recentemente rivelato che la ‘Ndrangheta avrebbe superato la potenza criminale di Cosa Nostra, la mafia di Bernardo Provenzano. Non condividiamo tale notizia poiché le nostre indagini giornalistiche e gli atti processuali dimostrano che, a parte il ruolo predominante che in questo periodo la ‘Ndrangheta svolge nell ’amministrazione del  “mercato ” con l ’estero, la criminalità organizzata siciliana rimane il punto di riferimento per tutte le altre mafie in quanto alla forza militare e ai suoi rapporti con il mondo politico. Lo dimostrano le affermazioni del capitano Ultimo, lo dimostra la denuncia del presidente della Confesercenti di Palermo, il quale ha dichiarato che il “pizzo ”, in Sicilia, si paga ormai  “a tappeto ” (tanto che anche le “bancarelle ” ne sono soggette), lo  dimostrano i rapporti dubbi intercorsi tra alcuni politici ed esponenti di Cosa Nostra. Ma allora, in questo periodo di calma apparente, viene da chiedersi con chi abbia preso accordi Bernardo Provenzano in vista delle prossime elezioni. Il nostro pensiero, amaro per la verità, è che la caotica e confusa (per non dire disastrosa) situazione politica che caratterizza il nostro Paese manifesti la possibilità che un eventuale “scambio di favori ” possa avvenire sia con gli schieramenti di centrodestra che con quelli di centrosinistra.  Negli ultimi anni, infatti, mentre la mafia ha notoriamente votato Forza Italia, il centrosinistra si è dimostrato debole nella lotta contro il crimine organizzato e, fatta eccezione per alcuni membri della commissione antimafia o alcuni  esponenti politici, ha esercitato un’azione di contrasto pressoché nulla. Lo ha da poco denunciato a mezzo stampa il Procuratore di Palermo Piero Grasso dichiarando che “la lotta alla mafia non c ’è più” e lo denunciamo anche noi, in qualità di liberi cittadini della società civile, unendola nostra voce a chiunque alzi un coro di protesta.  La nostra speranza è che tale coro possa essere appoggiato dalla classe politica che,per il momento, sembra avere tutta la convenienza a lasciare le cose come sono dando alla mafia una più alta possibilità di vittoria. Se nessuno farà qualcosa per impedirlo, se non verrà organizzato un programma di repressione a livello governativo i quarantamila miliardi che nei prossimi anni giungeranno in Sicilia andranno ad alimentare le casse dei mafiosi. Come più volte abbiamo avuto modo di dire, la lotta alla mafia non può essere delegata alle sole associazioni laiche, cattoliche, alla magistratura o alla polizia giudiziaria. La lotta alla mafia deve essere soprattutto politica. Senza la forza della politica, del Parlamento, delle alte autorità dello Stato, la criminalità organizzata prenderà ancora una volta il sopravvento e il 2000 sarà caratterizzato, più che negli anni ‘50, da una mafia forte e da uno Stato debole, o peggio, colluso con Cosa Nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SUICIDATE ATTILIO MANCA

SUICIDATE ATTILIO MANCA

by Lorenzo Baldo

È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in...

LA CITTÀ MARCIA

LA CITTÀ MARCIA

by Bianca Stancanelli

Stava raccontando la mafia e il potere. L'hanno...


LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

by Gianni Flamini

La storia italiana repubblicana è connotata da uno...

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

by Roberto Rossetti

Dopo la morte dell'amico e collega Giovanni Falcone,...


IN MORTE DI DON MASINO

IN MORTE DI DON MASINO

by Pietro Orsatti

Un giornalista e la sua ossessione: scoprire che...

AL POSTO SBAGLIATO

AL POSTO SBAGLIATO

Le mafie hanno sempre ucciso i bambini. Le...


ANTHOLOGIA

ANTHOLOGIA

by Letizia Battaglia

Drago è orgogliosa di annunciare Anthologia, un’imponente raccolta...

COSÌ VI HO AVVELENATO

COSÌ VI HO AVVELENATO

by Daniela De Crescenzo, Gaetano Vassallo

Gaetano Vassallo è il manager dei rifiuti che...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta