Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mar05242016

Last updateMar, 24 Mag 2016 12pm

Alla tavola rotonda gli studenti in ricordo di Falcone

Alla tavola rotonda gli studenti in ricordo di Falcone

Fotogallery all'interno!
di Francesca Mondin e Miriam Cuccu

L'iniziativa al ''Giotto Cipolla...

Parole e silenzi nel nome degli ''angeli'' di Falcone

Parole e silenzi nel nome degli ''angeli'' di Falcone

di AMDuemila - Fotogallery
Al Cimitero dei Rotoli il ricordo di Francesca Morvillo, Antonio ...

3.000 bimbi intrappolati nell'assedio: mancano cibo e farmaci

3.000 bimbi intrappolati nell'assedio: mancano cibo e farmaci

La denuncia di Save the children. Con l'assedio nella zona di Khan Eshieh, l'ultima strada...

Stato-mafia, ecco Angelo Niceta a riscontro di Ciancimino jr

Stato-mafia, ecco Angelo Niceta a riscontro di Ciancimino jr

di Aaron Pettinari
Al processo trattativa la testimonianza dell'ex imprenditore

Saverio Masi diffamato: rinviato a giudizio il colonnello Sottili

Saverio Masi diffamato: rinviato a giudizio il colonnello Sottili

di Lorenzo Baldo
La replica dell’avvocato Ugo Colonna

lodato sentenza mori

Ultim'ora

TERZOMILLENNIO

Egyptair: sono stati i neocon per colpire Hollande e Al-Sisi

Egyptair: sono stati i neocon per colpire Hollande e Al-Sisi

di Pietro Vernizzi - da Il Sussidiario
Intervista a Giulietto Chiesa. Il potere imperiale USA è in discussione. I neocon hanno capito che prima ...

Repressione in Polonia di marca NATO

Repressione in Polonia di marca NATO

di Giulietto Chiesa
Piskorski, il prigioniero politico prseguitato in Polonia da un sistema sempre più occupato dalla NATO, è stato conda...

Afghanistan, il racconto di Emergency: ''Un paziente su 3 è un bambino''

Afghanistan, il racconto di Emergency: ''Un paziente su 3 è un bambino''

di Chiara Giacobelli
Luca Radaelli (in foto) , responsabile Afghanistan di Emergency: "Dal 2008 costante aumento di vittime, civili sempre più coi...

OPINIONI

Il Referenzum

Il Referenzum

di Marco Travaglio
Per vent’anni i migliori psichiatri hanno classificato la propaganda berlusconiana alla voce “proiezione”: il mecc...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Yalta 2016

Yalta 2016

Il punto di Giulietto Chiesa
da
pandoratv.it
L’editoriale di Giulietto Chiesa dal Palazzo di Livadija, a Yalta, in cui tra il 4 e l’11 febbraio...

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

da pandoratv.it
Pubblichiamo l’intervista di Giulietto Chiesa nel corso di Uno Mattina riguardo al suo nuovo libro “Putinfobia”.

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Giulietto Chiesa [dalla Crimea]
da
pandoratv.it
L’agenzia Rupty ha diffuso le prime immagini della delegazione parlamentare italiana in visita in Cri...

mutolo-gaspare-arte-pittore

N1 Aprile 2000

 

NON E' UTOPIA

di Giorgio Bongiovanni

Siamo un gruppo di giovani, di un’età compresa tra i 25 e i 38 anni, provenienti da diverse esperienze di formazione scolastica ma che da anni sono uniti da una profonda amicizia e da un unico ideale spirituale e umano. La nostra casa editrice, della quale il sottoscritto è presidente, edita riviste di carattere scientifico, culturale, spirituale e produce documentari e videocassette che, fino ad oggi, non hanno mai approfondito direttamente il fenomeno mafia. Viviamo del nostro lavoro, cercando di diffondere ideali cristiani e universali e non godiamo di alcun tipo di sponsorizzazione. Questa è la redazione di "ANTIMAFIA duemila", la quale si onora di avere come direttore responsabile la dott.ssa Andreina De Tomassi, attiva da più di vent’anni negli ambienti giornalistici ed oggi decisa ad impegnarsi con noi in questo nuovo progetto. Il sottoscritto, direttore editoriale e fondatore di questo giornale, non ha esperienze pubbliche nel campo della lotta alla mafia (sebbene grazie alla sua esperienza mistico-spirituale-cristiana abbia partecipato a numerose conferenze e trasmissioni televisive in più di 35 diversi paesi nel mondo). La sua conoscenza si basa su otto anni di studi e di ricerche private, sulla lettura di decine di libri, atti processuali, testi delle audizioni delle deposizioni dei collaboratori di giustizia ai vari processi contro la criminalità organizzata, interviste, convegni eccetera. Nel generale Carlo Alberto dalla Chiesa, nel giornalista Giuseppe Fava, nei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e in tutti i martiri della giustizia, tra i quali giornalisti, giudici, poliziotti, carabinieri, politici, religiosi, funzionari pubblici e comuni cittadini riconosciamo i simboli della lotta alla criminalità organizzata. Il loro sangue, versato sulle strade del nostro paese da più di un secolo è il simbolo della lotta in difesa degli alti valori della giustizia e della legalità. E’il simbolo di quanti, servitori del prossimo, servitori dello Stato, hanno deciso di sacrificare la propria vita per noi. Di quanti si sono battuti e si stanno battendo per noi. In merito a questo vorremmo rivolgere un ringraziamento particolare alla dott. ssa Falcone, la quale, con il suo esempio, ha alimentato in noi il desiderio di scendere in campo contro uno dei mali più radicati della nostra società. E oggi, in questo clima in cui si avverte una sorta di rilassamento degli organi istituzionali nei confronti della lotta alla mafia, ogni cittadino della cosiddetta società civile è chiamato a fare la propria parte. Come ha pronosticato il giudice Falcone, Cosa Nostra e le altre organizzazioni criminali direttamente o indirettamente da essa condizionate oggi, nel 2000, esistono ancora e forse sono più potenti di quanto non lo fossero nel 1992. Con i suoi soldati, capi decina, consiglieri, capi mandamento, capi commissione, Cosa Nostra continua a stringere alleanze con esponenti del mondo politico e finanziario e continua ad arricchirsi sfruttando ogni forma di attività illecita. Ed è per denunciare questi mali e per riscoprire l’importanza della memoria storica che abbiamo deciso di creare ANTIMAFIA duemila. Il curriculum con il quale ci presentiamo a voi lettori è sicuramente molto modesto, ma decisa e ferma è la nostra volontà di dare un contributo alla lotta contro la mafia. Speriamo nella vostra collaborazione perché il giornale è nostro, vostro e di tutti coloro che sono assetati di giustizia. Non è utopia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SUICIDATE ATTILIO MANCA

SUICIDATE ATTILIO MANCA

by Lorenzo Baldo

È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in...

LA CITTÀ MARCIA

LA CITTÀ MARCIA

by Bianca Stancanelli

Stava raccontando la mafia e il potere. L'hanno...


LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

by Gianni Flamini

La storia italiana repubblicana è connotata da uno...

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

by Roberto Rossetti

Dopo la morte dell'amico e collega Giovanni Falcone,...


IN MORTE DI DON MASINO

IN MORTE DI DON MASINO

by Pietro Orsatti

Un giornalista e la sua ossessione: scoprire che...

AL POSTO SBAGLIATO

AL POSTO SBAGLIATO

Le mafie hanno sempre ucciso i bambini. Le...


ANTHOLOGIA

ANTHOLOGIA

by Letizia Battaglia

Drago è orgogliosa di annunciare Anthologia, un’imponente raccolta...

COSÌ VI HO AVVELENATO

COSÌ VI HO AVVELENATO

by Daniela De Crescenzo, Gaetano Vassallo

Gaetano Vassallo è il manager dei rifiuti che...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta