Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dom08202017

Last updateSab, 19 Ago 2017 6pm

Caso Manca: “Attilio si drogava da anni e la Mileti era la sua spacciatrice”

Caso Manca: “Attilio si drogava da anni e la Mileti era la sua spacciatrice”

di Lorenzo Baldo
Depositate le motivazioni della sentenza per...

'Ndrangheta e mafia dietro attentati Cc: arrestati due boss

'Ndrangheta e mafia dietro attentati Cc: arrestati due boss

di AMDuemila
I capomafia Graviano e Filippone mandanti degli ...

Roberti: mafia foggiana spietata e arcaica

Roberti: mafia foggiana spietata e arcaica

di Miriam Cuccu
Il procuratore nazionale antimafia: “Serve ma...

Via d'Amelio oltre i depistaggi, cercate i mandanti esterni

Via d'Amelio oltre i depistaggi, cercate i mandanti esterni

di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari *
“Silenzi” e “depistag...

Omicidio Agostino-Castelluccio: un'attesa di verità lunga 28 anni

Omicidio Agostino-Castelluccio: un'attesa di verità lunga 28 anni

di Miriam Cuccu
Il 5 agosto 1989 Cosa nostra uccideva il poli...

20170819 lodato barcellona

Ultim'ora

MAFIENEWS

Strage a Foggia, si accendono i riflettori sulla "mafia dei Montanari"

Strage a Foggia, si accendono i riflettori sulla

di Antonio Nicola Pezzuto
Una strage, in Puglia, ha acceso i riflettori sull’esistenza di una mafia spietata  che co...

La Colombia cerca il narcos nascosto in Italia

La Colombia cerca il narcos nascosto in Italia

Si tratta di Antonio Mancusi Hoyos, uno dei maggiori trafficanti del mondo
di AMDuemila
La Colombia ha chiesto nuovamente ...

TERZOMILLENNIO

Luciano Rivera e il prezzo per onorare la vita

Luciano Rivera e il prezzo per onorare la vita

di Jean Georges Almendras
Ucciso il giornalista messicano: aveva difeso alcune donne in un bar della Bassa California
Luci...

Sparizione Santiago Maldonado: testimoni oculari parlate!

Sparizione Santiago Maldonado: testimoni oculari parlate!

di Jean Georges Almendras e José Guzmán
Le vie per trovare la verità, in qualsiasi campo della vita, richiedono certi ele...

OPINIONI

Il suicidio Regeni

Il suicidio Regeni

di Marco Travaglio
Quando l’Amministrazione Obama, come rivela il New York Times in un lungo e documentato reportage, con...

Ingroia: "Sul caso Manca verità ribaltata"

Ingroia:

"La speranza è che altri magistrati facciano giustizia"
di Antonio Ingroia
Leggendo gli stralci delle motivazioni della s...

DI’ LA TUA

L'attacco alla Ong per militarizzare il welfare e la società

L'attacco alla Ong per militarizzare il welfare e la società

di Pietro Orsatti
Quello che sta avvenendo in questi ultimi mesi in Italia in relazione alla questione accoglienza e immi...

Foggia, la mafia fa notizia solo quando ti entra in casa

Foggia, la mafia fa notizia solo quando ti entra in casa

di Nello Trocchia
La mafia uccide chi lavora, ammazza due contadini, gente che ha visto l’alba ogni giorno, che ha v...

Mafia: madre Attilio Manca, ucciso per aver operato Provenzano

Mafia: madre Attilio Manca, ucciso per aver operato Provenzano

da Ansa
Roma
. " Attilio il giorno 11 Febbraio, di mattina doveva effettuare un intervento a Villa Valeria assieme al dottor...

mutolo-gaspare-arte-pittore

agenda ritrovata home

N5 Settembre 2000

Su quale tavolo politico giocheranno le prossime elezioni Bernardo Provenzano e la sua Cosa Nostra?

di Giorgio Bongiovanni

La Commissione Parlamentare Antimafia ha recentemente rivelato che la ‘Ndrangheta avrebbe superato la potenza criminale di Cosa Nostra, la mafia di Bernardo Provenzano. Non condividiamo tale notizia poiché le nostre indagini giornalistiche e gli atti processuali dimostrano che, a parte il ruolo predominante che in questo periodo la ‘Ndrangheta svolge nell ’amministrazione del  “mercato ” con l ’estero, la criminalità organizzata siciliana rimane il punto di riferimento per tutte le altre mafie in quanto alla forza militare e ai suoi rapporti con il mondo politico. Lo dimostrano le affermazioni del capitano Ultimo, lo dimostra la denuncia del presidente della Confesercenti di Palermo, il quale ha dichiarato che il “pizzo ”, in Sicilia, si paga ormai  “a tappeto ” (tanto che anche le “bancarelle ” ne sono soggette), lo  dimostrano i rapporti dubbi intercorsi tra alcuni politici ed esponenti di Cosa Nostra. Ma allora, in questo periodo di calma apparente, viene da chiedersi con chi abbia preso accordi Bernardo Provenzano in vista delle prossime elezioni. Il nostro pensiero, amaro per la verità, è che la caotica e confusa (per non dire disastrosa) situazione politica che caratterizza il nostro Paese manifesti la possibilità che un eventuale “scambio di favori ” possa avvenire sia con gli schieramenti di centrodestra che con quelli di centrosinistra.  Negli ultimi anni, infatti, mentre la mafia ha notoriamente votato Forza Italia, il centrosinistra si è dimostrato debole nella lotta contro il crimine organizzato e, fatta eccezione per alcuni membri della commissione antimafia o alcuni  esponenti politici, ha esercitato un’azione di contrasto pressoché nulla. Lo ha da poco denunciato a mezzo stampa il Procuratore di Palermo Piero Grasso dichiarando che “la lotta alla mafia non c ’è più” e lo denunciamo anche noi, in qualità di liberi cittadini della società civile, unendola nostra voce a chiunque alzi un coro di protesta.  La nostra speranza è che tale coro possa essere appoggiato dalla classe politica che,per il momento, sembra avere tutta la convenienza a lasciare le cose come sono dando alla mafia una più alta possibilità di vittoria. Se nessuno farà qualcosa per impedirlo, se non verrà organizzato un programma di repressione a livello governativo i quarantamila miliardi che nei prossimi anni giungeranno in Sicilia andranno ad alimentare le casse dei mafiosi. Come più volte abbiamo avuto modo di dire, la lotta alla mafia non può essere delegata alle sole associazioni laiche, cattoliche, alla magistratura o alla polizia giudiziaria. La lotta alla mafia deve essere soprattutto politica. Senza la forza della politica, del Parlamento, delle alte autorità dello Stato, la criminalità organizzata prenderà ancora una volta il sopravvento e il 2000 sarà caratterizzato, più che negli anni ‘50, da una mafia forte e da uno Stato debole, o peggio, colluso con Cosa Nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta