Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lun05302016

Last updateLun, 30 Mag 2016 7pm

Sentenza Tagliavia, per la Corte d’appello ''trattativa comprovata''

Sentenza Tagliavia, per la Corte d’appello ''trattativa comprovata''

di Miriam Cuccu e Francesca Mondin
Depositate a Firenze, la settimana scorsa, le motivazion...

Capaci, proseguono le indagini: ''Possibili sviluppi sui mandanti esterni''

Capaci, proseguono le indagini: ''Possibili sviluppi sui mandanti esterni''

di Miriam Cuccu
Oggi chiesti cinque ergastoli. Lia Sava: “Ci sarà un processo ...

Diffamò il pm Di Matteo, imputazione coatta per Giuliano Ferrara

Diffamò il pm Di Matteo, imputazione coatta per Giuliano Ferrara

di Aaron Pettinari
Per il Gip di Milano nel suo articolo “riferimenti a circostanze d...

Processo trattativa, Villani: ''L'esplosivo per le stragi partito dalla 'Ndrangheta''

Processo trattativa, Villani: ''L'esplosivo per le stragi partito dalla 'Ndrangheta''

di Lorenzo Baldo e Aaron Pettinari
“Il tritolo per le stragi siciliane è parti...

Processo d'appello Mori-Obinu, assolti gli ex ufficiali del Ros

Processo d'appello Mori-Obinu, assolti gli ex ufficiali del Ros

di Aaron Pettinari - Fotogallery
La Corte ha confermato la sentenza del primo grado. Trasmes...

lodato sentenza mori

Ultim'ora

20160530 suicidate manca amazon

TERZOMILLENNIO

Migrazioni in UE, poche luci e molte ombre

Migrazioni in UE, poche luci e molte ombre

di Piero Innocenti
L’ultimo rapporto ISAA (Integrated Situation Awareness and Analysis, 20 maggio 2016) della Commissione Europea e dell’Eu...

Repressione in Polonia di marca NATO

Repressione in Polonia di marca NATO

di Giulietto Chiesa
Piskorski, il prigioniero politico proseguitato in Polonia da un sistema sempre più occupato dalla NATO, è stato cond...

OPINIONI

''Manca? Uccidetelo a Barcellona''

''Manca? Uccidetelo a Barcellona''

di Luciano Mirone
Quale ruolo avrebbe avuto Attilio Manca nell’operazione di Provenzano? Qui i magistrati della Procura distrettuale antimafia di...

La libertà di Saviano

La libertà di Saviano

di Mario Calabresi
Ho incontrato Roberto Saviano per la prima volta a maggio del 2008, il suo libro era uscito due anni prima e da 19 mesi viveva sotto...

I problemi del debito pubblico in Cina

I problemi del debito pubblico in Cina

di Nicola Tranfaglia
In un'altra parte del mondo, molto lontano da noi (ma la globalizzazione impone ormai di tenerne conto), c'è un debito pubb...

ALTERNATIVA - PANDORA TV

Yalta 2016

Yalta 2016

Il punto di Giulietto Chiesa
da
pandoratv.it
L’editoriale di Giulietto Chiesa dal Palazzo di Livadija, a Yalta, in cui tra il 4 e l’11 febbraio...

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

Giulietto Chiesa interviene a Uno Mattina

da pandoratv.it
Pubblichiamo l’intervista di Giulietto Chiesa nel corso di Uno Mattina riguardo al suo nuovo libro “Putinfobia”.

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Sanzioni alla Russia, un errore e un danno per tutti

Giulietto Chiesa [dalla Crimea]
da
pandoratv.it
L’agenzia Rupty ha diffuso le prime immagini della delegazione parlamentare italiana in visita in Cri...

mutolo-gaspare-arte-pittore

Redazione


ANTIMAFIADuemila è nata a Palermo il 25 marzo 2000 per volontà del suo fondatore Giorgio Bongiovanni. La redazione principale si trova a Sant' Elpidio a Mare, in provincia di Fermo, dove ha sede l’Associazione Culturale no profit Falcone e Borsellino che edita la rivista.

Il nostro principale intento è di riportare le informazioni che riguardano le maggiori mafie che infestano il nostro Paese: Cosa Nostra prima di tutte e poi ‘Ndrangheta, Camorra e Sacra Corona Unita, ecc e soprattutto di spiegare come queste agiscano e proliferino in stretta connessione con il potere politico, economico, istituzionale deviato e occulto.

A causa di un’informazione insufficiente, incompleta e troppo spesso manipolata o artefatta sono ancora milioni gli italiani che ritengono la mafia una questione di ordinaria criminalità circoscritta ad alcune regioni meridionali del nostro Paese. In realtà indagini, processi, documenti e inchieste dimostrano come le mafie si siano infiltrate stabilmente anche nelle regioni del Nord così come all’estero. Grazie ai miliardi di euro, accumulati con i grandi traffici di droga e con le altre attività illecite, riciclati e reintrodotti nell’economia legale usufruendo dei moderni canali di globalizzazione dei mercati le mafie sono diventate oggi la prima azienda d’Italia con fatturati da capogiro.
Con questo potere a disposizione si comprende facilmente come siano in grado di comprare, corrompere e condizionare uomini e politiche conquistando come un cancro infetto e metastatico anche le zone sane in Italia e in Europa.

Come è stato possibile giungere a questa devastante situazione?

La risposta è nella nostra storia.

Occorre infatti comprendere come mai queste mafie, Cosa Nostra in primis, che hanno origini centenarie, non siano mai state debellate da nessun governo in nessuna compagine politica. Sottovalutazione, superficialità, connivenza, convergenza di interessi?

Recenti inchieste e l’apertura degli archivi storici dimostrano come Cosa Nostra, per esempio, sia stata determinante sin dai primi anni della nascita della Repubblica nel concorrere a stabilire gli assetti politici e quindi economici del nostro Paese in relazione agli equilibri mondiali.

E più volte, ci dicono le sentenze, forze interne ed esterne ai vari Governi hanno fatto ricorso alla sua violenza eversiva. Da Portella della Ginestra, all’Italicus, fino alla più recente stagione stragista che ha insanguinato il nostro Paese con gli eccidi di Capaci, via D’Amelio e le bombe di Firenze, Roma e Milano.

Proprio sulle stragi che hanno dilaniato i corpi di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino dei loro agenti di scorta e degli innocenti è concentrato il nostro sforzo investigativo e giornalistico. Siamo infatti profondamente convinti, sulla base degli atti processuali e delle nostre ricerche, che dietro questi eventi ci sia stata una regia ben precisa atta a stabilire determinati equilibri interni ed esterni al nostro Paese. Siamo convinti che tra coloro che ci governano oggi si nascondano i mandanti esterni di quelle stragi, coloro che hanno pianificato la Seconda Repubblica con lo specifico scopo di mantenere e di peggiorare lo stato di disequilibrio sociale in Italia e nel mondo a vantaggio di quei pochissimi che, secondo i loro piani, avranno diritto di usufruire delle limitate risorse che il nostro Pianeta, sfruttato a dismisura, ancora può offrire.

Seguiteci, appoggiateci, consigliateci, siamo disponibili a qualsiasi confronto intelligente, serio e propositivo e ad ospitare i vostri lavori, pensieri, opinioni.

La Redazione


Potete contattarci a questi indirizzi di posta elettronica:

Direttore responsabile:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vice direttore:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Capo redattore:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Capo redattore:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Redattori:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Segreteria:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webmaster e
Ufficio grafico:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio abbonamenti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Redazione ANTIMAFIADuemila
Via Molino I° 1824
Sant'Elpidio a Mare
Fermo (FM)
63811

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 0734 277448
Fax. 0734 810526

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SUICIDATE ATTILIO MANCA

SUICIDATE ATTILIO MANCA

by Lorenzo Baldo

È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in...

LA CITTÀ MARCIA

LA CITTÀ MARCIA

by Bianca Stancanelli

Stava raccontando la mafia e il potere. L'hanno...


LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

LA REPUBBLICA IN OSTAGGIO

by Gianni Flamini

La storia italiana repubblicana è connotata da uno...

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

PAOLO BORSELLINO. UN EROE SEMPLICE

by Roberto Rossetti

Dopo la morte dell'amico e collega Giovanni Falcone,...


IN MORTE DI DON MASINO

IN MORTE DI DON MASINO

by Pietro Orsatti

Un giornalista e la sua ossessione: scoprire che...

AL POSTO SBAGLIATO

AL POSTO SBAGLIATO

Le mafie hanno sempre ucciso i bambini. Le...


ANTHOLOGIA

ANTHOLOGIA

by Letizia Battaglia

Drago è orgogliosa di annunciare Anthologia, un’imponente raccolta...

COSÌ VI HO AVVELENATO

COSÌ VI HO AVVELENATO

by Daniela De Crescenzo, Gaetano Vassallo

Gaetano Vassallo è il manager dei rifiuti che...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta