Dom08302015

Last updateDom, 30 Ago 2015 3pm

Libero Grassi e quella “prima pietra” nella lotta imprenditoriale contro Cosa nostra

Libero Grassi e quella “prima pietra” nella lotta imprenditoriale contro Cosa nostra

di Aaron Pettinari - 29 agosto 2015
“Volevo avvertire il nostro ignoto estortore di risparmiare le telefonate dal tono minaccioso e le spese per ...

Pronta una cella per “Neneco”

Pronta una cella per “Neneco”

di Jean Georges Almendras - 27 agosto 2015
A metà settembre o giù di lì, salvo contrattempi, sbarcherà in Paraguay l'ex sin...

Antimafia Duemila riceve la tessera delle Agende Rosse

Antimafia Duemila riceve la tessera delle Agende Rosse

Salvatore Borsellino: "Vorrei che Casa di Paolo fosse simbolo delle associazioni antimafia"
di AMDuemila - 26 agosto 2015
Il simbolo di una comunione di ...

Perchè la mafia ha ucciso mio padre

Perchè la mafia ha ucciso mio padre

La lettera della figlia del giornalista ucciso in Paraguay
di Dyrsen Medina - 24 agosto 2015
Coronel Oviedo (Paraguay). Scoprire e rendere pubblico il vo...

Strage di Pizzolungo: prove di trattativa

Strage di Pizzolungo: prove di trattativa

Scopri il nuovo ANTIMAFIADuemila
di Michela Gargiulo *
Un giudice ed una bambina, due vite diverse lo stesso destino. Quella mattina del 2 aprile 1985 a ...

  • La rivista

  • Editoriale

  • Abbonamenti

  • amduemila-n72-homeDisponibile in libreria e nelle edicole della Sicilia da metà luglio.

    Acquista subito la NUOVA RIVISTA cartacea o PDF sul sito ufficiale della testata.

    LEGGI TUTTO...

     

    Mafia, corruzione, un sistema criminale integrato che si rafforza nel rapporto reciproco in nome degli affari e della gestione del potere. E’ questo l’inquietante scenario che si presenta dopo anni di inchieste ed indagini. In passato uomini coraggiosi, da Scaglione al prefetto dalla Chiesa, per citarne alcuni, con il loro lavoro avevano forse già intuito quello che successivamente Falcone ha chiamato “gioco grande”. Oggi, grazie all’impegno di altri magistrati, si inizia non solo a conoscere i nomi dei “collusi”, ma anche a capirne i ruoli, a scoprire patti e tornaconti, a comprendere la vera natura di questo rapporto.
    Di tutto ciò parliamo in questo numero, “Se fosse Stato”, dove si analizzano pezzi di storie apparentemente slegate tra loro ma che in realtà hanno un denominatore comune.  
    E’ quanto viene descritto nelle interviste ai pm Giuseppe Lombardo e Nino Di Matteo.
    Il processo trattativa Stato-mafia, le indagini ancora in corso, gli scandali di Mafia capitale, le inchieste sul fronte calabrese mettono in evidenza l’esistenza di un livello “altro”, fatto di figure “invisibili”, pronte a speculare sulla vita dei popoli per trarre il maggior profitto possibile. Nel mezzo poi ci sono tante verità mancate, dalle stragi alla morte di Attilio Manca. Eventi criminali figli di una convergenza di interessi tra poteri. A chi giova? Cosa c’è dietro? Sono alcune delle domande a cui si cerca di dare risposta nei vari approfondimenti.

    Acquista il nuovo numero: Clicca qui!


    SE FOSSE STATO

    editoriale
    Gli invisibili, i veri capi della mafia
    di Giorgio Bongiovanni


    le inchieste: la metamorfosi mafiosa
    Droga e appalti: nell’operazione Verbero gli affari di una Cosa nostra che non muore
    di Aaron Pettinari

    Roma, la vecchia faccia della nuova mafia
    di Pietro Orsatti

    Calogero Mannino, storia del “prequel” della “Trattativa”
    di Aaron Pettinari

    Massimo Ciancimino e l’attendibilità “parziale” ma “significativa”
    di Aaron Pettinari

    Ecoreati, a chi giova questa legge?
    di Francesca Mondin e Miriam Cuccu

    Attilio Manca: silenzi e omissioni che uccidono
    di Luciano Mirone


    i dossier: dietro le quinte
    Corsi e ricorsi storici
    di Giuseppe Lo Bianco

    Di Matteo: “La lotta alla mafia non è una priorità neanche per la magistratura”
    di Lorenzo Baldo

    ‘Ndrangheta, Cosa nostra e il sistema criminale integrato
    di Giorgio Bongiovanni

    Good morning America!
    di Anna Petrozzi

    Il “Doppio livello” e gli “ibridi connubi” evocati da Giovanni Falcone
    di Stefania Limiti

    Una storia che non vende
    di Anna Vinci

    Strage di Pizzolungo: prove di trattativa
    di Michela Gargiulo


    terzomillennio: uno sguardo sul mondo
    Le ragioni della Russia e l’economia ucraina
    di Giulietto Chiesa


    scuola: imparo l’alternativa
    Terre in rivolta: quando i sogni diventano realtà concrete
    di Sara Donatelli

    Se tre giorni cambiano la vita
    di AMDuemila

    Ai sognatori
    di Miriam Cuccu


    libri: leggo, so e penso
    Collusi
    di Nino Di Matteo e Salvo Palazzolo

    Oro bianco
    di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri

    Lettera a un figlio su Mani pulite
    di Gherardo Colombo

    Sola con te in un futuro aprile
    di Margherita Asta e Michela Gargiulo

    Cento passi ancora
    di Salvo Vitale

    Attacco all'Ucraina
    di AA. VV.

    Diario
    di Letizia Battaglia

    Complici
    di Sandro Provvisionato e Stefania Limiti

    Sulle ginocchia
    di Franco La Torre

  • amduemila-n72Gli invisibili, i veri capi della mafia
    di Giorgio Bongiovanni
    Un pugno di uomini di Stato, cittadini, giornalisti, a un certo punto intuisce e comprende che le organizzazioni criminali di cui il nostro Paese può vantare la paternità...

    LEGGI TUTTO...


    ...basano la loro forza e potenza non solo sulla ricchezza economica, ma anche e soprattutto sulle alleanze di uomini collusi con le mafie stesse.
    Così, agli inizi degli anni Ottanta, prende il via la vera lotta a Cosa nostra con quello che passerà alla storia come il “pool antimafia” di cui facevano parte anche Falcone e Borsellino, ideato da Rocco Chinnici, portato avanti poi da Nino Caponnetto. Una sistematica opera di contrasto da parte delle istituzioni preposte, dopo le straordinarie intuizioni pagate con la vita da toghe coraggiose come Scaglione, Costa, Terranova, Scopelliti, Saetta, Ciaccio Montalto, e il prefetto dalla Chiesa. L’inversione di rotta ha inizio proprio con quei magistrati per i quali l’Italia, con imbarazzante ritardo dopo la tragica morte, si leverà il cappello per poi installarli su di un eterno piedistallo.
    Quando però questi magistrati erano ancora vivi (e contestati) si inizia, dicevamo, a cercare la mafia lì dove era diventata più potente: nella politica, con la quale faceva affari e accordi. Chi, in quegli anni, non sapeva infatti che i cugini Salvo, l’onorevole Salvo Lima, su su fino a Giulio Andreotti, facevano affari con Cosa nostra?
    Fino a quel momento, però, nessuno si era mai sognato di provare a smascherare, processare e addirittura condannare esponenti politici collusi con la mafia. Negli anni Novanta e Duemila, sono altri i magistrati che cambiano le regole del gioco sulla scia dei loro predecessori, avviando una serie di indagini in quella direzione. In prima linea la Procura di Palermo, guidata dopo le stragi da Gian Carlo Caselli, che comincia a trascinare alla sbarra il fior fiore della politica legata alla mafia.  
    Oggi, dopo vent’anni, si inizia non solo a conoscere i nomi dei “collusi”, ma anche a capirne i ruoli, a scoprire patti e tornaconti, a comprendere la vera natura del rapporto tra mafia e potere.
    Questo numero ne è una chiara sintesi. Inquietante, purtroppo, della situazione che oggi ci troviamo a vivere, che non è poi molto diversa da quella vissuta dall’inizio del secolo scorso fino agli anni Ottanta. Malgrado non esplodano più le bombe sotto le autostrade o vicino ai monumenti, malgrado non si senta più parlare di omicidi eccellenti, ci sentiamo in dovere di dire, seppur con amarezza, che la situazione sembra essersi addirittura volta al peggio.
    Quest’ultimo volume di AntimafiaDuemila contiene storie e analisi di redattori e collaboratori apparentemente diverse. In realtà, tutte seguono il medesimo filo conduttore. Non più il risultato di un’intuizione o di un presentimento, ma di fatti e circostanze messi in fila, frutto di indagini svolte dai magistrati impegnati contro le mafie. Quelli che hanno preso il timone di coloro che sono stati uccisi (Falcone e Borsellino, due nomi su tutti) seguendo le loro tracce sono arrivati all’essenza stessa delle organizzazioni criminali, ciò che, nonostante gli arresti e le confische, ancora permette loro di vivere e fortificarsi.
    Il fatto che la mafia è parte integrante degli altri poteri. Non un manipolo di uomini sanguinari che dichiara guerra alle istituzioni, o uno “stato nello Stato”, ma un’organizzazione ben più fluida e funzionale alle alte sfere del Paese, che della sua esistenza traggono vantaggio e giovamento, a prescindere dai partiti e dai governi che, uno dopo l’altro, si sono avvicendati nel corso di 150 anni di storia.
    Oggi quei magistrati l’hanno capito, seguendo le intuizioni che già si palesavano vent’anni prima, dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio, che in Italia vive e prospera quello che è stato definito “sistema criminale integrato”. A parlarne per primi i magistrati Roberto Scarpinato e Antonio Ingroia, al tempo procuratore aggiunto e sostituto procuratore di Palermo, con l’inchiesta chiamata proprio “Sistemi criminali”, poi archiviata. Hanno iniziato a percorrere questo cammino cercando di entrare nella stanza del potere per capire chi sono i mandanti esterni delle stragi che hanno ucciso i loro maestri. Da qui nasce il processo trattativa Stato-mafia e le relative indagini ancora in corso, ma anche altre inchieste sugli scandali di corruzione, la cosiddetta Mafia Capitale e quelle sulla penetrazione delle organizzazioni criminali dall’estremo Nord fino alla punta dello stivale. Sono tutte prove di quale faccia ha il vero potere in Italia, dove a comandare non è più la politica. Dietro le loro azioni si può spesso intuire l’esistenza di altri interessi e pressioni, che a volte sembrano arrivare a concretizzarsi in alcune leggi dalle forti criticità, come quella sugli ecoreati, appena approvata e oggetto di aspre polemiche. Senza dimenticare, poi, il panorama internazionale: la crisi ucraina è uno degli esempi più eclatanti dei meccanismi messi in atto per trascinare in guerra le nazioni “democratiche” attraverso una sistematica campagna di manipolazione dell’informazione.
    Dall’intervista al pm Nino Di Matteo si evince come la presenza delle organizzazioni criminali integrate non si fonda su teorie, ma su fatti e amare verità, così come si intuisce dalla morte del dottor Attilio Manca, divenuto da vivo troppo pericoloso per la latitanza di Provenzano (sempre più indizi provano che l’urologo operò il boss a Marsiglia) e fatto passare, da morto, per un “drogato suicida”. D’altronde, lo stesso Giovanni Falcone ci parlava di “ibridi connubi fra criminalità organizzata, centri di poteri extraistituzionali e settori devianti dello Stato”. Oggi la magistratura ha fatto ancora passi avanti, le indagini in corso sono mirate proprio a indagare su questo “filo invisibile”. Non si potrebbe spiegare, altrimenti, la condanna a morte di Nino Di Matteo, prima pronunciata dal capo di Cosa nostra Totò Riina, oggi in carcere, poi dal superlatitante Matteo Messina Denaro. Non sappiamo ancora per conto di chi, ma sappiamo che il pm di Palermo “si è spinto troppo oltre” (forse anche per il Csm, che a Di Matteo ha opposto una secca bocciatura per il posto alla Procura nazionale antimafia?) come se fosse giunto a pigiare dei tasti mai da nessuno finora sfiorati. Anche le indagini sul versante calabrese (portate avanti da alcuni pm come Giuseppe Lombardo e Nicola Gratteri) ci confermano, oltre alla straordinaria potenza della ‘Ndrangheta, oggi sovrana del traffico di cocaina nel mondo occidentale, che esiste un livello “altro”, superiore a quanto conosciuto, un sistema che porta le mafie direttamente nelle stanze dei bottoni grazie a uomini appartenenti a questa alta sfera. Sono i veri coordinatori, coloro che stabiliscono le strategie che interessano tutta la criminalità organizzata, e non solo. Sono invisibili, perché il loro status non è conosciuto all’interno delle organizzazioni criminali che conosciamo, personaggi riservati ai più ma tenuti in alta considerazione dai grandi boss, che da loro ricevono indicazioni quando il gioco inizia a farsi troppo grande. Questi meccanismi, però, hanno inizio ben prima delle bombe del ‘92 e ‘93, ben prima di “quella” trattativa oggetto del processo in corso a Palermo. Di questo patto dalle radici antiche, in cui la mafia è il braccio armato che consente al resto del sistema di raggiungere determinati obiettivi, ne è un tragico esempio la strage di Pizzolungo (nella quale furono uccisi Barbara Rizza con i due figli di sei anni, Giuseppe e Salvatore) tentativo non riuscito di eliminare un magistrato, Carlo Palermo, che si occupava di inchieste di mafia e del grande traffico di droga e armi nel quale era coinvolto il partito socialista e il governo Craxi.
    E però, malgrado sia parte integrante del potere, la mafia conserva anche e ancora i suoi caratteri peculiari, primo fra tutti la presenza sul locale, grazie al sistema del racket. Esemplare, in tal senso, la storia dell’imprenditore Lo Sicco, in una Palermo dove il controllo del territorio e degli affari, per i boss, è tutto. Una questione resa ancora più urgente dal capitolo beni confiscati, vera e propria spina nel fianco specialmente quando vengono destinati ad associazioni e cooperative che ridanno loro un nuovo scopo, lontano dall’immagine di potere tanto caro alle organizzazioni criminali.
    E’ grazie a questa molteplicità di aspetti che, citando le parole del defunto pentito Salvatore Cancemi, la mafia rinasce “come la gramigna”. Lo fa ormai da 150 anni. Lo farà fino a quando, (per dirla con la conclusione del libro “Collusi” scritto da Di Matteo e Palazzolo) il nostro Stato non se ne vorrà veramente e definitivamente liberare, fino a quando, cioè, non troverà il coraggio di guardarsi dentro.

    Acquista il nuovo numero: Clicca qui!

abbo-home

Ultim'ora

MAFIENEWS

A Roma i funerali del boss Casamonica, tra carrozze, cavalli e petali di rosa

A Roma i funerali del boss Casamonica, tra carrozze, cavalli e petali di rosa

di Emiliano Federico Caruso - 21 agosto 2015
Quartiere Tuscolano, a sud di Roma, vicino ad alcune delle strade più importanti e trafficate della Capitale, è una zona famosa nella storia: Pasolini vi pa...

'Ndrangheta, processo Aemilia: chiesto il processo per 219 persone

'Ndrangheta, processo Aemilia: chiesto il processo per 219 persone

Le udienze si terranno a Bologna. Stralciate 5 posizioni per vizio notifica
di AMDuemila - 27 giugno 2015
Sono state firmate dai Pm della Dda di Bologna le richieste di rinvio a giudizio per l'inchiesta...

Salento, la Guardia di Finanza sequestra 167 kg di marijuana

Salento, la Guardia di Finanza sequestra 167 kg di marijuana

di Antonio Nicola Pezzuto – 22 agosto 2015
Sono straordinarie le coste salentine nella loro naturale bellezza. Dipinte di mille colori, soprattutto durante la stagione estiva, diventano meta ambita di ...

TERZOMILLENNIO

Il grande gioco

Il grande gioco

Sicurezza e guerra all'alba del XXI secolo. Complessità delle relazioni internazionali, vecchie e nuove strategie
di Aldo Giannuli - 27 agosto 2015
Ancora oggi, l'opinione più diffusa fa c...

Che la paura non ci paralizzi

Che la paura non ci paralizzi

di Jean Georges Almendras * - 29 agosto 2015

L’assassinio del fotoreporter Rubén Espinosa e di quattro donne, tra cui l'attivista Nadia Vera, avvenuto in Messico all'alba di venerdì ...

Quale futuro per il M5S?

Quale futuro per il M5S?

di Giulietto Chiesa - 25 agosto 2015
Che farà il Movimento 5 Stelle nelle prossime settimane e mesi? Che sta succedendo là dentro?

Intendendosi per "là dentro" i diversi livelli della sua esistenza: la ...

OPINIONI

Sempre più vittime tra profughi e migranti

Sempre più vittime tra profughi e migranti

di Nicola Tranfaglia - 27 agosto 2015
Ieri è stata una giornata particolarmente drammatica al largo delle coste italiane. La differenza tra i profughi e i migranti è chiara: i primi fuggo...

Mafia, casinò e spioni Perché è morto Caccia

Mafia, casinò e spioni Perché è morto Caccia

Nuova indagine della Procura di Milano. Coinvolto l’avvocato Saro Cattafi
di Davide Milosa - 25 agosto 2015
La storia riparte trentadue anni dopo. E cambia radicalmente. Sul tavolo un caso di cronaca cl...

Caso Casamonica. Quale problema? Direbbe Johhny Stecchino…

Caso Casamonica. Quale problema? Direbbe Johhny Stecchino…

di Antonio Roccuzzo - 25 agosto 2015
Il comitato per l’ordine pubblico di Roma ha partorito il topolino, sul caso Casamonica. “Roma come Palermo”, si dirà e titoleranno i giornali. Ma siccome non c’è r...

DI’ LA TUA

Gherardo Colombo: «Per combattere la corruzione Mani Pulite non è bastata»

Gherardo Colombo: «Per combattere la corruzione Mani Pulite non è bastata»

di Sondra Coggio - 24 agosto 2015
La Spezia - "Perché sia corrotto il vertice è necessario che sia corrotta la base". Gherardo Colombo è lapidario. Asciutto, come ai tempi in cui il pool della Procura ...

“Capitano Ultimo”, è tutto oro quello che luccica?

“Capitano Ultimo”, è tutto oro quello che luccica?

di Movimento Agende Rosse - 25 agosto 2015
Lo scorso venerdì 21 Agosto 2015 è stata resa nota l'esautorazione del “Capitano Ultimo” (alias del Colonnello dei Carabinieri Sergio De Caprio) dalle funzion...

Il Padrino e il “Patto delle mafie”

Il Padrino e il “Patto delle mafie”

di Giuliano Girlando - 21 agosto 2015
Le immagini del funerale di Vittorio Casamonica, stile “The Godfather”, il Padrino stanno facendo il giro del mondo e rimbalzano sui siti del The Guardian e della ...

CI VEDIAMO A...

Workshop di fotografia con Shobha. La via del sale - dal 3 all'8 Settembre

Workshop di fotografia con Shobha. La via del sale - dal 3 all'8 Settembre

In questo viaggio visiteremo il cuore di una Sicilia silenziosa, a tratti arcaica e selvaggia, cercheremo la bellezza, troppo spesso solcata dalla mano insensibile dell’uomo che ha violentato la natur...

Il premio Roberto Morrione alle giornate del giornalismo di Riccione - 4 e 5 Settembre

Il premio Roberto Morrione alle giornate del giornalismo di Riccione - 4 e 5 Settembre

Premiazione dell’inchiesta vincitrice e dibattito sul futuro dell’informazione con Walter Veltroni e Beppe Giulietti

Le tre inchieste finaliste del Premio Roberto Morrione saranno presentat...

Presentazione del libro "Felicia e le sue sorelle" - 25 agosto

Presentazione del libro

Nuovo appuntamento a Petrosino con la rassegna “Incontri al tramonto per parlare di antimafia” .
Martedì 25 agosto alle 18.30 , presso il Lungomare Biscione – Cala Fossanave, si terrà un incontro organizza...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Appunti sulla strategia del nemico

Appunti sulla strategia del nemico

di Giulietto Chiesa - 25 agosto 2015
I bambini non sanno farsi da mangiare da soli. La gente non è in grado di farsi la propria razione d'informazione. Chi ha pensato il contrario, si sbaglia
con una not...

“Chi ricovera chi?”

“Chi ricovera chi?”

Il Punto di Giulietto Chiesa
da pandoratv.it - 25 agosto 2015
Giulietto Chiesa introduce un commento di Kevin O’ Leary ai dati sulla distribuzione della ricchezza mondiale. Un commento che rappresenta il ...

Gregor Gisy: 'L'affare dei 14 aeroporti greci svenduti alla Germania' - VIDEO

Gregor Gisy: 'L'affare dei 14 aeroporti greci svenduti alla Germania' - VIDEO

Durissimo attacco in parlamento del capogruppo della sinistra tedesca alle privatizzazioni-rapina con cui Berlino s'impadronisce degli aeroporti greci
da pandoratv.it -  20 agosto 2015
Gregor Gysi, c...

mutolo-gaspare-arte-pittore

funima-5xmille-2015

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SLURP

SLURP

by Marco Travaglio

Ecco perché l’Italia non è una democrazia compiuta:...

IO SONO PEPPINO

IO SONO PEPPINO

by Simona Della Croce

Peppino Impastato è oggi uno dei personaggi simbolo...


''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

''L'ORA'' DELLE BATTAGLIE

by Stefania Pipitone

La storia di un glorioso giornale siciliano come...

ATTACCO ALL'UCRAINA

ATTACCO ALL'UCRAINA

Un punto di vista fuori dal coro sulla...


LA TERRA BIANCA

LA TERRA BIANCA

by Giulio Milani

Mattina del 17 luglio del 1988. Esplode il...

COLLUSI

COLLUSI

by Nino Di Matteo, Salvo Palazzolo

Da oltre vent’anni Nino Di Matteo è in...


SOLDATESSA DEL CALIFFATO

SOLDATESSA DEL CALIFFATO

by Simone Di Meo, Giuseppe Iannini

Il mondo (sottosopra) del terrorismo islamico visto e...

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

ANCHE OGGI NON MI HA SPARATO NESSUNO

by Riccardo Arena

Un romanzo per raccontare il presente, far riflettere...


Libri in primo piano

quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la-verita-del-pentitoGiovanna Montanaro

LA VERITA' DEL PENTITO

Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose



apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta