Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dom02262017

Last updateDom, 26 Feb 2017 9am

Processo trattativa, salta la deposizione di Mannino e Messina

Processo trattativa, salta la deposizione di Mannino e Messina

di Aaron Pettinari
La corte ammette la testimonianza di Filippo Graviano

Longo: ''Palermo è cambiata. Attenzione però, la mafia è più subdola''

Longo: ''Palermo è cambiata. Attenzione però, la mafia è più subdola''

di Aaron Pettinari
Il saluto del Questore di Palermo. Sarà Prefetto a Vibo Valentia

Di Matteo alla Dna, c'è il primo ok del Csm

Di Matteo alla Dna, c'è il primo ok del Csm

di Aaron Pettinari
La Commissione lo propone ma ora tocca al plenum

Traffico stupefacenti, 21 anni a Caruana, ''boss dei due mondi''

Traffico stupefacenti, 21 anni a Caruana, ''boss dei due mondi''

di AMDuemila
Nel 1994 coinvolto nel più ingente sequestro in Italia

Nel nome di Attilio Manca: il libro presentato a Castelvetrano

Nel nome di Attilio Manca: il libro presentato a Castelvetrano

di Miriam Cuccu - Foto e Audio
L'attacco a Messina Denaro: “Arrestato quando 'scadrà' il contratto con lo Stato”

20170224 crocetta pif lodato

Ultim'ora

attentato di matteo

MAFIENEWS

''Chi sparò a Moro lo guardò in faccia''

''Chi sparò a Moro lo guardò in faccia''

I Ris danno una nuova versione degli ultimi minuti dello statista Dc
di AMDuemila
“Chi sparò ad Aldo Moro lo guardò in faccia” . ...

''Freezer'': sequestro droga in case favoreggiatore

''Freezer'': sequestro droga in case favoreggiatore

di AMDuemila - Video
“Io il mafioso sempre ho voluto fare” . Diceva così Giuseppe Di Giovanni , in una conversazione intercettata nelle ...

Processo Caccia: Si alle intercettazioni captate con il virus informatico

Processo Caccia: Si alle intercettazioni captate con il virus informatico

Avvocato della famiglia del Procuratore di Torino ucciso chiede di scavare sulle sue indagini
di AMDuemila
Le intercettazioni telefoniche captate dalla ...

TERZOMILLENNIO

Le colombe armate dell'Europa

Le colombe armate dell'Europa

di Manlio Dinucci
I primi a volere un rafforzamento Nato, in funzione anti-Russia, sono in questo momento i governi europei dell'Alleanza. Tsipras comp...

Il traviamento della Conferenza di Monaco sulla sicurezza

Il traviamento della Conferenza di Monaco sulla sicurezza

«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°224
di Thierry Meyssan
La storia lo dimostra: ogni volta che un sistema cr...

Nucleare, Mosca a Trump: ''Ampliare l'arsenale? Si rischia catastrofe globale''

Nucleare, Mosca a Trump: ''Ampliare l'arsenale? Si rischia catastrofe globale''

da ilfattoquotidiano.it
Gli Stati Uniti devono restare "in testa al gruppo" delle potenze dell'atomica, aveva detto giovedì il capo della Casa Bi...

OPINIONI

La corruzione in Italia 25 anni dopo Tangentopoli

La corruzione in Italia 25 anni dopo Tangentopoli

Video all'interno!
di Sebastiano Ardita
Dopo 25 anni la corruzione è cambiata poco, sono cambiate forse le forme del suo contrasto, non in senso ...

Niente inchini alla camorra

 Niente inchini alla camorra

di Alex Zanotelli
Quello che è avvenuto lo scorso 4 gennaio al mercato della Maddalena è un fatto semplice e significativo: dei migranti ...

Don Ciotti: “La politica si metta al servizio della società (civile)”

Don Ciotti: “La politica si metta al servizio della società (civile)”

di Giacomo Russo Spena
“Dignità, è questa la parola chiave”. Riconquistare la dignità perduta. Don Luigi Ciotti ripart...

DI’ LA TUA

Ecoreati, impunità finita

Ecoreati, impunità finita

di Antonio Pergolizzi
Si profilano tempi duri, anzi durissimi, per gli ecocriminali. Sono bastati appena sei mesi di applicazione dei nuovi delitti amb...

Il Foglio dei Siciliani

Il Foglio dei Siciliani

PDF
di Riccardo Orioles
Chi comanda a Catania
Chi comanda davvero a Catania? Il sindaco di centrosinistra, il sindaco di centrodestra, l’arcivescov...

Gratteri alla Commissione antimafia: ''Anche i magistrati nelle logge massoniche''

Gratteri alla Commissione antimafia: ''Anche i magistrati nelle logge massoniche''

di Danilo Di Lorenzo
Il procuratore capo di Catanzaro: "Il rapporto tra massoneria deviata e ‘Ndrangheta oggi è ancora più stringen...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Un voto che prepara la guerra

Un voto che prepara la guerra

di Giulietto Chiesa
“Nella mia qualità di Presidente sono guidato dalla volontà del mio popolo e indirò un referendum sulla ...

La lotta mortale tra due ''Americhe profonde''

La lotta mortale tra due ''Americhe profonde''

Una è quella che ha eletto Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti
di Giulietto Chiesa
Una è quella che ha eletto Donald Trump alla p...

2017. Che fare?

2017. Che fare?

Un botta e risposta di Giulietto Chiesa con un lettore. Con quali soggetti unirsi? Intanto c'è un 'alleato': la crisi. Sempre più gente ...

mutolo-gaspare-arte-pittore

N5 Settembre 2000

Su quale tavolo politico giocheranno le prossime elezioni Bernardo Provenzano e la sua Cosa Nostra?

di Giorgio Bongiovanni

La Commissione Parlamentare Antimafia ha recentemente rivelato che la ‘Ndrangheta avrebbe superato la potenza criminale di Cosa Nostra, la mafia di Bernardo Provenzano. Non condividiamo tale notizia poiché le nostre indagini giornalistiche e gli atti processuali dimostrano che, a parte il ruolo predominante che in questo periodo la ‘Ndrangheta svolge nell ’amministrazione del  “mercato ” con l ’estero, la criminalità organizzata siciliana rimane il punto di riferimento per tutte le altre mafie in quanto alla forza militare e ai suoi rapporti con il mondo politico. Lo dimostrano le affermazioni del capitano Ultimo, lo dimostra la denuncia del presidente della Confesercenti di Palermo, il quale ha dichiarato che il “pizzo ”, in Sicilia, si paga ormai  “a tappeto ” (tanto che anche le “bancarelle ” ne sono soggette), lo  dimostrano i rapporti dubbi intercorsi tra alcuni politici ed esponenti di Cosa Nostra. Ma allora, in questo periodo di calma apparente, viene da chiedersi con chi abbia preso accordi Bernardo Provenzano in vista delle prossime elezioni. Il nostro pensiero, amaro per la verità, è che la caotica e confusa (per non dire disastrosa) situazione politica che caratterizza il nostro Paese manifesti la possibilità che un eventuale “scambio di favori ” possa avvenire sia con gli schieramenti di centrodestra che con quelli di centrosinistra.  Negli ultimi anni, infatti, mentre la mafia ha notoriamente votato Forza Italia, il centrosinistra si è dimostrato debole nella lotta contro il crimine organizzato e, fatta eccezione per alcuni membri della commissione antimafia o alcuni  esponenti politici, ha esercitato un’azione di contrasto pressoché nulla. Lo ha da poco denunciato a mezzo stampa il Procuratore di Palermo Piero Grasso dichiarando che “la lotta alla mafia non c ’è più” e lo denunciamo anche noi, in qualità di liberi cittadini della società civile, unendola nostra voce a chiunque alzi un coro di protesta.  La nostra speranza è che tale coro possa essere appoggiato dalla classe politica che,per il momento, sembra avere tutta la convenienza a lasciare le cose come sono dando alla mafia una più alta possibilità di vittoria. Se nessuno farà qualcosa per impedirlo, se non verrà organizzato un programma di repressione a livello governativo i quarantamila miliardi che nei prossimi anni giungeranno in Sicilia andranno ad alimentare le casse dei mafiosi. Come più volte abbiamo avuto modo di dire, la lotta alla mafia non può essere delegata alle sole associazioni laiche, cattoliche, alla magistratura o alla polizia giudiziaria. La lotta alla mafia deve essere soprattutto politica. Senza la forza della politica, del Parlamento, delle alte autorità dello Stato, la criminalità organizzata prenderà ancora una volta il sopravvento e il 2000 sarà caratterizzato, più che negli anni ‘50, da una mafia forte e da uno Stato debole, o peggio, colluso con Cosa Nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...

PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta