Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sab12032016

Last updateVen, 02 Dic 2016 8pm

Referendum: un ''No'' per difendere la Costituzione e liberarci dalle menzogne

Referendum: un ''No'' per difendere la Costituzione e liberarci dalle menzogne

di Lorenzo Baldo
“Un buon mentitore ha grandi capacit...

Processo trattativa, acquisito il verbale di Venturi

Processo trattativa, acquisito il verbale di Venturi

di Aaron Pettinari
Quando il maggiore diceva: “Mori c...

Rondolino vs Scarpinato? Ignorare e cestinare

Rondolino vs Scarpinato? Ignorare e cestinare

di Lorenzo Baldo
Referendum: l'attacco dell'editorialista d...

''Non è accettabile che l'economia detti i principi costituzionali''

''Non è accettabile che l'economia detti i principi costituzionali''

di Armando Spataro
Le ragioni del “No” al Refer...

Stato-mafia, Lipari: ''Dietro la trattativa entità superiori''

Stato-mafia, Lipari: ''Dietro la trattativa entità superiori''

di Lorenzo Baldo e Aaron Pettinari
“Nel '92-'93 gia' ...

20161201 napolitano uovo giornata

Ultim'ora

io voto no ref home

MAFIENEWS

''Riforma appare come la prosecuzione della strategia della tensione''

''Riforma appare come la prosecuzione della strategia della tensione''

Imposimato sul Referendum
di Francesca Mondin
La riforma costituzionale, sulla quale si voterà nel Referendum di domenica, “appare come la p...

Mafia e usura all'ombra del barocco

Mafia e usura all'ombra del barocco

Video e Foto
di Antonio Nicola Pezzuto

La mafia salentina si inabissa e cerca di fare affari in silenzio condizionando l’economia del territorio. Ta...

Il segreto istruttorio? Decreto del governo lo mette a rischio

Il segreto istruttorio? Decreto del governo lo mette a rischio

Per le forze di Polizia l’obbligo di riferire ai capi sulle indagini
di AMDuemila
Gli investigatori di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, ...

TERZOMILLENNIO

Addio Anas, il clown di Aleppo che faceva ridere i bambini

Addio Anas, il clown di Aleppo che faceva ridere i bambini

di Antonello Guerrera
Aveva 24 anni e, nell'inferno della città siriana, si travestiva da pagliaccio per strappare un sorriso ai più picc...

Torino, spezzettato il processo Eternit

 Torino, spezzettato il processo Eternit

di Sarah Martinenghi
Omicidio colposo e non più volontario per l'imprenditore Schmidheiny. La difesa: "Grossa vittoria". Le parti civili: "Falli...

Novembre indiano. Notizie da un sesto dell'umanità

Novembre indiano. Notizie da un sesto dell'umanità

di Piero Pagliani
Un reportage di Piero Pagliani dall'India, dove vivono 1,2 miliardi di persone di cui il mondo globalizzato non sa raccontare nulla

OPINIONI

Flores d'Arcais su Le Monde: ''Perché NO alle bugie di Renzi''

Flores d'Arcais su Le Monde: ''Perché NO alle bugie di Renzi''

di Paolo Flores d'Arcais*
Renzi sostiene che la sua riforma costituzionale ha due meriti fondamentali: è razionale, perché elimina il dop...

Promemoria Referendum, Travaglio e le 10 pillole per non sbagliare (1° Parte)

Promemoria Referendum, Travaglio e le 10 pillole per non sbagliare (1° Parte)

di Alberto Sofia
Mancano soltanto poche ore al referendum costituzionale del 4 dicembre. Ultime ore per convincere il popolo degli indecisi, un fr...

DI’ LA TUA

Our Voice: 'La nostra Costituzione'

Our Voice: 'La nostra Costituzione'

da pandoratv.it
In merito al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, noi del gruppo Our Voice abbiamo voluto esprimere la nostra opinione con quest...

Delitto Rostagno, tornano i periti

Delitto Rostagno, tornano i periti

di Rino Giacalone
Il processo per il delitto del giornalista e sociologo Mauro Rostagno verrà riaperto. Lo ha deciso la Corte di Assise di Appello...

Perché voterò No

Perché voterò No

di Nicola Tranfaglia
Quando ieri ho appreso che Romano Prodi ha deciso di votare Sì ho dovuto constatare che è la prima volta da quando l...

CI VEDIAMO A...

Cormònslibri 2016. Stupore! - Nov/Dicembre

Cormònslibri 2016. Stupore! - Nov/Dicembre

Diretta streaming!
Sabato 3
dicembre - Ore 10.30
Giornata della legalità: gli studenti si interrogano sulla legalità
Cormònslibri inco...

Presentazione del libro 'Suicidate Attilio Manca' - Bologna, 3 Dicembre

Presentazione del libro 'Suicidate Attilio Manca' - Bologna, 3 Dicembre

Sabato 3 dicembre a Bologna
ore 18.00 Presentazione del libro “Suicidate Attilio Manca”
Intervengono:
Lorenzo Baldo – Autore del libro, Giorn...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

''Terrorismo finanziario come in Grecia. Schiavi della Ue col Sì''

''Terrorismo finanziario come in Grecia. Schiavi della Ue col Sì''

Referendum, intervista a Giulietto Chiesa
di Americo Mascarucci

"La riforma costituzionale del Governo Renzi fa tornare alla mente il programma della P2...

Furto di democrazia, con scasso delle menti

Furto di democrazia, con scasso delle menti

Audio
di Radio Athenabeat
Il programma radiofonico di approfondimento sulla riforma costituzionale. Conduce il programma Marco Pellegrini . Intervista al n...

mutolo-gaspare-arte-pittore

N5 Settembre 2000

Su quale tavolo politico giocheranno le prossime elezioni Bernardo Provenzano e la sua Cosa Nostra?

di Giorgio Bongiovanni

La Commissione Parlamentare Antimafia ha recentemente rivelato che la ‘Ndrangheta avrebbe superato la potenza criminale di Cosa Nostra, la mafia di Bernardo Provenzano. Non condividiamo tale notizia poiché le nostre indagini giornalistiche e gli atti processuali dimostrano che, a parte il ruolo predominante che in questo periodo la ‘Ndrangheta svolge nell ’amministrazione del  “mercato ” con l ’estero, la criminalità organizzata siciliana rimane il punto di riferimento per tutte le altre mafie in quanto alla forza militare e ai suoi rapporti con il mondo politico. Lo dimostrano le affermazioni del capitano Ultimo, lo dimostra la denuncia del presidente della Confesercenti di Palermo, il quale ha dichiarato che il “pizzo ”, in Sicilia, si paga ormai  “a tappeto ” (tanto che anche le “bancarelle ” ne sono soggette), lo  dimostrano i rapporti dubbi intercorsi tra alcuni politici ed esponenti di Cosa Nostra. Ma allora, in questo periodo di calma apparente, viene da chiedersi con chi abbia preso accordi Bernardo Provenzano in vista delle prossime elezioni. Il nostro pensiero, amaro per la verità, è che la caotica e confusa (per non dire disastrosa) situazione politica che caratterizza il nostro Paese manifesti la possibilità che un eventuale “scambio di favori ” possa avvenire sia con gli schieramenti di centrodestra che con quelli di centrosinistra.  Negli ultimi anni, infatti, mentre la mafia ha notoriamente votato Forza Italia, il centrosinistra si è dimostrato debole nella lotta contro il crimine organizzato e, fatta eccezione per alcuni membri della commissione antimafia o alcuni  esponenti politici, ha esercitato un’azione di contrasto pressoché nulla. Lo ha da poco denunciato a mezzo stampa il Procuratore di Palermo Piero Grasso dichiarando che “la lotta alla mafia non c ’è più” e lo denunciamo anche noi, in qualità di liberi cittadini della società civile, unendola nostra voce a chiunque alzi un coro di protesta.  La nostra speranza è che tale coro possa essere appoggiato dalla classe politica che,per il momento, sembra avere tutta la convenienza a lasciare le cose come sono dando alla mafia una più alta possibilità di vittoria. Se nessuno farà qualcosa per impedirlo, se non verrà organizzato un programma di repressione a livello governativo i quarantamila miliardi che nei prossimi anni giungeranno in Sicilia andranno ad alimentare le casse dei mafiosi. Come più volte abbiamo avuto modo di dire, la lotta alla mafia non può essere delegata alle sole associazioni laiche, cattoliche, alla magistratura o alla polizia giudiziaria. La lotta alla mafia deve essere soprattutto politica. Senza la forza della politica, del Parlamento, delle alte autorità dello Stato, la criminalità organizzata prenderà ancora una volta il sopravvento e il 2000 sarà caratterizzato, più che negli anni ‘50, da una mafia forte e da uno Stato debole, o peggio, colluso con Cosa Nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


ERA DI PASSAGGIO

ERA DI PASSAGGIO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato raccontato da chi più di tutti...

LA PARANZA DEI BAMBINI

LA PARANZA DEI BAMBINI

by Roberto Saviano

Dieci ragazzini in scooter sfrecciano contromano alla conquista...


PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

by Salvatore Casabona

Le recenti cronache hanno portato alla ribalta l'esperienza...

PADRINI E PADRONI

PADRINI E PADRONI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Nel 1908, un tragico terremoto divora Messina e...


SHUKRAN. TI SALVERO'

SHUKRAN. TI SALVERO'

by Giovanni Terzi

«Buonanotte Tammam, abbi cura di te e ricordati che domani...

ORFANI BIANCHI

ORFANI BIANCHI

by Antonio Manzini

Mirta è una giovane donna moldava trapiantata a...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta